Mostra risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: L'incanto della Grignetta: Direttissima e sentiero Cecilia - 21 ottobre 2018

  1. #1

    Predefinito L'incanto della Grignetta: Direttissima e sentiero Cecilia - 21 ottobre 2018

    Due settimane fa il sole splendeva allegramente e il Cai della mia città aveva in programma una gita alla Grignetta passando per il celebre sentiero attrezzato della Direttissima: viste le ottime previsioni meteo mi fiondo in sede ad iscrivermi, già pregustando la giornata di domenica.
    Per chi non la conoscesse la Grigna Meridionale (meglio nota come Grignetta) è una sorta di tempio lombardo dell'arrampicata su roccia, per via delle innumerevoli strutture rocciose presenti specialmente sul versante meridionale e grazie al comodo accesso dalla pianura, passando per Lecco e i Piani dei Resinelli. Anche i suoi sentieri sono super frequentati benchè in generale non siano proprio esattamente elementari come difficoltà.

    La Direttissima in realtà non è un percorso che porta fino in vetta alla Grignetta, ma traversando in diagonale il suo versante sud-ovest porta al Rifugio Rosalba per la via più diretta. Per raggiungere la cima si deve poi seguire altre vie più o meno difficili (comprese alcune belle salite su roccia).
    A questo link trovate una cartina che illustra abbastanza chiaramente i vari sentieri della Grignetta: la Direttissima è il n. 8, il Sentiero Cecilia il 10 e la Cresta Cermenati l'11.
    Per il giro che abbiamo fatto a mio parere l'attrezzatura da ferrata è inutile (anche se per questioni assicurative l'abbiamo comunque portata e indossata) mentre consiglio di usare il casco.

    Arrivati al parcheggio dei Piani dei Resinelli verso le 9, ci mettiamo in marcia sul tratto di strada asfaltata verso il Rifugio Porta.
    La Grignetta inizia a farsi vedere, profondamente solcata dal Canalone Caimi (tra l'altro una peculiarità della Grignetta è la massiccia presenza di toponimi che ricordano suoi frequentatori più o meno illustri e spesso le loro mogli, figlie, fidanzate, ... ):


    In breve si giunge al secolare Rifugio Carlo Porta, punto di partenza dei molteplici e multiformi itinerari grigneschi:


    Il sentiero prosegue dietro il rifugio attraversando il Bosco Giulia, e poco dopo si raggiunge il bivio tra Cresta Cermenati e Direttissima che si diparte sulla sinistra.
    Poco più avanti la vista si apre sui monti circostanti: in primo piano nella foto si vede il Moregallo, in secondo piano (da dx a sx) i Corni di Canzo Occidentale e Centrale, la piramide erbosa del Cornizzolo e il Monte Rai con il suo mega ripetitore:


    Dall'altra parte il Resegone emerge al margine delle nebbie padane


    Si supera lo sbocco del Canalone Caimi


    Sotto di noi si distendono i Piani dei Resinelli: a sinistra si nota il Nibbio, celebre palestra di arrampicata lecchese, a destra Cima Calolden e Monte Coltignone, sui cui pendii in passato erano presenti due skilift


    Il Monte Rosa si fa notare all'orizzonte ...


    così come Strahlhorn, Rimpfischhorn, Allalinhorn, l'Alphubel e i gemelli Täschhorn e Dom ...


    ma pure il Gran Paradiso ...


    Il sentiero per adesso è molto tranquillo, ma iniziano ad apparire i primi torrioni


    Uno sguardo verso lo Zucco Pertusio con la selva di guglie del suo versante sud; a destra appare la Torre Costanza


    La Direttissima entra finalmente nel vivo con il passaggio probabilmente più complesso: il Caminetto Pagani e le sue scalette verticali


    Dal terrazzino al termine della prima scaletta, il traverso superato poco prima, attrezzato con catene e staffe belle nuove


    Oltre il Caminetto si schiude il versante sudoccidentale della Grignetta, fatto di erti pendii e innumerevoli formazioni rocciose, che il sentiero attraversa tenendosi per ora a mezza costa


    Laggiù in fondo Abbadia Lariana, sulla sponda di "quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti ..."


    Un piccolo tratto di facilissima arrampicata sotto strane lame rocciose; ma il bello deve ancora venire ...


    Appare il gruppo del Fungo ma in effetti il Fungo da qui si nasconde dietro alle altre guglie: da sinistra, la Torre, la Lancia, il Campaniletto e la Portineria


    Il sentiero prosegue tra le rocce


    Finalmente si mostra anche il Fungo ... ma la Lancia si nasconde dietro il Campaniletto (la cui via normale tra l'altro è stata la prima salita su roccia di un certo Walter Bonatti)


    Il Canalone dell'Angelina, che se risalito porta direttamente sul Sentiero Cecilia


    Ma abbiamo altri programmi e proseguiamo fino a incontrare poco più in là il bivio da cui si diparte a sinistra il Sentiero Giorgio (n. 8A); noi invece restiamo sulla Direttissima


    Portineria, Campaniletto, Torre, Lancia e Fungo, con il Coltignone sullo sfondo


    La sommità del Fungo


    Ricompare la Torre Costanza, sulla sua destra la parete giallastra della Mongolfiera e dietro quest'ultima la Torre Cecilia


    Zoom sulla Torre Costanza


    A questo punto la Direttissima piega decisamente verso l'alto e superato un colletto si entra nel Canalone Valsecchi


    Qui c'è un altro passaggio un po' ostico, attrezzato con catena


    Il canalone e i pinnacoli che lo cingono


    Arrivati al Colle Valsecchi a 1898 m, vista verso sud


    Verso nord il Grignone domina la scena


    Grignone e Grignetta, in primo piano la dirupata Val Scarettone


    Inizialmente si pensava di proseguire lungo il sentiero 11, ma visto che sul versante nord tira un vento freddo piuttosto antipatico si decide di proseguire lungo l'assolato versante sud, imboccando il tratto di Sentiero Cecilia che porta alla Cermenati


    Di nuovo con vista sui Resinelli


    Il sentiero è dominato dalla bastionata su cui corre la Cresta Segantini; al centro si staglia il Pilone Centrale


    Notevoli grignosità assortite


    Ed ecco comparire la Guglia Angelina e l'Ago Teresita dal vivo sono davvero impressionanti


    Guardando giù nel Canalone dell'Angelina ricompare il gruppo del Fungo




    Il Pilone Centrale, con cordate impegnate sulla via Zucchi




    Un altro tratto attrezzato: il Sentiero Cecilia presenta più tratti con catene rispetto alla Direttissima e complessivamente ha un'esposizione maggiore






    Là in fondo c'è la Cresta Cermenati ...


    ma prima si deve scendere questo caminetto attrezzato ...


    e risalire questo erto prato


    Uno sguardo al versante appena attraversato


    Giunti alla Cermenati, un attimo di sosta contemplativa aspettando che arrivino tutti; zoom su un rocciatore in sosta sul Pilone


    Le nubi della pianura si infrangono sul Resegone


    e sul Monte Due Mani


    La cima del Sigaro Dones, un altro incredibile torrione che però da questa visuale non rende affatto


    Traffico di escursionisti sulla parte finale della Cresta Cermenati


    Laggiù i Resinelli sono quasi sommersi dalle nubi, ma qua sopra il sole splende su di noi


    Finalmente dopo circa 4 ore e mezza di cammino (ritmi molto rilassati) arriviamo in vetta e ci sistemiamo al riparo dal vento.
    Croce di vetta


    Sulla roccia in prossimità della croce il gruppo alpinistico dei Ragni di Lecco ha posto un libro metallico a ricordo dei defunti (molti di loro in realtà non sono morti in Grigna e neanche in montagna). In effetti un'altra caratteristica della Grigna è la relativa abbondanza di lapidi commemorative per i motivi che potete immaginare.


    Sulla cima si trova anche il bivacco Ferrario, da usare come ricovero di emergenza; in quel momento era comunque possibile entrarci dentro anche se mancava il pavimento (era stato tolto per restauro e i pezzi erano accatastati lì vicino)


    La cima della Grignetta è un punto panoramico eccezionale nelle giornate di bel tempo.
    Nella foto da dx a sx si vede la Punta di Terrarossa o Wasenhorn, il Monte Leone e il Breithorn (quello del Sempione) con il sottostante Alpjergletscher


    Una parte del gruppo del Bernina (vedere qui https://www.skiforum.it/forum/showthread.php?t=91352 per maggiori dettagli)


    Le Prealpi assediate dalla foschia, all'orizzonte il Monte Rosa


    Il Grignone


    e un ingrandimento sui suoi contrafforti occidentali: Sasso Cavallo, Sasso di Sengg e Sasso dei Carbonari


    In discesa sulla Cermenati si può rimirare per bene i tre Torrioni Magnaghi


    e anche il Sigaro Dones


    A fine giornata la Cermenati sembra quasi interminabile; in realtà dalla cima ai Resinelli ci vogliono circa 2 ore andando con calma ma il tracciato risulta un tantino monotono


    Ancora due Magnaghi e il Sigaro, che da qui sembra appoggiato al Primo Magnaghi


    La vetta è sempre più distante, mentre ci rituffiamo nella nebbiosa pianura




    Ciao Grignetta, torneremo sicuramente a trovarti !!




  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  3. #2

    Predefinito

    La posizione isolata staccata da altre montagne importanti permette una delle migliori visioni di insieme sulle alpi occidentali:

    https://www.skiforum.it/forum/showthread.php?t=70411

  4. #3

    Predefinito

    Stupende foto e luoghi bellissimi....da applausi!!!!!!!!!!

  5. #4

  6. #5

  7. Skife per pat:


  8. #6

    Predefinito

    Complimenti, tante belle foto!

  9. #7

    Predefinito

    L'inneffabile bellezza delle Orobie!!

  10. #8

    Predefinito

    che gola fai venire con questi report...

    si sale solo per sentieri attrezzati o c'è anche un qualcosa di piu semplice?

  11. #9

    Predefinito

    complimenti, mi hai fatto venire alla mente i racconti delle avventure del mitico Cassin.

    saluti

  12. #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Diego_RND Vedi messaggio
    Il Monte Rosa si fa notare all'orizzonte ...
    Qua si vede anche il Cervino, che ci strizza l'occhio da destra.

    Belle foto e bellissimo percorso: l'ho fatto un paio di volte in questo periodo dell'anno (ma l'ultima volta quasi vent'anni fa), continuando poi in cresta fino al Grignone.

  13. #11

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da cocojambo Vedi messaggio
    che gola fai venire con questi report...

    si sale solo per sentieri attrezzati o c'è anche un qualcosa di piu semplice?
    La cresta cermenati è un sentierone per prati, banale (e una gran rottura di scatole probabilmente), la cresta Sinigallia (che di cresta ha anch'essa ben poco) è appena più ostica verso la fine e un po' più panoramica e interessante.

    Bel giro, lo stesso identico che ho fatto in salita a settembre e anche a me piacque un mondo, tra l'altro in settimana in piena solitudine fu uno spettacolo. Io mi ero portato in eccesso di prudenza almeno un cordino con moschettone e sul traverso prima delle scalette e verso la fine prima di spuntare sulla Cermenati non mi aveva fatto schifo usarlo.

  14. Skife per cleon:


  15. #12

    Predefinito

    Grazie a tutti per i complimenti !!

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    L'inneffabile bellezza delle Orobie!!
    Dici che vadano considerate Orobie a tutti gli effetti ?
    Io le ho sempre viste come una zona a parte, un po' come per i monti del Triangolo Lariano.

    Citazione Originariamente scritto da cleon Vedi messaggio
    La cresta cermenati è un sentierone per prati, banale (e una gran rottura di scatole probabilmente), la cresta Sinigallia (che di cresta ha anch'essa ben poco) è appena più ostica verso la fine e un po' più panoramica e interessante.

    Bel giro, lo stesso identico che ho fatto in salita a settembre e anche a me piacque un mondo, tra l'altro in settimana in piena solitudine fu uno spettacolo. Io mi ero portato in eccesso di prudenza almeno un cordino con moschettone e sul traverso prima delle scalette e verso la fine prima di spuntare sulla Cermenati non mi aveva fatto schifo usarlo.
    In effetti la Cermenati sale su dritta tra i prati, non fosse per il panorama intorno sarebbe assai monotona. Un'alternativa potrebbe essere il Sentiero delle Capre, che percorre il crestone erboso sul versante orografico destro del Canalone Caimi e sulla guida grigia CAI-TCI è dato di difficoltà pari alla Cermenati.
    Comunque direi che oltre al casco anche un semplice cordino+moschettone può sempre tornare utile specie in caso di bagnato (e con il lago vicino ...)

  16. #13

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Diego_RND Vedi messaggio
    Grazie a tutti per i complimenti !!



    Dici che vadano considerate Orobie a tutti gli effetti ?
    Io le ho sempre viste come una zona a parte, un po' come per i monti del Triangolo Lariano.


    È orobico tutto quello che è compreso tra il lago di Como, l'Adda, il Passo dell'Aprica e la pianura padana. Infatti l'Aprica è la stazione sciistica orobica più importante.
    Più sottile la demarcazione tra Prealpi Orobie e Alpi Orobie vere e proprie.
    Invece il Triangolo Lariano non è orobico.

  17. Lo skifoso Ema93 ha 2 Skife:





Tags per questo thread

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •