Mostra risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: CORTINA SELVAGGIA - Quota 2014 del Pezovico

  1. #1

    Predefinito CORTINA SELVAGGIA - Gruppo del Pomagagnon, Quota 2014 del Pezovico

    Sempre attingendo al pozzo dei ricordi, in attesa della prima uscita di quest'estate.

    Si potrebbe pensare che non sia proprio facile sperimentare un senso di selvaggio puro a Cortina, a 10 metri da Fiames (in linea d'aria, ben inteso!!), sfiorando appena la quota di 2000 metri. Eppure fu così...
    Idea nata grazie al fantastico libro "Il Gruppo del Cristallo", di Luca Visentini.


    Come al solito, inquadriamo la zona





    Già sul nome c'è qualche dubbio. Con "Pezovico" si indica la propaggine più settentrionale del Pomagagnon, separata dal sottogruppo delle Pezories dalla Forzela Outa (forcella alta). Tale propaggine è composta da due cime, una quotata 1933 m (quella più a nord in assoluto) ed una quotata 2014 m., separate dalla “forcella bassa”
    Io sono favorevole a questa interpretazione (cioè che entrambe le cime appartengano al Pezovico); qualcuno invece sostiene che solo la quota 1933 m si debba chiamare Pezovico, mentre quella di 2014 m non abbia un nome.
    L'Australopithecus Afarensis se voleva salire una cima la saliva senza preoccuparsi del nome (anche perché non parlava quindi non glie lo poteva dare); anche noi facciamo lo stesso.


    Gambe in spalla. Se non siamo sicuri di voler raggiungere questa cima, fermiamoci e torniamo a casa, evitando di scomodare il soccorso alpino per così poco.
    Da Fiames saliamo un ghiaione, noto per frequenti smottamenti (quei massi che si vedono di sicuro prima o poi finiranno sulla ciclabile). Un primo sole (un po' malato per la verità) fa capolino dietro alle Pezories ed al Torrione Scoiattoli.





    Saliamo saliamo, finché il ghiaione si incunea in uno stretto canale, del quale dobbiamo raggiungere la testata. Un piccolo aneddoto: 3 camosci vivevano tranquilli alla testata del canalone. Noi avvicinandoci li abbiamo evidentemente disturbati e loro sono scappati a tutta velocità; mentre noi salivamo, loro hanno avuto l'idea di scendere. Visto che, alla testata, il canalone non è più largo di 3-4 metri, necessariamente ci sono dovuti passare vicino. Ma vedersi un qualcosa che pesa oltre 100 kg puntarti e poi passarti rasente a 80 km/h (tipo un motorino truccato…) incute un certo timore. Ovviamente ho impiegato un po' ha riprendermi, quindi non sono riuscito a fotografarli.

    Alla testata del canalone si gira a sinistra, su ghiaie cementate (utilissimo un mugo).





    Poi si presentano due canalini paralleli; tirando a sorte ne scegliamo uno, ma a posteriori scopriamo che vanno bene tutti e due. Raggiungiamo la forcellina sommitale e davanti ci si presenta un pendio con i labili resti di un mulattiera di guerra (prima niente in quanto tutto il percorso già svolto insiste su terreni franosi che si sono mangiati qualsiasi traccia).





    Prima di raggiungere la mulattiera dobbiamo perdere un po' di quota in una conca, non senza qualche difficoltà dovuta al terreno.





    Poi, agguantata la mulattiera (o meglio, quel poco che ne resta), guardiamo indietro da dove veniamo.





    Al culmine della mulattiera, siamo a Forzela Outa del Pezovico (che lo separa dalle Pezories). Numerosi resti di guerra.









    Per mughi (esposti…) saliamo sulla cupola che costituisce la Quota 2014. Riguardiamo indietro per osservare meglio la Forzela Outa





    Raggiunta la cima abbiamo qualche trincea e caverna in cui aggirarci




    E verso le Pezories notiamo una curiosità geologica, un'enorme clessidra nella parete, alta decine di metri (una simile c'è sulla parete Ovest della Cima Campestrin Nord, zona Fanis, ma è visibile solo in certe condizioni di luce)
    Questo fa capire quanto sia vasto e contorto anche un piccolo ambito quale quello delle Pezories, sottogruppo del Pomagagnon, sottogruppo del Cristallo.




    Un'ultima occhiata verso il percorso da cui proveniamo…



    … e per cui faremo ritorno.
    Riteniamo possibile una traversata per la Forcella Bassa verso la Quota 1933 del Pezovico (e da qui una discesa verso i pressi del Pra de Castel) oppure una discesa verso la Val Granda per il "Trincerone", ma il tempo sta girando sul brutto e preferiamo tornare verso casa per lidi noti, piuttosto che finire fulminati come i mughi che ci circondano. Lasceremo queste altre esplorazioni per una prossima uscita.
    Ultima modifica di 343cameri; 19-07-2018 alle 10:53 PM. Motivo: Aggiornamento titolo


  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  3. #2

    Predefinito

    Molto bello, grazie per la condivisione!
    Mancavano testimonianze e foto (stupende) del gruppo del Pomagagnon, inserito tra i più famosi gruppi di Tofane e Cristallo ed ingiustamente trascurato.
    Hai scritto che ci sarà una prossima uscita e ci farai ritorno... non dimenticare di postare un report: mi piace considerarla già una promessa.

  4. Skife per Childerique:


  5. #3

    Predefinito

    Escludendo la Testa del Bartoldo, tutte le altre cime del Pomagagnon sono alla portata del ravanatore / greppista. L’unica però vicino a sentiero battuti è la Punta Erbing, raggiungibile con una breve deviazione dalla fine del sentiero ferrato della Terza Cengia.

  6. #4

    Predefinito

    E le Pezoríes?
    avevo sentito che era andato giú pesantemente, si riesce ancora senza finire a fondovalle?

  7. #5

    Predefinito

    Terza Pala Pezories (quella che si trova subito a sinistra dello sbocco dell ferrata di Punta Fiames, da lì raggiungibile seguendo le serpentine di un vecchio se fiero di guerra, abbastanza individuabili): è da tanto che non passo in zona, quindi non saprei (ma è abbastanza banale come giro).
    Prima Pala Pezories (quella più a nord-ovest del gruppo, cioè più lontana dall’arrivo della ferrata e più vicina alla Val Granda/Val Padeon): sono salito nel 2011, tecnicamente era una “normale ravanata”, senza sentiero, con ghiaie e roccette, ma ben fattibile per chi ama il genere. Sono ri-passato alla base l’ultima volta nel 2016 e non ho visto segni di franamenti. Quindi a meno di un franamento molto recente la giudicherei fattibile. Anzi, molto raccomandata: itinerario piuttosto vario su un percorso di guerra praticamente cancellato, ma intuibile in alcuni punti, splendida vista su Fiames, postazioni di guerra.
    Vorrà dire che bisogna andare a vedere!!!




Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •