Pagina 1 di 4 1234 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 54

Discussione: Novità Canalone Madesimo (informazione di servizio)

  1. #1

    Predefinito Novità Canalone Madesimo (informazione di servizio)

    Il Canalone e i Camosci a Madesimo sono stati ufficialmente classificati come "fuori pista" il che comporta che per essere percorsi, indpendentemente dalle condizioni della neve, lo sciatore deve essere munito di ARVA.

    saluti

    Andy61

  2. Skife per Andy61:

    pat

  3. #2

    Predefinito

    C'è il cancelletto che ti dà luce verde solo se hai arva acceso o qulcosa di simile?

  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #3

    Predefinito

    Giusto per fare venire voglia di sciare a Madesimo.

    Ciao

  6. Lo skifoso ACE65 ha 2 Skife:


  7. #4

    Predefinito

    Primo giorno dell'anno e prima bella notizia di M
    Si era già discusso qui sul forum di quest'argomento circa un anno fa in occasione di un morto sotto una valanga,
    scesa però non proprio all'interno del Canalone.
    La normativa regionale contempla gli "itinerari sciistici" in cui il Canalone ricadeva in pieno (anzi sembrava fatta apposta)
    ma probabilmente il volersi mettere al riparo da ulteriori responsabilità (che posso anche capire, visto il sistema giudiziario italiano)
    ha portato a questa decisione...
    Il Canalone anni fa era considerato una pista nera, questo oggi sarebbe "troppo", ma farlo diventare un fuoripista è eccessivo,
    chi frequenta da anni Madesimo sa benissimo che moltissimi, di qualunque età, purché sufficientemente bravi, lo fanno, come pista non battuta,
    ed è stato così per 50 anni, ora non va più bene

  8. Lo skifoso Larice ha 7 Skife:


  9. #5

    Predefinito

    Concordo sulla notizia di M visto che ora dovrò dotare tutta la famiglia di ARVA, però era un destno ineluttabile visto che la vittima è stata travolta praticamente all'interno del tracciato delimitato dai paletti.

    Andy61

  10. #6

    Predefinito

    A questo punto spero lo tolgano dalle mappe e dall'elenco piste. Oppure lo tengono buono per gonfiare i km totali della stazione?

    Ricordo a tutti coloro che presi da sconforto si sentono costretti a comprare il kit da fuoripista, che la funivia fa trasporto passeggeri anche in discesa.

  11. Lo skifoso ste1258 ha 2 Skife:


  12. #7

    Predefinito

    oltre a questa notizia...sapete per caso se la concessione della funivia per la valle scadrà a breve??...ho sentito dire che potrebbe non essere più rinnovata a causa della vetustà dell'impianto...!!!

  13. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  14. #8

    Predefinito

    Solita cagata all'italiana, per pararsi il fondoschiena rendono inaccessibile al 95% degli sciatori una pista bellissima, pensate un po' se in Francia le piste non battute dovessero essere tutte classificate come fuori pista con obbligo di attrezzatura da sci alpinismo...

    Un vero peccato, Madesimo ha un comprensorio più che discreto, ma con una pista eccezionale (il Canalone appunto), mi sa tanto che questo sarà il primo passo per dismettere...

    Purtroppo le stazioni sciistiche in Lombardia sono quasi tutte su una brutta strada, vedi anche Brembo Ski e Montecampione, soltanto Livigno e Ponte di Legno-Tonale vanno abbastanza bene e attraggono una clientela internazionale (quella che grazie alle settimane bianche tiene in piedi il turismo alpino), per il resto desolazione, anche l'area di Bormio-Stelvio, un tempo sugli scudi, sembra lasciata a sé stessa, di questo passo si potra sciare bene e tutto l'anno soltanto in VdA e TAA, visto che anche in Piemonte, Sandomenico a parte, invece di investire si disinveste e si ridimensiona sempre di più (La Via Lattea è in questo senso il caso più eclatante).

  15. #9

    Predefinito

    Ma se uno se ne sbatte e la fa lo stesso, quando c'è neve dura trasformata, rischia qualcosa (multe o ritiro skipass)?

  16. #10

    Predefinito

    Secondo me 'la solita cagata all'italiana' era la situazione precedente.

    Un pendio è pista o fuoripista, non ci sono legalmente ibridi. Per pista si intende anche un itinerario non battuto per la quale il gestore impianti GARANTISCE la sicurezza e paga per eventuali incidenti di valanga. Ad esempio gli itinerari freeride in austria (paletti a rombo), in svizzera (linea gialla sulla cartina) e in Francia (pista nera non damee) sono a tutti gli effetti piste non battute. In Italia no, si lascia nel dubbio e a Madesimo lasciavano la funivia chiusa a ogni nevicata per non rischiare.

    Mi aspetto ora che la funivia apra ogni giorno e che nel canalone possano andare solo sciatori sotto la propria responsabilità.

  17. #11

    Predefinito

    Io al loro posto mi parerei il culo allo stesso modo visto che nonostante leggi chiare trovi poi magistrati che le interpretano come vogliono e magari ti fai 10 anni di processo prima di essere assolto perchè il fatto non sussiste.

    Andy61

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente scritto da SOsteSO Vedi messaggio
    oltre a questa notizia...sapete per caso se la concessione della funivia per la valle scadrà a breve??...ho sentito dire che potrebbe non essere più rinnovata a causa della vetustà dell'impianto...!!!
    Nessun problema fino al 2024.

    Andy61

  18. Skife per Andy61:


  19. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da pierr Vedi messaggio
    Secondo me 'la solita cagata all'italiana' era la situazione precedente.

    Un pendio è pista o fuoripista, non ci sono legalmente ibridi. Per pista si intende anche un itinerario non battuto per la quale il gestore impianti GARANTISCE la sicurezza e paga per eventuali incidenti di valanga. Ad esempio gli itinerari freeride in austria (paletti a rombo), in svizzera (linea gialla sulla cartina) e in Francia (pista nera non damee) sono a tutti gli effetti piste non battute. In Italia no, si lascia nel dubbio e a Madesimo lasciavano la funivia chiusa a ogni nevicata per non rischiare.

    Mi aspetto ora che la funivia apra ogni giorno e che nel canalone possano andare solo sciatori sotto la propria responsabilità.
    Sei un po' ingeneroso, da quando c'è Garbin a dirigere gli impianti la funivia non ha mai chiuso per evitare l'accesso a Canalone e Camosci. Succedeva quando gli impianti erano in mano alle banche e ch gestiva non voleva responsabilitá.

    Andy61

  20. #13

    Predefinito

    @ andy61

    ma la notizia è ufficiale veramente?
    dove sta scritto? mi piacerebbe conoscere la situazione reale.

    Fosse vero sarebbe una bella notizia (x me). Pannello informativo. Se scendo mi prendo le mie responsabilità. Se non ho APS mi becco la multa.

    No perchè sul sito è menzionato ancora come "fuoripista". E scrivono che è chiuso.



    Io non sono di madesimo, non conosco le ragioni per cui la situazione è stata e sembra continuare ad essere questo "ibrido" all'italiana come dice pier.

    Quello che si percepisce (parlo per me) è che alla società impianti fa comodo "vantarsi" del canalone come parte del comprensorio, però allo stesso tempo non c'è un vero e proprio impegno nel bonificare attivamente (anche qua parlo non conoscendo le difficoltà tecniche) quindi per pararsi il fondoschiena da incidenti e responsabilità si chiude e si fan multe. Poi magari succede la tragedia quando risulta "aperto" come lo scorso anno, correggetemi se sbaglio.

    Negli ultimi anni, se è vero che il settore freeride sta crescendo sempre di più, Madesimo sta perdendo il treno, ed è un peccato perchè il Groppera, powder o non powder è fantastico.

  21. #14

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da molale81 Vedi messaggio
    @ andy61

    ma la notizia è ufficiale veramente?
    dove sta scritto? mi piacerebbe conoscere la situazione reale.

    Fosse vero sarebbe una bella notizia (x me). Pannello informativo. Se scendo mi prendo le mie responsabilità. Se non ho APS mi becco la multa.

    No perchè sul sito è menzionato ancora come "fuoripista". E scrivono che è chiuso.



    Io non sono di madesimo, non conosco le ragioni per cui la situazione è stata e sembra continuare ad essere questo "ibrido" all'italiana come dice pier.

    Quello che si percepisce (parlo per me) è che alla società impianti fa comodo "vantarsi" del canalone come parte del comprensorio, però allo stesso tempo non c'è un vero e proprio impegno nel bonificare attivamente (anche qua parlo non conoscendo le difficoltà tecniche) quindi per pararsi il fondoschiena da incidenti e responsabilità si chiude e si fan multe. Poi magari succede la tragedia quando risulta "aperto" come lo scorso anno, correggetemi se sbaglio.

    Negli ultimi anni, se è vero che il settore freeride sta crescendo sempre di più, Madesimo sta perdendo il treno, ed è un peccato perchè il Groppera, powder o non powder è fantastico.
    Avevo postato nel tread della localita` il mio pensiero

    Ieri per la prima volta sono riuscito ad andare in val di Lei. Arrivo alle 9:20 alla partenza della funivia: CHIUSA. Dopo 5 minuti una funivia torna giu` con su i boss della skiarea che dicono: c e` nebbia ma appena possibile apriamo perche` per noi e` un vanto e siamo i primi a voler aprire quando si puo`.
    Ore 9:45 la funivia apre. All'uscita dal tunnel un poliziotto ci informa che il canalone e` chiuso (ma non era diventato fuori-pista???), quindi nemmeno chi era equipaggiato con APS poteva scendere. Anche al mio ritorno (13:00) lo stesso poliziotto era li a non far scendere nessuno. In sostanza nonostante la ri-classificazione nulla e` cambiato, anche perche` chiunque ieri poteva salire e sciare in val di Lei.

    L'idea che mi son fatto io e` che il Canalone e la Val di Lei sono il vanto di questa skiarea semi freeride-oriented. Dico semi perche` molta gente, soprattutto clientla fissa, si e` abituata a fare quel che vuole sul Groppera, senza lo sbattimento di doversi munire di APS (e magari di imparare ad usarlo). Mettere un cancelletto ARVA alla funivia (tipo MRS) scontenterebbe la clientela fissa, mentre istituire un vero e proprio ski-patrolling costerebbe troppo. Meglio mandar su i gestori a vedere come butta e mettere un poliziotto all'ingresso del canalone (tanto quello lo paghiamo noi)

  22. #15

    Predefinito

    Non comprendo la filosofia di questa discussione, per me arabo.
    Va benissimo argomentare su come disciplinare il fuoripista, argomento delicatissimo e sempre boraderline, da stuzzicare meno possibile, ma...
    ...far passare il messagio che APS siano zavorra mi sembra stupido.

    Non ho capito cosa ci sia di male ad avere un arva addosso. Indipendentemente da dove si vada a sciare, Madesimo o altri posti, qual'è il problema?
    Se è una questione economica si può andare su un mercatino usato e predere un qualunque apparecchio: quelli vecchi sono più difficili in ricerca, ma i segnale lo mandano benissimo per essere cercati da altri.
    Chiaro che scegliere un arva vecchio al risparmio è una scelta egoistica, nel senso che ti trovano benissimo ma cerchi male, però meglio un Pieps del 1997 da 20 euro... che niente. NO?
    Se invece non si vuole fare il canalone o i camosci, caprioli, stambecchi, etc... si sta in pista e amen.

    Tengo a precisare che a me l'ARTVA non ha mai dato la benché minima sensazione di tranquillità, poiché solo un approccio super conservativo è il fattore che può far calare un pelino la probabilità di vedersela brutta, tuttavia non mi sono mai posto minimamente il problema, se solo la probabilità di sopravvivenza salisse da 50 a 51% sarebbe per me comunque un investimento giustificato. Scio con l'ARVA dal 1998, esattamente da quando misi per la prima volta piede al di là del bordo pista. In caso di fatalità, non bisogna avere rimpianti, bisogna essere sicuri di aver preso TUTTE le precauzioni.

Pagina 1 di 4 1234 UltimoUltimo
-

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •