icona Skitags: Situazione meteo - neve - impianti - piste [100] Carona - Foppolo - San Simone - Val Brembana [16]

Pagina 42 di 49 PrimoPrimo ... 323334353637383940414243444546474849 UltimoUltimo
Mostra risultati da 616 a 630 di 731

Discussione: Bremboski - situazione piste, strade, neve, impianti

  1. #616

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da alessio90 Vedi messaggio
    lo sospetto anche io,
    ma in teoria i lavori sono partiti e poi stati bloccati, quindi potrebbero avere l'ennesima proroga.

    certo che sarebbe il colmo,
    se penso a quanti milioni hanno buttato ed elemosinato per provare a montare quel bidone di cabinovia...
    Se non lo montano, BIM e regione Lombardia chiederanno indietro i soldi... con ulteriore aggravio della situazione del comune di Foppolo (che già è sotto osservazione)

    Il progetto andava fermato prima. Anche dopo il milione speso per l’acquisto, ma prima dell’inizio degli scavi e lavori su piloni.

    Ora temo che la politica, per coprire se stessa, mandi avanti il progetto comunque, infischiandomene della sostenibilità, ma con il solo obiettivo di non essere additata come ‘sprecona’ di risorse pubbliche.

    Spero di essere smentito. Solo la corte dei conti può fermare il tutto.

  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  3. #617

    Predefinito

    da L'Eco di Bergamo di Marta Todeschini

    Foppolo e Carona divisi sui ricavi «Successo». «No, scelte sbagliate»
    Valle Brembana. Raddoppiati gli incassi rispetto all’anno scorso, Salusso: «Scommessa vinta» Moretti: «No, troppo cari». E sul futuro del comprensorio pesa l’incognita dei Comuni in rosso.

    Le cifre sono confortanti, un’ottima base per impostare il futuro. Ma a un mese e mezzo dalla conclusione della stagione invernale, gli incassi oltre le previsioni dividono Foppolo e Carona, facendo emergere i dubbi di chi proprio sul futuro di questo comprensorio è pronto a investire, prendendo le redini del dopo Brembo Ski. Con le cifre raggiunte domenica, ultimo giorno del Carnevale ambrosiano tutto da sciare, Foppolo archivia incassi «più che raddoppiati rispetto alla scorsa stagione» e prepara il suo futuro dopo due anni di esercizio provvisorio conseguente al ko di Brembo Super Ski, la società degli impianti di risalita dei Comuni di Foppolo (75%), Carona (15%) e Valleve (10%), fallita un anno fa dopo 12 anni di attività con debiti per circa 19 milioni di euro. Le cifre. Dall’Immacolata a due giorni fa, Carona ha messo in cassa «727 mila euro quando la media è di 320 mila euro sull’intera stagione – spiega Vittorio Salusso, direttore generale di Brembo Super Ski, in curatela fallimentare, che gestisce tutti gli incassi del comprensorio, compresi quelli della parte di Foppolo rilevata dalla Devil Peak –, più che raddoppiando l’incasso rispetto alla scorsa. E con domenica abbiamo superato to il budget di incassi depositato in Tribunale, stimato sui 712 mila euro». Cifra confermata, euro più o meno, anche per Foppolo che, insieme a Carona, «ha raggiunto i 620 mila passaggi totali – aggiunge Salusso –, con i primi ingressi, cioè i biglietti venduti, raddoppiati». Salusso legge il report come «una scommessa vinta, quella di riaprire. Aver lanciato il biglietto a 22 euro per Valgussera, Conca Nevosa, Alpe Soliva e il tappeto bimbi, che sono in esercizio provvisorio, è stata una mossa giusta. Bene anche il biglietto di comprensorio, per sciare sia su Carona che su Foppolo, a 30 euro. I presupposti per avere buoni risultati ci sono.
    Certo, sarebbe stato più logico andare in esercizio provvisorio su tutto». «Bene, ma non benissimo» La vede diversamente Massimo Moretti, l’ex direttore generale dell’Inter che con la Devil Peak ha rilevato per 200 mila euro dal Comune la gestione di Quarta Baita e Montebello e già era pronto prima dell’inverno atentare la scalata di Brembo Super Ski, ma che per fare il grande passo dovrà attendere l’asta che si annuncia per la prossima primavera. Moretti, per dirla con il rapper Shade, conclude che è andata «bene, ma non benissimo». Poteva andare «molto meglio: i valori di vendita dei giornalieri feriali erano troppo alti, con la conseguenza che durante la settimana è arrivata poca gente. Una scelta completamente sbagliata, non l’abbiamo voluta noi, ma accettata». Quanto all’asta,«predisporremo in tempi ragionevolmente brevi un bando – spiega Alberto Carrara, uno dei tre curatori fallimentari –: per garantire la prossima stagione, dovremmo arrivare tra agosto e settembre al massimo all’aggiudicazione, in modo che chi compra abbia i tempi tecnici per allestire la stagione». Questione di cifre, come sempre. «Se la cifra stimata ultimamente come base d’asta di 7 milioni di euro sarà confermata – anticipa Moretti – non parteciperemo mai: con un fatturato di 900 mila euro a fine stagione e costi
    praticamente pari, è una cifra improponibile». C’è poi il capitolo spacchettamento. Se Brembo Super Ski mostra i risultati di questo secondo esercizio provvisorio come la prova che sì, la gestione di Carona in solitaria è sostenibile, per Moretti invece «l’obiettivo di tenere le due stazioni unite mi sembra ovvio, ma senza contrasti dal punto di vista gestionale». Così pure il socio Giacomo Martignon: «Ora non ripetiamo il pasticcio del 2017 e si crei subito il gestore unico che possa programmare la prossima stagione, per riempire hotel e appartamenti anche durante la settimana».
    Insieme o soli? Anche da Carona il sindaco Giancarlo Pedretti, felice di «aver dimostrato che Carona può essere un accesso interessante e che a Carisole si scia piacevolmente, su tante piste», ribadisce: «La stazione sciistica è unica, con Foppolo. Siamo la Val Fondra». Resta da capire il ruolo che avranno in tutto ciò, se l’avranno, le amministrazioni comunali. Quanto a quella guidata da Beppe Berera, la recente pronuncia della Corte dei conti che di fatto congela in via cautelare le spese non obbligatorie per Foppolo (così come per Valleve, destinatario dello stessa ammonizione per aver affidato consulenze senza gara, in un panorama di buchi di bilancio milionari) bloccherebbe ogni iniziativa nel settore della neve. Compresi i fondi di cui il Comune dispone per acquistare e mettere in funzione la telecabina rilevata da Corvara, Bolzano, oggi di proprietà del fallimento di Brembo Super Ski. Per acquistarla il Comune ha oltre 3,5 milioni di euro tra prestiti dalla Regione e fondi Bim. Pochi giorni fa, però, la mannaia dei giudici economici, come uscirne? Questa sera è in calendario un incontro del gruppo di maggioranza: non si potrà non parlare del piano di riequilibrio richiesto dalla Corte dei conti. Solo dopo si potrà tornare a parlare di seggiovie.

  4. #618

    Predefinito

    Anche la Berbenni (in autonomia) ha tratto le mie conclusioni...

    Basta seguire i soldi. Anche Falcone lo diceva...


    Dal corriere di oggi

    Foppolo, quei fondi dalla Regione per la telecabina fantasma

    I lavori per il cantiere della telecabina a novembre 2016
    La testimonianza di Laura Cattaneo, resa il 23 novembre 2016 ai carabinieri di Zogno, apre uno spaccato inquietante nell’inchiesta su Foppolo. Trent’anni, di Branzi, è impiegata della Brembo Super Ski (Bss). Lo è oggi che la società sciistica è fallita e lo è stata per i nove anni precedenti al crac. Nel 2015 sostiene di avere visto falsificare le fatture dei fondi incassati dalla Regione Lombardia per la telecabina. A suo dire, era la moglie del sindaco Giuseppe Berera a modificare date, importi, nomi e descrizioni, ma poi era lui a passare al vaglio i documenti e a decidere. Sì, l’impianto è lo stesso al centro dell’inchiesta: acquistato da Corvara nel 2012, attualmente si trova nei depositi della Marconi Industrial Services di Mantova. I primi (e ultimi) lavori per installarla risalgono all’autunno 2016 ad opera del Comune, che per avviarli ha ricevuto un prestito a tasso agevolato di 2,5 milioni da Finlombarda. Il cantiere, da allora, è fermo ai plinti.

    Cosa abbiano accertato gli inquirenti, a un anno e tre mesi dalla deposizione di Cattaneo e dal periodo più intenso dell’inchiesta, nessuno ancora lo sa. Il dato di fatto è che Berera, tra i sei indagati, è rimasto al suo posto. Le accuse sono tutte da dimostrare. In ogni caso, al netto della testimone, tracce di contributi destinati alla telecabina sono facilmente riscontrabili nelle tabelle dell’Albo dei beneficiari di provvidenze economiche della Regione. Tra il 2014 e il 2015, alla Bss sono stati erogati 1.295.407 euro anche se i lavori per l’impianto non erano ancora partiti. I fondi rientravano nell’accordo di programma del «Progetto integrato strategico per l’ammodernamento, potenziamento e valorizzazione dei comprensori sciistici della Valle Brembana e Valsassina nelle province di Bergamo e Lecco», sottoscritto nel 2012 dalla giunta regionale guidata da Roberto Formigoni, dalla Provincia dell’allora presidente Ettore Pirovano, dalla comunità montana della Val Brembana e dai comuni interessati. All’accordo avevano inoltre aderito le società sciistiche beneficiarie dei contributi: la Bss, appunto, e la Imprese Turistiche Barziesi di Valtorta-Piani di Bobbio (Itb). Alla Bss era andata di lusso. Le era stata destinata circa la metà dei soldi messi sul piatto dalla Regione, 4,3 milioni di euro su 8, il 20% del totale degli importi preventivati per sette progetti (21,7 milioni): la sostituzione della seggiovia biposto Camoscio a San Simone (2,7 milioni); la manutenzione straordinaria delle piste per la pratica dello sci alpino a San Simone (889 mila euro); la realizzazione dell’impianto di innevamento a Carona (2 milioni); il completamento dell’innevamento a Foppolo e Carona (350 mila); l’acquisto di attrezzature per piste e sicurezza (365 mila); la nuova seggiovia ad agganciamento automatico «Carisole-Conca Nevosa» (6 milioni); la nuova telecabina ad ammorsamento automatico «Ronchi-Montebello» (9,2 milioni).

    Per la telecabina risultano due contributi nel 2014: uno da 277 mila euro giustificato come liquidazione per l’avvio dei lavori e 393 mila euro come stato di avanzamento dei lavori. Nel 2015, altre cinque erogazioni da 143 mila, 2 mila, 236 mila, 158 mila e 80 mila euro sempre per stato di avanzamento dei lavori. Il punto è che, a quei tempi, cantieri non ce n’erano. In più, l’impianto non è affatto nuovo, ma di seconda mano. Come la seggiovia Conca Nevosa, un’Agamatic con 25 anni di età quando nel 2011 è stata montata a Carona e ribattezzata «Snow Star», la società fallita del titolare della Graffer Sergio Lima. Fondi relativi a questo progetto erano arrivati nel 2013 (540 mila euro) e l’anno precedente, compresi nei 2 milioni di euro per la realizzazione dei primi cinque. Strano, perché a Carona l’innevamento è stato predisposto solo nel 2015 con il Comune di Foppolo che si è sobbarcato l’opera senza poi pagarla. Gli aiuti del Pirellone sembrano essere serviti a poco anche nel caso della seggiovia Camoscio, ora finita alla società che aveva erogato il leasing per coprire la spesa di 2,1 milioni a bilancio.

    Quanto ai vicini di Valtorta, per Itb l’accordo aveva stabilito fondi per poco meno di 3 milioni su otto progetti. È stata sostituita la seggiovia da Valtorta e la Orscellera e sono stati acquistati nuovi gatti delle nevi: «Abbiamo sfruttato l’80% dei fondi a nostra disposizione e scelto di incassarli solo a interventi conclusi — spiega il direttore Massimo Fossati —. Avevamo previsto la sostituzione di altre due seggiovie, ma i tre anni senza neve hanno inciso e abbiamo preferito aspettare. Questa stagione è stata ottima, per procedere abbiamo tempo fino al 2019. Valuteremo».

  5. #619

    Predefinito

    Moretti dichiara che per 7 milioni di base d’Asta non partecipa.
    Che crede, di prendere asset pubblici a 1 milione e farsi bello con i ricavi?

    Ahia. Se la rinascita di Foppolo passa da ‘costi pubblici, ricavi privati’ mi sa che l’aria non è cambiata molto...

  6. #620

  7. #621

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da sigigno7 Vedi messaggio
    Basta poco per provare a cambiare le cose (e magari anche per finire sulla BBC).

    https://www.facebook.com/bbcworldser...5067764845674/
    il bello è leggere i commenti degli inglesi sotto.... sembra di vedere leghisti che parlano inglese!! :-)

    Ma come mai non ci sono report sul "forum ufficiale" degli articoli usciti negli scorsi gg sul sindaco??? :-))

  8. #622

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da jester Vedi messaggio
    il bello è leggere i commenti degli inglesi sotto.... sembra di vedere leghisti che parlano inglese!! :-)

    Ma come mai non ci sono report sul "forum ufficiale" degli articoli usciti negli scorsi gg sul sindaco??? :-))
    Guarda ho vissuto 5 anni in UK, a differenza dei leghisti hanno la fissa del "Politically correct" ma sotto la sostanza e` simile per gran parte della popolazione (Londra esclusa).
    Basta studiarsi il dizionario di cio` che un inglese dice vs cio` che realmente intende per capirlo.

    Finito l'OT, sul forum ufficiale stanno dando la caccia lungo tutta la valle alla povera segretaria, chiaramente pagata dalle forze del male per screditare il sacro monte

  9. #623

    Predefinito

    Non ho Facebook, ma sarebbe bello vedere cosa le scrivono sulla sua pagina, ora che come testimone ci ha messo la faccia.
    Potete scriverle da parte mia un ‘brava!’ ? Grazie.

    Certo che il clima in alta valle è: tutti sanno, ma nessuno parla.
    E anche ora, nessuno parla...
    E comunque si nega appena si può!

    Alta valle Brembana.
    Lombardia...

    ? Gente che grida roma ladrona e che si lamenta della variante di zogno...

  10. #624

    Predefinito

    Tornando on topic.
    Lara Magoni e Ugo Parolo sono stati informati che si sono spesi per Foppolo e che i soldi dei Lombardi sono stati erogati (forse) in modo non corretto?

    Sono accorsi velocemente al capezzale della seggiovia bruciata.
    Correranno altrettanto velocemente al capezzale di questi ipotizzato reati????
    (Domanda retorica...)

  11. #625

    Predefinito

    Spero solo che non usino Sofia come testimonial del rilancio. Mi han già parzialmente rovinato l’immagine di Simone Moro...

    Poi si sa che da Gennaio a Novembre nessuno prova a pianificare il futuro, meglio aspettare il 20 Ottobre sbraitando che “la stagione è a rischio”

  12. #626

    Predefinito Bremboski - situazione piste, strade, neve, impianti

    Citazione Originariamente scritto da sigigno7 Vedi messaggio
    Spero solo che non usino Sofia come testimonial del rilancio..”
    Questa ci sta dai. La campionessa olimpica di DH che cita Foppolo quando ricapita?



  13. #627

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Bepiiii Vedi messaggio
    Questa ci sta dai. La campionessa olimpica di DH che cita Foppolo quando ricapita?


    Aspettiamoci un boom di turisti provenienti dalla Corea

    Ahhhh, tra l'altro gli impianti li smantellano, potrebbero comprarli come sostituti della cabinovia mai installata. UN affarone!!!!!

  14. Skife per sigigno7:

    pat

  15. #628

    Predefinito

    Cioè, hanno costruito uno skiresort dal nulla, per poi smantellarlo? Ma veramente???

  16. #629

    Predefinito

    Si'. Bhe... noi un impianto lo abbiamo comprato smantellato, depositato smantellato, semi-installato smantellato, sperato smantellato .... manca solo "cambiato smantellato"...

    Ci portiamo avanti. Perche' prendersi la briga di installarli se se ne puo' gustare l'evoluzione lasciandolo smantellato?

    P.s.: la segg Conca Nevosa gira fluida o tende a bloccarsi frequentemente?

  17. #630

    Predefinito

    Aggiungo.
    Abbiamo fatto i plinti e forse ci toccherà smantellarli. (A meno che non si faccia come Piazzatorre dove si lasciano ruderi cementati e tralicci arrugginiti sui monti senza che nessuno dica nulla)

Pagina 42 di 49 PrimoPrimo ... 323334353637383940414243444546474849 UltimoUltimo



Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •