Pagina 4 di 10 PrimoPrimo 12345678910 UltimoUltimo
Mostra risultati da 46 a 60 di 147

Discussione: Zecche

  1. #46

    Predefinito

    Fortunatamente in alta valtellina praticamente non esistono. Però quest'anno, a inizio estate, è stato fatto un po di terrorismo psicologico (chi addirittura sconsigliava di scalare in zona lecco/zucco) e io ci sono un po cascato.
    Non sapevo del vaccino, provvedero il prima possibile grazie!

  2. #47

    Predefinito

    ma infatti la Lombardia non l' ho mai vista tra le zone a rischio, ma nemmeno segnalata come zona con alta presenza di zecche.

    a meduno (pn) fino a poco tempo fa mi era stato detto che i bambini delle elementari non li lasciavano giocare in cortile a ricreazione, da quante ce n' erano...

    quindi meno s...e mentali, fatevi il vaccino se magari sconfinate in altre regioni, e spulciatevi come babbuini rabbiosi dopo ogni gita.

  3. Skife per A.D.V.:


  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #48

    Predefinito

    Ecco la risposta a "dove vaccinarsi" in Veneto: http://www.vaccinarsinveneto.org/inf...ori-vaccinali/
    Mentre 2 informazioni sulla TBE da zecche: http://www.vaccinarsinveneto.org/sci...ecche-tbe.html

    Il vaccino protegge dalla malattia causata dal virus dell’ encefalite da zecca (TBE).

    Esiste un vaccino per l'adulto (da somministrarsi a partire dai 16 anni) e uno per il bambino. La vaccinazione può essere praticata a qualsiasi età, a partire dai 5 mesi compiuti. L'indicazione alla vaccinazione nei bambini tra i 5 mesi ed i 6 anni deve essere valutata individualmente in base a rischi di esposizione e benefici di protezione.
    Il vaccino non protegge contro altri virus e batteri che possono essere trasmessi da punture di zecca, pertanto è necessario adottare comunque tutte le precauzioni possibili per evitare punture di zecca nelle zone a rischio, come l’utilizzo di apposite calzature , coprendo gambe e braccia con indumenti adeguati.
    Chi deve essere vaccinato

    La vaccinazione è raccomandata a coloro che risiedono stabilmente o temporaneamente in zone boschive e rurali endemiche per la Meningoencefalite da Zecche. La popolazione a rischio è rappresentata da persone esposte a punture di zecche infette durante attività svolte all'aperto, in prevalenza nel loro habitat naturale rappresentato da luoghi mediamente umidi nelle foreste di latifoglie e foreste miste con abbondante sottobosco. La patologia è endemica nelle regioni temperate dell'Europa e dell'Asia, dalla Francia orientale al Nord del Giappone e dal Nord della Russia all'Albania. In Russia si registra la più alta prevalenza, in Siberia occidentale la più alta incidenza. In Italia il maggior numero di casi sono stati registrati negli ultimi anni in Friuli e Trentino Alto-Adige.
    Quando si effettua la vaccinazione

    La vaccinazione può essere avviata in tutti periodi dell’anno. Tuttavia il rischio di infezione è maggiore in primavera e all'inizio dell'estate perché le zecche necessitano di calore ed umidità per essere attive; pertanto il periodo migliore per avviare la vaccinazione è quello invernale, in modo da essere già protetti nel periodo di massima attività delle zecche e di incidenza di TBE. Per ottenere protezione immunitaria prima dell'inizio dell'attività stagionale delle zecche, la prima e la seconda dose devono essere somministrate preferibilmente nei mesi invernali. Il programma vaccinale deve essere completato con la terza dose entro la stessa stagione delle zecche o prima dell'inizio della successiva.
    Chi non devrebbe essere vaccinato (controindicazioni)

    Esistono controindicazioni:

    • Assolute: Ipersensibilità al principio attivo.
    • Relative: la vaccinazione deve essere rimandata nel caso in cui il soggetto sia affetto da una infezione febbrile acuta.

    Nelle donne in gravidanza, il vaccino deve essere somministrato solo se strettamente necessario, valutando attentamente il rapporto rischio/beneficio.
    In corso di allattamento al seno, non è noto se il vaccino od i relativi anticorpi vengano escreti nel latte materno.
    In presenza di una malattia autoimmune nota o sospetta nel soggetto da vaccinare, è necessario valutare il rischio di una possibile infezione da TBE rispetto al rischio che il vaccino possa produrre un effetto avverso sul decorso della malattia autoimmune stessa.
    I soggetti sottoposti a terapia immunosoppressiva o affetti da altre immunodeficienze possono avere una risposta anticorpale diminuita all’immunizzazione attiva. Come tutti i vaccini inattivati, il vaccino anti-TBE somministrato a persone che assumono farmaci immunosoppressori, tra cui alte dosi di corticosteroidi, o sottoposti a radioterapia può dar luogo ad un’immunizzazione insufficiente.
    Non sono note interazioni con altri farmaci o prodotti immunobiologici, vaccini compresi.
    I rischi della vaccinazione

    Le reazioni avverse segnalate successivamente alla somministrazione del vaccino si distinguono, in relazione alla frequenza con cui si manifestano, in:

    • Molto comuni (≥ 1/10): dolore nel sito di iniezione
    • Comuni (≥1/100, <1/10): mal di testa, nausea. dolori articolari e muscolari
    • Non comuni (≥1/1000, <1/100): linfadenopatia, vomito, febbre
    • Rare (≥ 1/10000, <1/1000): ipersensibilità sonnolenza, vertigini (solo per la prima dose) , diarrea, dolore addominale, reazioni al sito di iniezione quali: eritema, indurimento, gonfiore, prurito, parestesia


  6. Skife per Fabio:


  7. #49

    Predefinito

    in friuli 3 casi di encefalite da zecche negli ultimi 10 giorni



    - - - Updated - - -

    articolo a corredo, ancora poca gente si vaccina...ma questo potrebbe rientrare nel terrorismo mediatico che stanno facendo

    - - - Updated - - -

    qui opuscolo del fvg in pdf con alcune info sulle zecche e vari comportamenti da tenere

    http://www.regione.fvg.it/rafvg/expo...CCHE_depli.pdf

  8. Lo skifoso cocojambo ha 2 Skife:


  9. #50

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da cocojambo Vedi messaggio
    articolo a corredo, ancora poca gente si vaccina...ma questo potrebbe rientrare nel terrorismo mediatico che stanno facendo
    Più che certo (di sicuro NON comprensibile); su quella raccolta di vomiti cerebrali di FB, se provi a dimostrarti a favore dei vaccini rimedi più insulti e minacce di morte che un boia nazista in un lager.

    Ma in che paese di mer.da stiamo vivendo? O meglio, quanti concittadini idioti, ignoranti,boccaloni, creduloni e cerebrolesi abbiamo?

  10. Lo skifoso bisfra65 ha 4 Skife:


  11. #51

    Predefinito

    Beh stranamente i commento su fb sono tutti o quasi a favore del vaccino...

    Poi, in pochi, fanno notare come la non cura dell' ambiente e l aumentare delle bestie da assaggiare con la polenta, aiutino al proliferare delle zecche

  12. #52

    Predefinito

    Non ancora molto diffusa in Italia c'e' anche la malattia Lyme. Molto subdola perché spesso non diagnosticata.
    Non ci sono vaccini e l'unica terapia è antibiotica, ma lunga e pesante.
    https://en.wikipedia.org/wiki/Lyme_disease

  13. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre


  14. #53

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da cocojambo Vedi messaggio
    Beh stranamente i commento su fb sono tutti o quasi a favore del vaccino...

    Poi, in pochi, fanno notare come la non cura dell' ambiente e l aumentare delle bestie da assaggiare con la polenta, aiutino al proliferare delle zecche
    Io non sono cosi convinto che le cause del proliferare delle zecche siano quelle. Soprattutto il discorso bestie, che erano molte di piu un tempo. Per me è piu un discorso di assenza di loro predatori, di innalzamento delle temperature e riduzione della rigidita degli inverni a farle proliferare.

  15. Lo skifoso Il Pordenonese ha 2 Skife:


  16. #54

    Predefinito

    Per vostra opinione: senza essere vaccinati contro la tbe, ci andreste a pescare nei torrenti delle valli tirolesi?

  17. #55

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Il Pordenonese Vedi messaggio
    Io non sono cosi convinto che le cause del proliferare delle zecche siano quelle. Soprattutto il discorso bestie, che erano molte di piu un tempo. Per me è piu un discorso di assenza di loro predatori, di innalzamento delle temperature e riduzione della rigidita degli inverni a farle proliferare.
    Vorrei proprio capire quali siano i motivi di questa proliferazione e se si possa fare qualcosa per tenerla sotto controllo.

    Le ragioni che esponi sembrano assolutamente sensate, ma sono comuni a tutte le zone. E allora perché la presenza delle zecche è così difforme tra zone attigue e morfologicamente simili?

    Perché, ad esempio, i Monti del Sole ne sono infestati mentre le Vette Feltrine presentano una situazione pressoché normale?

  18. #56

    Predefinito

    La presenza degli ungulati, è un motivo di proliferazione delle zecche. Ce ne saranno anche altri, ma quello è certo. Non so se est, ma sull'Appennino l'aumento degli ungulati è esponenziale, e con loro, delle zecche.
    Poi certamente le temperature più alte aiutano.

  19. #57

    Predefinito

    Curiosità personale.
    Non esiste un predatore naturale delle zecche?
    Un insetto, un tipo di lucertola o qualcosa di simile ma naturale che si ciba di zecche? In questo modo basterebbe facilitare il corso naturale delle cose senza stravolgerlo introducendo un po' di questi animali e aspettare che torni l'equilibrio.
    Tipo la questione "lepri" e volpi nei boschi (al netto dell'intervento cacciatori).

    Name:  134167.jpg
Visite: 369
Dimensione:  74.8 KB

  20. #58

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Fabio Vedi messaggio
    Curiosità personale.
    Non esiste un predatore naturale delle zecche?
    Un insetto, un tipo di lucertola o qualcosa di simile ma naturale che si ciba di zecche? In questo modo basterebbe facilitare il corso naturale delle cose senza stravolgerlo introducendo un po' di questi animali e aspettare che torni l'equilibrio.
    Tipo la questione "lepri" e volpi nei boschi (al netto dell'intervento cacciatori).

    Name:  134167.jpg
Visite: 369
Dimensione:  74.8 KB
    Principalmente gli uccelli. Ho sentito che vengono attaccate anche dalle vespe ma di questo non sono sicuro

    saluti

  21. #59

    Predefinito

    Ecco, sono bestie talmente immonde, che perfino le vespe le aborrono! Brave vespe, ammazzatele tutte!!
    Ma anche l'uomo è una specie della Terra. Sterminiamo noi le schifosissime zecche?

  22. #60

    Predefinito

    Gli opossum in america, quando son stati usati, ne mangiavano a migliaia..

Pagina 4 di 10 PrimoPrimo 12345678910 UltimoUltimo
-

Tags per questo thread

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •