Pagina 44 di 52 PrimoPrimo ... 34353637383940414243444546474849505152 UltimoUltimo
Mostra risultati da 646 a 660 di 771

Discussione: Cortina-Civetta-Arabba: il nuovo collegamento da 64 milioni

  1. #646
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Sci Head WorldCup Rebels IRace 180 cm Nordica Boots Speedmachine 130

    Predefinito

    Ho messo la cartina della zona dove secondo me può passare una pista! Poi la parte di raccordo sotto, nei pressi del fondovalle si può fare con uno Stradello parallelo al fiume e ricavato con terre armate! Insomma non è che la pista può essere fatta esattamente dove passa l’impianto, la fai passare dove si può e nella parte bassa raccordi. Mi sembrate tutti super talebani. Se nella vale codalonga non si può, si farà a meno. Ma hanno collegato pinzolo a mdc.. e vari altri posti in aa ... qui non dobbiamo? Perché ?

  2. #647

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da mauropd Vedi messaggio
    Ho messo la cartina della zona dove secondo me può passare una pista! Poi la parte di raccordo sotto, nei pressi del fondovalle si può fare con uno Stradello parallelo al fiume e ricavato con terre armate! Insomma non è che la pista può essere fatta esattamente dove passa l’impianto, la fai passare dove si può e nella parte bassa raccordi. Mi sembrate tutti super talebani. Se nella vale codalonga non si può, si farà a meno. Ma hanno collegato pinzolo a mdc.. e vari altri posti in aa ... qui non dobbiamo? Perché ?
    Perché non c sono le condizioni, semplicemente questo. Guarda se 15 anni fa mi avessero chiesto se fossi stato favorevole a tale collegamento avrei detto di sì, poi ho frequentato le valli interessate sia come turista, sia per lavoro ed ultimamente ci ho pure comprato una casa e m son sempre più reso conto che questo collegamento non avrebbe senso perché: 1) porrebbe troppe problematiche per la fattibilità 2) andrebbe ad impattare paesaggisticamente 3) non porterebbe alcun beneficio economico 4) non è voluto dalla maggior parte della gente delle valli 5) i problemi da risolvere sono altri 6) prima va modificato, abbellito ed ampliato ( con poco ) il Civetta .

  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  4. #648

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Sperem Vedi messaggio
    Perché non c sono le condizioni, semplicemente questo. Guarda se 15 anni fa mi avessero chiesto se fossi stato favorevole a tale collegamento avrei detto di sì, poi ho frequentato le valli interessate sia come turista, sia per lavoro ed ultimamente ci ho pure comprato una casa e m son sempre più reso conto che questo collegamento non avrebbe senso perché: 1) porrebbe troppe problematiche per la fattibilità 2) andrebbe ad impattare paesaggisticamente 3) non porterebbe alcun beneficio economico 4) non è voluto dalla maggior parte della gente delle valli 5) i problemi da risolvere sono altri 6) prima va modificato, abbellito ed ampliato ( con poco ) il Civetta .
    Quoto in toto. Frequentò la zona da 40 anni e da 4 ci ho comprato casa (contentissimo della scelta - Cadore e via cibiana o giau si va al civetta e via falzarego in badia - comodamente e rapidamente in macchina. Ovvio che di solito scio a cortina o 5 torri, ma anche s.Vito o misurina ) . L'importante è la riapertura delle esistente ( quest anno avrei sciato anche su uno skilift con unica pista... Avessero aperto...)

  5. #649

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Sperem Vedi messaggio
    4) non è voluto dalla maggior parte della gente delle valli
    Sicuro?
    La comunità al di là del Pelmo (rispetto a me) era tutta a favore del collegamento Cadore Civetta (che per la verità più che un collegamento sarebbe stato un insieme di piste davvero belle)

    Citazione Originariamente scritto da giucos20 Vedi messaggio
    Quoto in toto. Frequentò la zona da 40 anni e da 4 ci ho comprato casa (contentissimo della scelta - Cadore e via cibiana o giau si va al civetta e via falzarego in badia - comodamente e rapidamente in macchina. Ovvio che di solito scio a cortina o 5 torri, ma anche s.Vito o misurina ) . L'importante è la riapertura delle esistente ( quest anno avrei sciato anche su uno skilift con unica pista... Avessero aperto...)
    Non confondere noi 'locals' con il popolo delle settimane bianche.
    Per me è un piacere scorrazzare in auto da una valle all'altra e non userei i collegamenti nemmeno se ci fossero (sono una perdita di tempo).
    Ma per attirare il popolo delle settimane bianche, che guardano le skimap, servono i collegamenti. Oltre naturalmente ai servizi, ma oggi un imprenditore sano di mente non fa 'all in' in quella zona, non sapendo se l'offerta sciistica migliorerà.

  6. Lo skifoso botto ha 2 Skife:


  7. #650

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da botto Vedi messaggio
    Sicuro?
    La comunità al di là del Pelmo (rispetto a me) era tutta a favore del collegamento Cadore Civetta (che per la verità più che un collegamento sarebbe stato un insieme di piste davvero belle)
    Non confondere noi 'locals' con il popolo delle settimane bianche.
    Per me è un piacere scorrazzare in auto da una valle all'altra e non userei i collegamenti nemmeno se ci fossero (sono una perdita di tempo).
    Ma per attirare il popolo delle settimane bianche, che guardano le skimap, servono i collegamenti. Oltre naturalmente ai servizi, ma oggi un imprenditore sano di mente non fa 'all in' in quella zona, non sapendo se l'offerta sciistica migliorerà.
    Sicuro? Sicurissimo, non vi è un albergatore, un gestore di Rifugio o negoziante che sia interessato a quel collegamento. Vogliono, chiedono da anni : 1) una strada facile sempre sicura di accesso 2) la ristrutturazione del palaghiaccio di Zoldo 3) strutture sportive degne di tale nome ( campi da tennis anche solo estivi, percorsi mountain bike, ecc ecc ) 4) una struttura come il Cascade in Val Aurina . Tutto questo renderebbe la Val Fiorentina e la Val Zoldana molto più appetibili e porterebbe anche gli alberghi anche grazie a qualche incentivi ad ammodernarsi e rendere così veramente appetibili le due Valli. E con 1/4 dei 64 milioni di cose se ne possono fare.

  8. #651

    Predefinito

    in alcuni post presenti sul thread interpreto una certa logica (rispettabile, come molte opinioni personali) ma secondo me un po’ strana:
    sono favorevole alle nuove telecabine di collegamento tra le diverse valli delle Dolomiti, ma quando saranno realizzate io non le utilizzerò (sono mica stupido…), perché io mi sposto sempre con la mia auto privata, non voglio mica passare le mie giornate sugli impianti
    e dunque ? ….i riferimenti alla sostenibilità, all’impatto ambientale, alle emissioni di co2 …..

    l’ecologia montana con i “tempi e metodi” degli Altri.
    (sono gli Altri, le mandrie delle settimane bianche ….che vogliono-devono utilizzare i nuovi impianti di collegamento).

    e poi, anche coloro che hanno una proprietà in valle (ad es. proprietari di seconda casa, di ‘villeggiatura’), non penso che debbano necessariamente ottenere per i
    propri-personali (rispettabili) punti di vista, una considerazione diversa da quella dei residenti autoctoni.
    è anche vero che tali persone (proprietari di seconda casa, di ‘villeggiatura’), portano risorse (€) in valle.

    in genere però i residenti autoctoni conoscono molto meglio la valle, e dunque i possibili problemi-criticità per la realizzazione delle nuove infrastrutture ski (questo lo dico per esperienza, quando chiedevo al proprietario del maso-appartamento in cui ero in affitto: perché lì non hanno costruito ? perché non è utilizzata quella zona ? perché lì non ci sono impianti ? Risposte: valanghe…. esondazioni del torrente….. frane dall’alto…..).

    certo nelle valli dolomitiche sono presenti anche (come dappertutto) le beghe tra paese e paese; le beghe tra diversi singoli paesani, invidie, conflitti tra imprese, ripicche, in alcuni casi demotivazione e poco senso imprenditoriale.

    è il solito bilancio tra natura, montagna, ‘ladinità’ vs sviluppo tecnologico – economico - sociale dell’indotto ski.
    nelle valli dolomitiche lo sviluppo turistico completamente sostenibile è quasi un cortocircuito logico [ mantenere le caratteristiche (naturali, paesaggistiche, sociali) specifiche del luogo e contemporaneamente venderle a molte ‘foresti’ senza dilapidarle e snaturarle ].

    ps
    io non sono né dei verdi, né ecologista, né di MW, né del Cai.
    per la ski-area Civetta a me piacerebbe il collegamento cima Fertazza (mt 2100), nuova pista ski – nuova telecabina (a mt 1210 mt) - I° intermedia, Selva di Cadore (mt 1310) – II° intermedia (mt 1600) - rifugio Fedare (mt 2003) – nuovo impianto verso il rifugio Averau (mt 2413).
    se poi non sia possibile realizzarlo (ad es. eccessivamente impattante per l’ambiente) oppure con quelle risorse (€) è più indicato realizzare altri interventi di promozione diffusa sul territorio, non compete a me dirlo

  9. #652

    Predefinito

    Siccome credo tu ti riferisca a me, spiego meglio la mia posizione.
    Fosse per me, sono contrario, perché non li userei e frequentando la montagna 4 stagioni all'anno conosco bene pro e contro si montagne invase dagli impianti.

    Detto questo, l'economia di quelle valli è in fortissima contrazione, da tanti anni. Ed è vero anche per la val boite, che però ha il vantaggio di essere dormitorio di Cortina.

    Secondo n me per motivi che ho già spiegato non sono replicabili ed appetibili le fortune di alcune piccole località di PAT e AA

    L'unica speranza è potenziare offerta turistica con impianti che fanno da traino negli investimenti in servizi.

    Il fatto che io dica: li farei ma non li userei non vuol dire fare il f con il c degli altri, vuol solo dire che il mio bisogno di sciatore non li chiede, ma secondo me c'è bisogno per risollevare economia delle valli

    Poi magari mi sbaglio, ma leggere quel che ho appena letto è proprio il contrario del mio sentire

  10. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  11. #653

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Sperem Vedi messaggio
    Sicuro? Sicurissimo, non vi è un albergatore, un gestore di Rifugio o negoziante che sia interessato a quel collegamento. Vogliono, chiedono da anni : 1) una strada facile sempre sicura di accesso 2) la ristrutturazione del palaghiaccio di Zoldo 3) strutture sportive degne di tale nome ( campi da tennis anche solo estivi, percorsi mountain bike, ecc ecc ) 4) una struttura come il Cascade in Val Aurina . Tutto questo renderebbe la Val Fiorentina e la Val Zoldana molto più appetibili e porterebbe anche gli alberghi anche grazie a qualche incentivi ad ammodernarsi e rendere così veramente appetibili le due Valli. E con 1/4 dei 64 milioni di cose se ne possono fare.
    Quoto in toto (ho amici sia locals che secondocasisti in zona). MAIN problem la strada di accesso , mica facile x un turista arrivarci (se non in auto da TV-VI-PD-VE ; pensate ad un tedesco o est europa o in aereo da LONG - VE airport collega SOLO Cortina).

    Coi chiari di luna attuali (pandemia e crisi collegata) pensare ad ingenti investimenti per facilitare la fruizione di Falzarego/sellaronda/cortina partendo da Selva/Alleghe/Zoldo sembra azzardato. Un comprensorio va sviluppato per quello che è o potrebbe diventare (buone le idee espresse da Sperem) altrimenti l'idea migliore è costruire trenini e portare gli sciatori in giornata direttamente da Venezia .

    Sarò pessimista ma in futuro il numero di sciatori sarÃ* in calo (costa, è difficile, ci vuol tempo e passione) quindi lo sviluppo/mantenimento valli montane (anche quelle dolomitiche meravigliose) dovrÃ* orientarsi ANCHE ad altro

  12. Skife per giucos20:


  13. #654
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Sci Head WorldCup Rebels IRace 180 cm Nordica Boots Speedmachine 130

    Predefinito

    Se uno legge il forum da tanti anni, @fb3+ , sa che Botto è amante dello slow ski e quindi dei piccoli comprensori.
    Ma sappiamo tutti che questo tipo di persone, amanti della montagna, anche old-style, e del romanticismo, è veramente una piccola parte dei frequentatori della montagna.
    Se leggiamo in questo forum, e anche in quello sugli impianti funivie.org, leggeremo con facilità di persone che reputano le seggiovie quadriposto AA come obsolete, perchè non sono 6/8 posti...anche se vanno alla stessa velocità e, magri, in quel posto, non sono mai intasate di gente.
    Questo per dire che c'è una maggioranza di persone che guarda a impianti nuovi, scintillanti e a collegamenti.
    Noi tutti qui si cerca di ragionare su quello che potrebbe piacere e non piacere al turista in generale.
    Poi ci sono persone che partono da un punto di vista di chi quei posti li ha scelti per come erano e sono. Se li hanno già scelti così, forse erano già soddisfatti, e, a quel punto, forse non interessa loro l'ampliamento del bacino di utenza. O forse non credono che un collegamento migliori le cose.
    Poi ci sono quelli che dicono "Veneto schifo" e "TAA stupendo" ( semplifico), e che, coerentemente, plaudono a iniziative come queste. Altri che pur dicendo in sostanza la stessa cosa, incoerentemente, secondo me, dicono "Eh...ci vorrebbe ben altro" Sono i cosiddetti benaltristi, che propongono una propria ricetta magari valida, ma che potrebbe funzionare anche senza il collegamento, secondo loro.
    Ora, il punto è che se funzionasse senza il collegamento, gli imprenditori avrebbero già investito.
    Gli alberghi di Cortina si stanno rinnovando molto, grazie a Mondiali e Olimpiadi. Ma lo stanno facendo forti anche di un certo rinnovamento agli impianti ( se verrà fatta la cabinovia da Cortina Centro a Socrepes, quasi potranno dire, un po' brando, di aver collegato Faloria e Tofana), a quel punto, dopo il collegamento con le 5 Torri, Cortina avrà tutti gli impianti collegati. Ma gli alberghi si stanno rinnovando perché Cortina sarà sulla bocca di tutti da qui al 2026 e anche oltre. Civetta Val Fiorentina e ValZoldana che cosa possono dire di meglio di quello che hanno già? Pensate che cambiando pioda e delle coste cambi qualcosa ( mi ripeto)?? Io non credo. Certo dire...siamo collegati con Cortina, è un'altra cosa!!! San Vito vive bene anche senza collegamento?? Ma voi avete visto San Vito? La bellezza assoluta della valle in quel punto? La Croda Marcora? Antelao, Pelmo? Cioè rivaleggia solo con Cortina e La Villa per panorama! per il resto questi 3 posti, 3, battono tutti!!
    Val Fiorentina è strepitosa, ma è più impervia, stretta, per non parlare della ValZoldana. Come dice Botto, non sono la val Casies, o la Pusteria, dolci valli in cui puoi fare fondo, camminare senza rischi anche d'inverno...Qui, per tipologia di montagna, hai bisogno di qualche infrastruttura. E lo sci alpino è probabilmente l'unico sviluppo che fa ritornare gli investimenti. Questo è quello che credo.
    Io, a differenza di Botto, i collegamenti e gli skibus li prendo tutti. Ho convinto molti miei amici, soprattutto in alta stagione a toccare il meno possibile l'auto. Se non si riesce ad andare lontano, cambiamo meta e stiamo vicini pur di non toccare l'auto ( nota che io prendo la casa a Vigo di Fassa, quindi in auto avremmo dal Cermis al Sellaronda, dal San Pelle a Carezza). Facciamo ciò che si può fare partendo da Vigo con impianti e skibus vari, durante i momenti di casino.
    Insomma, io li userei gli impianti, magari parto alle 8 in punto da Alleghe o Zoldo e alle 9.20 sono a Fedare, come si potrebbe fare anche con lo skibus (pescul-fedare)oggi ( solo che arrivi alle 10). E poi scierei anche in tofana. Oggi resterei in 5 Torri e Falzarego. Cambia la varietà di una settimana al Civetta. Tanto.
    ( 1 giorno Superotto, 2 giorni Civetta, 1 giorno Grande Guerra, 1 giorno Sellaronda)

  14. Lo skifoso mauropd ha 3 Skife:


  15. #655

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da mauropd Vedi messaggio
    Se uno legge il forum da tanti anni, @fb3+ , sa che Botto è amante dello slow ski e quindi dei piccoli comprensori.
    Ma sappiamo tutti che questo tipo di persone, amanti della montagna, anche old-style, e del romanticismo, è veramente una piccola parte dei frequentatori della montagna.
    Probabilmente la penso come Botto , ma da frequentatore assiduo delle dolomiti da 40 anni e quasi locals da 4 anni (ci vivo almeno 10 settimane all'anno in TUTTE le stagioni), direi che è proprio il contrario - gli sciatori accaniti amanti degli impianti ipermoderni e veloci sono una minoranza nella realtÃ* (maggioranza schiacciante OVVIO in un forum come questo). Fare lo sciatore tipo FISI (8 ore tra pali e piste nere in libera) lo fai da giovane e senza famiglia (parlo x esperienza diretta - io sono una schiappa sugli sci ma avevo amici che facevano gare e sciavo con loro - 8 di mattina in pista a piantar pali su piste secondarie)
    Il grosso delle settimane bianche sono (erano ?) famiglie con bimbi che fanno scuola nei campetti,alloggiati in grossi resort comodi e spesso convenzionati coi vari CRALT.
    Gruppi di sciatori accaniti (spesso da est europe) sono un fenomeno recente e portan pochi soldi e altri problemi (velocitÃ* e scarso controllo in pista, apres ski etc.).

    A cortina scia al max il 20% dei villeggianti/locals. In montagna c'è tanto da fare oltre lo sci, anche solo far fotografie in ottobre .

    Tornando al collegamento da 64 m.ni ribadisco che parlarne oggi non ha molto senso. Qui si tratta di vedere SE e COME ripartirÃ* lo sci, DOVE resterÃ* economicamente sostenibile DOPO questa crisi (che NON è solo italiana - pensate a F e D solo in Europa).

    Magari le localitÃ* montane potrebbero diventare residenze di SW ed esser popolate tutto l'anno

  16. Lo skifoso giucos20 ha 2 Skife:


  17. #656
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Stockli Laser SL, Dynastar Cham 97 HM, Tecnica Mach1 110, 120, Scarpa Maestrale RS

    Predefinito

    Credo coi problemi che ha, e ancor più avrà, l'economia tajana nei prox anni, in parte ma non solo causati dalla pandemia, certi i progetti rimarranno solo sulla carta.

    Non solo questo in Veneto, che soffrirà anche ad allestire le Olimpiadi IMHO, ma "addirittura" anche in Sud Tirol - vedi i collegamenti Tre Cime con Silian e/o la zona di Padola. Gran parte del problema sarà la carenza di risorse pubbliche (private, di Senfter ce n'è uno e gli altri son nessuno), il resto sarà l'accanita opposizione degli inossidabili "verdi in salsa rossa", che faranno leva sui soliti argomenti del global warming ma anche della pandemia che ha fatto (ri)scoprire il vero senso della montagna (il loro, ovviamente) - quello al servizio di pratiche slow e dolci.

    Il tutto speziato dal fatto che i governi assolati hanno al cuore il mare e non la montagna, soprattutto al Sud.

    Credo a regime ci sarà meno gente che va a sciare con intenso sfruttamento di impianti, al limite ci potrebbe essere un aumento relativo (travaso da) di ski-alper, ciaspolatori e fondisti. Ciò è evidente questa stagione in Alta Pusteria.

  18. #657

    Predefinito

    I "verdi", gli "ecologisti", hanno fatto chiudere, dopo 70 anni di attività, la stazione sciistica più vicina a Madrid (50 km). Gli sono state sottratte tre piste, campi scuola ed ha preferito chiudere.

  19. #658

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da nonnosciatore Vedi messaggio
    I "verdi", gli "ecologisti", hanno fatto chiudere, dopo 70 anni di attività, la stazione sciistica più vicina a Madrid (50 km). Gli sono state sottratte tre piste, campi scuola ed ha preferito chiudere.
    Cosa c****o centra?

  20. #659

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da giucos20 Vedi messaggio
    gli sciatori accaniti amanti degli impianti ipermoderni e veloci sono una minoranza nella realtÃ* (maggioranza schiacciante OVVIO in un forum come questo).
    La mia opinione è diversa e poggia su tanti anni di esperienza di chiacchiere sullo sci con 'normali appassionati' e 12 anni di frequentazione di questo forum.

    Più è elevata la consapevolezza e l'interesse per questo sport e l'ambiente in cui si svolge, più di ogni località si sanno apprezzare gli elementi positivi, indipendentemente dalla modernità degli impianti. Ovvio che un impianto che crea coda e risale lentissimo crea malumore in tutti, ma ci si passa sopra. Altrimenti non si spiegherebbe il mio amore per lo skilift Palma o quello di tanti per la seggiovia Fedare-Averau.
    Io credo che in questo forum, almeno negli utenti più attivi, non nei mordi e fuggi, non ci sia per nulla una maggioranza di sciatori che fa le sue scelte in base alla modernità degli impianti. Il driver sono la qualità delle piste e degli ambienti, sempre salvo altre esigenze specifiche.

    Più invece consideriamo chi fa una settimana bianca all'anno, salvo che non abbiano esigenze specifiche di kinderheim od altre, valuta in primis i km di sci collegati sci ai piedi (ed anche, questo è chiaro, il rapporto qualità/prezzo dell'offerta alberghiera).
    E aborre Cortina perchè ha 3 comprensori separati, aborre il Civetta per la Pioda, non andrebbe a Speikboden perchè ha 3 piste in croce.

    sai con quale scherno da tanti anni mi sento dire dai miei amici: ma vuoi mettere l'Alta Badia e Cortina? Molto più bello sciare (sciare eh, non soggiornare ...) in Alta Badia.
    Questo è il pensiero dominante, almeno in termini di numeri.
    Ed è per questo che in Alta Pusteria hanno potenziato impianti, piste e collegamenti e, guarda caso, hanno fatto boom.
    Un boom che con i soli bellissimi alberghetti e garnì non avrebbero fatto, pur avendo quelle valli una conformazione perfetta per ciaspolatori, fondisti, trekker, ecc... cosa che non è vera per le impervie valli venete.

    Poi, ripeto, io sto bene (meglio) anche senza boom, senza collegamento Son dei Prade - 5 Torri, ecc...., ma io non vivo di quell'economia.

  21. Lo skifoso botto ha 4 Skife:


  22. #660
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Stockli Laser SL, Dynastar Cham 97 HM, Tecnica Mach1 110, 120, Scarpa Maestrale RS

    Predefinito

    Il punto dirimente IMHO è anche la portata, la scala di certi collegamenti.

    In questo caso, da Arabba a Cortina, per me è semplicemente eccessivo, al punto di sconfinare quasi nel ridicolo... Posso capire che qualcuno obietterebbe all'ammontare di ferraglia e laterizio necessario per fare il tutto - spesso su pendici esposte a vista. Non bisogna essere dei talebani ecologisti per capirlo.

    Non sarebbe meglio invece migliorare l'efficienza di quei (pochi?) impianti decisamente obsoleti, per capacità/portata? E a questo aggiungere magari un bel collegamento ferroviario (con stazioni minimaliste, in legno ed efficienti) - che tra l'altro migliorerebbe la qualità della vita di tutti i soggiornanti, non solo sciatori.

    Il treno aggiunge molto IMHO alla fruibilità della Val Pusteria per sci (alpino e fondo), MTB, turismo in generale e lavoro dei locales. Al punto che io preferirei migliorare ulteriormente il treno - farlo viaggiare anche con 50cm di neve fresca, come in Canada o CH - o aggiungendo un utile stazione all'imbocco della valletta di Braies.

    Al lago di Braies in treno e pullman - Turismo - TGR Bolzano (rainews.it)

    Il progetto esiste ma, purtroppo, la rete è di proprietà delle Ferrovie Tajane quindi...

  23. Lo skifoso GioRad ha 2 Skife:


Pagina 44 di 52 PrimoPrimo ... 34353637383940414243444546474849505152 UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •