Pagina 22 di 33 PrimoPrimo ... 121314151617181920212223242526272829303132 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 316 a 330 di 484

Discussione: Cortina-Civetta-Arabba: il nuovo collegamento da 64 milioni

  1. #316

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da nuovosciatore(?) Vedi messaggio
    Finali di marzo da vedere probabilmente. In auto mentre si è bloccati in coda da qualche parte cercando di raggiungere Cortina
    Beh sì effettivamente arrivando in paese dalla statale si vede bene sia l' Olimpia che la Vertigine Bianca

  2. Lo skifoso Slalom64 ha 2 Skife:


  3. #317

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da thefabius Vedi messaggio
    Non so che bici usi e che zone frequenti, ma io questa estate in Fassa e Fiemme ho trovato belle CODE agli impianti, con tantissima gente in bici (e altri a piedi).
    La gente era estremamente eterogenea, dal rider incallito di MTB seria, alla famiglia con 2 bimbi, tutti e 4 con MTB a pedalata assistita, noleggiata a fondovalle.
    In zona è letteralmente pieno di noleggi, con tutte le attività corollario (guide, lezioni, eventi...) ovviamente, e pieno (anzi strapieno) di percorsi e sentieri di ogni difficoltà.
    Tanto per dare dettagli, questo avveniva tra il 16 e il 25 agosto, sia a Cavalese/Cermis, che a Predazzo/Latemar, che a Alba/Ciampac (probabilmente anche all'impianto opposto Alba/Doleda, ma non essendoci andato di persona non posso mettere la mano sul fuoco)
    Sei pieno di gente incallita o meno perché qu’elle valli sono state ipersfruttate da un punto di vista turistico. Se fai benedetto collegamento Cortina-Civetta non avresti quella gente per due semplici motivi 1) non sono iper sfruttate da un punto di vista turistico 2) sono più semplici da un punto di vista orografico.

  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #318

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da thefabius Vedi messaggio
    Non so che bici usi e che zone frequenti, ma io questa estate in Fassa e Fiemme ho trovato belle CODE agli impianti, con tantissima gente in bici (e altri a piedi).
    La gente era estremamente eterogenea, dal rider incallito di MTB seria, alla famiglia con 2 bimbi, tutti e 4 con MTB a pedalata assistita, noleggiata a fondovalle.
    In zona è letteralmente pieno di noleggi, con tutte le attività corollario (guide, lezioni, eventi...) ovviamente, e pieno (anzi strapieno) di percorsi e sentieri di ogni difficoltà.
    Tanto per dare dettagli, questo avveniva tra il 16 e il 25 agosto, sia a Cavalese/Cermis, che a Predazzo/Latemar, che a Alba/Ciampac (probabilmente anche all'impianto opposto Alba/Doleda, ma non essendoci andato di persona non posso mettere la mano sul fuoco)
    più verso Corvara, ma situazione simile. La questione è: quanti passaggi fanno quelli che salgono con ebike? Nel mio caso, quando ho fatto escursioni in famiglia con ebike, solo uno: quello per salire in quota. Poi, appunto, la bici ha il motore e brevi risalite non sono un problema.

    Principalmente vado in bici da strada, e lì di impianti non se ne usano perché il bello è proprio la salita.

    La stagione invernale più corta può quindi essere coperta da quella estiva?

  6. #319

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da zoidberg Vedi messaggio
    1) trova il kirghizistan sulla mappa senza usare google.
    2) trova i nomi della segreteria attuale del partito dei Verdi senza usare google.
    1 - Ci devo mettere una foto dell'atlante? (però ho un atlante vecchio e il Kirghizistan era ancora una repubblica sovietica. Vale lo stesso?)
    2 - Basta e avanza Angelo Bonelli. Ogni volta che lo invitano in TV i verdi perdono un paio della ventina di voti che raccattano di solito. E comunque anche Civati si era candidato con Europa Verde. Un successo strepitoso.

  7. #320
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Sci Head WorldCup Rebels IRace 180 cm Nordica Boots Speedmachine 130

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Sperem Vedi messaggio
    Mauro ma sei sicuro di aver capito come e dove? Mi sa di no...
    si, ci sono passato non più tardi di una settimana fa.

    Secondo me si potrebbe fare, a lato della strada, e poi attraversandola.
    Si arriva a circa 1600 mt.

    Più sotto assolutamente non la farei.

    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	fedare pista ipo.jpg
Visite:	66
Dimensione:	273.2 KB
ID:	71853

  8. #321

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Leonard Vedi messaggio

    Piuttosto io sistemerei le strutture esistenti (alberghi, ristoranti ecc) e mi concentrerei su percorsi in bici, trekking e altro.
    A mio avviso è proprio questo uno dei maggiori problemi che affligge alcune zone dolomitiche (la provincia di Belluno in pratica) che sono rimaste agli anni 80/90... basta guardare le immagini degli hotel o se si è più "sfortunati" soggiornarvi... Il confronto con il Trentino è impietoso, con l'Alto Adige è improponibile... e la gente che ha gli occhi per vedere porta i propri soldi in altri luoghi...

  9. #322
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Sci Head WorldCup Rebels IRace 180 cm Nordica Boots Speedmachine 130

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da nuovosciatore(?) Vedi messaggio
    Secondo me invece arriverà qucuno in più dove ora non c'è (Cortina) e qualcun altro si sposterà da certe zone (Badia /Gardena) altre (sempre Cortina)
    Solo però se PRIMA si collegano le varie zone di Cortina sci ai piedi e DOPO si collega il Sellaronda a Cortina.
    E questo avrebbe un senso
    Mah... la zona veramente attrattiva di Cortina è quella delle Tofane, per piste e spettacolarità, e quella delle 5 Torri per spettacolarità. Il Faloria ha il suo perché ed è famoso perché la neve dura fino a tardi (questo almeno fino a che non ci sarà qualcosa nuovamente in Forcella Staunies, che è spettacolarissima). Ma è utopistico pensare che il collegamento tra le due zone venga fatto prima. E' sicuramente MENO redditizio fare un collegamento oggi, tra le due zone: quelli del Faloria sanno bene che, se le due zone fossero collegate, gli sciatori resterebbero da loro metà giornata (o meglio arriverebbero nel pomeriggio, quando in Tofana la neve è distrutta), mentre così, quando ci vai ci resti.
    Se il collegamento con Arabba etc sarà fatto e ci sarà più gente in Tofana, il Faloria sarà il buen retiro per i cortinesi che vogliono piste più tranquille con meno gente. Anche se fossero collegati, solo una sparuta minoranza dei turisti ci potrebbe arrivare, viste le distanze.

    Citazione Originariamente scritto da nuovosciatore(?) Vedi messaggio
    Per quanto riguarda il successivo collegamento Cortina Civetta per me è utopia, non tanto per l'infattibilità tecnica quanto per il fatto che impianti così lunghi senza piste non li vorrà ne pagare ne costruire ne gestire nessuno
    Per me ha più senso fare PRIMA questo collegamento e poi l'altro.
    Con questo Cortina avrebbe già tantissime piste sci ai piedi e delle località che potrebbero diventare un po' la dependance low cost per poter sciare a Cortina, spendendo meno di alloggio, riempiendo anche le piste di Cortina durante le settimane bianche e rilanciando le stesse settimane bianche sul Civetta.

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da Doppiomisto Vedi messaggio
    A mio avviso è proprio questo uno dei maggiori problemi che affligge alcune zone dolomitiche (la provincia di Belluno in pratica) che sono rimaste agli anni 80/90... basta guardare le immagini degli hotel o se si è più "sfortunati" soggiornarvi... Il confronto con il Trentino è impietoso, con l'Alto Adige è improponibile... e la gente che ha gli occhi per vedere porta i propri soldi in altri luoghi...
    Non tutti gli alberghi nelle Dolomiti Bellunesi sono così orribili, certo il confronto con l'Alto Adige è perso in partenza. Certo, dopo 50 anni di contributi, tutti sono capaci: ad avere un bell'hotel, e a credere nel turismo al punto di investirvi sempre.

    Comunque Zaia adesso lo ha capito e sta facendo quello che si fa in qualsiasi settore e in qualsiasi paese: si mettono i soldi nelle infrastrutture, di modo che chi può investire sul territorio si convinca a farlo.

  10. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  11. #323

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Doppiomisto Vedi messaggio
    A mio avviso è proprio questo uno dei maggiori problemi che affligge alcune zone dolomitiche (la provincia di Belluno in pratica) che sono rimaste agli anni 80/90... basta guardare le immagini degli hotel o se si è più "sfortunati" soggiornarvi... Il confronto con il Trentino è impietoso, con l'Alto Adige è improponibile... e la gente che ha gli occhi per vedere porta i propri soldi in altri luoghi...
    Assolutamente: nel bellunese, vedendo certe strutture abbandonate, viene solo grande tristezza. E non dimentichiamoci del rischio idrogeologico, che rimane una priorità su tutto.

    Più che lo sci, oggi la gente cerca belle strutture ricettive, wellness, SPA, rifugi con cibo curato e ricercato (non intendo servire ostriche e salmone, come in Val Gardena, ci mancherebbe).

    La vacanza, ormai diventata breve per ragioni di poche ferie e pochi denari, è diventata un'esperienza. In pochi giorni il turista vuole ricevere una "coccola", anche al costo di pagare profumatamente.

    Ma, per invertire la rotta, ci vogliono incentivi: il nostro amico Zaia, oltre ad accarezzare le piantine di prosecco, dovrebbe pensare anche ad altro.

  12. Lo skifoso Leonard ha 4 Skife:


  13. #324

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da zoidberg Vedi messaggio
    più verso Corvara, ma situazione simile. La questione è: quanti passaggi fanno quelli che salgono con ebike? Nel mio caso, quando ho fatto escursioni in famiglia con ebike, solo uno: quello per salire in quota. Poi, appunto, la bici ha il motore e brevi risalite non sono un problema.

    Principalmente vado in bici da strada, e lì di impianti non se ne usano perché il bello è proprio la salita.

    La stagione invernale più corta può quindi essere coperta da quella estiva?
    Alla prima domanda (quanti passaggi) ti rispondo parecchi (in generale) dato che empiricamente ho sempre trovato fila, a tutti gli impianti.
    Alla seconda domanda, la risposta definitiva io non la ho, ma ricordo che se ne è parlato (a voce ma anche scritto qui sul forum) che molte località in TN/AA sono arrivate ad un rapporto 70/30 (inverno/estate) laddove 100 è l'utilizzo totale in un anno...

  14. Skife per thefabius:


  15. #325

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da thefabius Vedi messaggio
    Non so che bici usi e che zone frequenti, ma io questa estate in Fassa e Fiemme ho trovato belle CODE agli impianti, con tantissima gente in bici (e altri a piedi).
    La gente era estremamente eterogenea, dal rider incallito di MTB seria, alla famiglia con 2 bimbi, tutti e 4 con MTB a pedalata assistita, noleggiata a fondovalle.
    In zona è letteralmente pieno di noleggi, con tutte le attività corollario (guide, lezioni, eventi...) ovviamente, e pieno (anzi strapieno) di percorsi e sentieri di ogni difficoltà.
    Tanto per dare dettagli, questo avveniva tra il 16 e il 25 agosto, sia a Cavalese/Cermis, che a Predazzo/Latemar, che a Alba/Ciampac (probabilmente anche all'impianto opposto Alba/Doleda, ma non essendoci andato di persona non posso mettere la mano sul fuoco)
    Dato che i numeri di una stazione da te citata come piena in agosto li conosco bene, i ricavi estivi rappresentano meno del 10% dei ricavi annuali. Ci si paga la corrente, il personale e l’assicurazione. Avanza poco o nulla. Se gli impianti di risalita dovessero campare solo sui numeri estivi sarebbero tutti in fallimento.

  16. Skife per gigiotto98:


  17. #326

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da mauropd Vedi messaggio
    si, ci sono passato non più tardi di una settimana fa.

    Secondo me si potrebbe fare, a lato della strada, e poi attraversandola.
    Si arriva a circa 1600 mt.

    Più sotto assolutamente non la farei.

    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	fedare pista ipo.jpg
Visite:	66
Dimensione:	273.2 KB
ID:	71853
    Il collegamento Cortina Civetta avrebbe le due stazioni nella valle, dove c’era la segheria che trovi a sx della strada che da Selva scende a Caprile.

  18. #327

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Arcibaldo59 Vedi messaggio
    Non sono un esperto in fatto di ritorni economici su investimenti in impianti di risalita, quindi le mie opinioni valgono quel che valgono...

    Tuttavia non ho dubbi sul fatto che il collegamento di cui si discute porterebbe più gente. Non si tratterebbe solo di conquistare un po' di bip dalle valli adiacenti, ma un collegamenmto di questo genere avrebbe un rilievo eccezionale in termini di comunicazione e porterebbe molte più persone in assoluto in tutte le località interessate.

    Io sollevo due problemi:

    il primo è che tutta questa gente (che affollerà soprattutto i periodi di alta stagione) non ci sta. Già adesso la viabilità è e i parcheggi sono al collasso sia in alta stagione che durante i weekend. Si dirà che è sufficiente investire in infrastrutture, nuove strade, il mitico trenino (ma quanta gente potrà trasportare il trenino?). Ovviamente dirlo non è come farlo. Ammesso che ci si riesca occorreranno chissà quanti anni. Nel frattempo tutti ammassati e in coda.
    E quando le faranno potranno arrivare ancora più persone, occorrerà aumentare a dismisura la ricettività che, una volta aumentata, porrà problemi enormi di economicità, perchè sarà obbligatorio riempire sempre tutte le strutture.
    La val di Fassa, indicata come esempio da seguire, è la prova del collasso cui si può andare incontro: non solo in inverno ma anche in estate è una solo coda di auto fumanti che procedono a passo d'uomo. I paesi esplodono, i residenti pure, l'ambiente collassa. Però girano tanti soldi e i paesi non si spopolano.
    Anche questa faccenda dello spopolamento è in gran parte pretestuosa: un conto è trovare il modo di far sopravvivere tante piccole frazioni sparse, un altro è (ed è quello che tendenzialmente viene fatto) continuare a far crescere località già cresciute a dismisura dove il problema dello spopolamento è risolto, grazie al turismo, da diversi decenni.
    Per far campare paesini di poche centinaia di abitanti non occorre far arrivare decine di migliaia di turisti ed edificare gigantesche strutture alberghiere. Basta molto meno. Purchè lo si faccia. Invece, anche con questo progetto, si rischia solo di far esplodere ulteriormente località che già adesso di turisti ne hanno da vendere.

    Il secondo è ambientale, ed è direttamente collegato al primo. Il problema principale non sono tanto gli impianti necessari per il collegamento, riservandomi su questo di avere un parere più definito quando sarà più chiaro dove vorrebbero farli passare. E non sono nemmeno le piste, con il loro carico di cannoni, infrastrutture e locali di ristorazione spesso con discoteca acclusa. Perchè è assolutamente vero che il Col di Lana e Setsas non hanno niente in più rispetto a Porta Vescovo, anche se il fatto che quest'ultimo sia sommerso di impianti non implica che ciò debba succedere a tutte le zone ancora quasi vergini.
    Ma il problema principale è che verrà molta più gente in assoluto, perloppiù in zone che già stentano ad ospitare i frequentatori attuali.

    C'è poi un ultimo punto, parlando in generale: qual è il limite a questo sfruttamento? Perchè non immaginare impianti verso la forcella Giau, verso la forcella Ambrizzola? Perchè non immaginare una fantastica pista che scendendo sotto la Croda da Lago con un piccolo impianto vada a collegarsi con le 5 Torri? E vogliamo parlare dei fantastici pendii che dominano la val Travenanzes? Cosa hanno questi luoghi di più e di diverso dal Seceda per non essere toccati?

    Esempi assurdi? Forse. Ma la logica di sfruttamento (o meglio, di "valorizzazione") sarebbe la stessa.

    Questo non significa che io sia contrario a qualsiasi innovazione o collegamento. Vuol dire che sono contrario a questo collegamento.
    Al contrario. Le zone in difficoltà sono quelle che hanno gli alberghi vuoti a gennaio. O vendono a prezzi sottocosto pur di riempire. Ma alla lunga non ci stai dentro.
    Valorizzazione significa che le strutture ricettive esistenti lavorino al 100% da dicembre a marzo inclusi, come già avviene nelle altre vallate DS.

  19. #328

    Predefinito

    https://corrierealpi.gelocal.it/bell...OSs-ptqtbb-2P0

    iniziamo dalle basi....

    gli hotel (parola dal significato assai interpretabile qui in veneto...) non li riempi con gli impianti... (la gente non arriva con valigie al seguito...)
    ma gli impianti li riempi se hai gli Hotel... (e servizi+offerte alternative al solo sci+parcheggi+rifugi+etc etc...) ed a quel punto potrai riammodernare gli impianti...

    (se quei fantomatici 100 mio €, che per inciso al momento sono solo propaganda, li investissi nelle varie vallate per migliorare l'offerta esistente, poi ci penserebbero i privati a finanziare nuovi progetti di sviluppo più mirati)

  20. Skife per Violator:


  21. #329

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Il Pordenonese Vedi messaggio
    io ho sempre sentito da tutte le associazioni ambientaliste la protesta per i relitti delle seggiovie abbandonate, tra l'altro accusare loro di non protestare e non accusare le societa' impiantistiche, e' paradossale, se permetti...
    altra cosa non vera e' che non siano state fatte proposte alternative, ci sono convegni e congressi di ogni tipo in cui se ne e' discusso, che poi la politica segua altri modelli e' ovvio.
    ultima cosa, finiamola di dare la colpa ai verdi che sono 4 gatti politicamente irrilevanti in italia. li si e' presi come scusa per non fare o per assenza di soldi o per assenza di volonta. ma che siano loro a fermare gli impianti, e' ridicolo. al massimo puoi accusare sovraintendenze e enti parco e commissioni governative/parlamentari, che con i verdi c'entrano poco o nulla

    saluti
    hai detto benissimo, proteste e nessuna proposta

    a protestare senza fare sono capaci tutti i perdigiorno, è a fare che bisogna applicarsi

    mi riquoto a sottolineare il mio pensiero

    sono un fenomeno di protesta e non di proposta

  22. Skife per testataecassa:


  23. #330
    In pausa Skifoso
    Attrezzatura
    Stockli Laser SL, Dynastar Cham 97 HM, Tecnica Mach1 110, 120, Scarpa Maestrale RS

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Violator Vedi messaggio

    Dall'articolo citato si evince che:

    La struttura è di proprietà della Società edilizia residenziale Marina Serm di Roma, che l’ha dato in gestione alla Palazzi & Co srl, sempre di Roma.

Pagina 22 di 33 PrimoPrimo ... 121314151617181920212223242526272829303132 ... UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •