icona Skitags: Mare [41]

Pagina 1 di 4 1234 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 59

Discussione: Trekking nel blu - la traversata da Camogli a Portofino 04.05.16

  1. #1

    Predefinito Trekking nel blu - la traversata da Camogli a Portofino 04.05.16

    A parlar di mare su un forum di montagna si rischia il licenziamento, ma le richieste dei miei fan sono così insistenti e numerose che non posso trattenermi dal pubblicare un piccolo omaggio a questo meraviglioso giro.

    Troppo presto per andare sulle alte Alpi ancora infestate da chiazze di neve, l'Appennino al secondo giro stagionale mi va già di traverso, quindi niente di meglio che sperimentare il trekking in versione marittima.

    La camminata che vado mostrandovi collega Camogli a Portofino passando per San Rocco e San Fruttuoso, tra vecchie borgate e macchia mediterranea, senza mai perdere di vista il mare.
    L'itinerario si svolge su tracciati di vario tipo, dalla stradella lastricata al sentiero facile al tratto per esperti attrezzato con catene. Il tempo di percorrenza è di circa 5 ore con un dislivello complessivo in salita di 700 m e altrettanti in discesa.


    Dal parcheggio di Camogli si prende quota su una tipica "creuza de ma" che tra case sparse e orti conduce alla frazione di San Rocco (220 mslm):


    Dalla piazzetta del paese lo sguardo spazia già su tutto il golfo Paradiso:


    In lontananza, dietro le ciminiere di Vado, le Alpi Marittime con ancora rimasugli di neve:


    Da San Rocco si prosegue in quota su una stradicciola pavimentata fino al villaggio di Mortola. Poco oltre appare per la prima volta Camogli con la sua celebre "palazzata":


    "Chi guarda Genova sappia che Genova si vede solo dal mare":


    Dopo Mortola il sentiero assume caratteri più escursionistici e meno turistici, ma rimane sempre molto agevole e con tanto di protezioni verso valle:


    In basso il mare gioca con gli scogli di Punta Chiappa:


    Dopo 45 minuti di cammino da San Rocco si raggiungono le Batterie della II^ Guerra Mondiale (244 mslm) costruite a protezione del porto di Genova:


    Dall'interno di una postazione, la vista verso ovest con tanto di tabella d'orientamento:


    Il basamento di un cannone sul tetto di un'altra postazione, la giornata è eccezionalmente nitida ed è visibile tutto l'arco della Liguria centrale:


    Dalle Batterie inizia il tratto più impervio dell'itinerario. Un cartello della serie "lasciate ogni speranza voi ch'entrate" ne consiglia la percorrenza solo a utenti esperti, con adeguate calzature e scorte d'acqua, e ricorda anche che la zona non è coperta dalla rete cellulare. Nonostante tutto si trovano turiste con le ballerine e scolaresche con le All Star accompagnate da insegnanti senza cognizione e amanti del rischio.
    Qui uno scorcio sulla rupe soprastante, nel punto in cui il sentiero da "E" si trasforma in "EE":


    In località Passo del Bacio (155 mslm) si trova il passaggio più tecnico, da affrontare con attenzione perchè sotto c'è il salto:


    In fondo al salto, "u ma":


    Le catene danno una mano, ma è sempre bene non distrarsi:


    Usciti indenni dal punto più insidioso ci troviamo immersi nella macchia mediterranea più fitta. Fa strano trovare in Liguria un angolo di mare ancora intatto, quando il resto della costa è costruito fino all'ultimo metro quadrato edificabile:


    Voltato l'angolo si apre la vista sulla Cala dell'Oro, riserva integrale del parco di Portofino, dov'è proibita la navigazione e dove l'unica traccia dell'uomo è una vecchia torre di guardia appollaiata su uno sperone:


    Scesi fin quasi al livello del mare, ci aspetta ora la salita più dura dell'itinerario, che porta al punto più elevato di tutta la traversata, il Valico del Termine, alla ragguardevole quota di 275 mslm.
    I tornanti sono ripidi ma per fortuna sono quasi tutti all'ombra, il che fa comodo visto che si sta avvicinando mezzogiorno:


    In uscita da una galleria vegetale, lungo la ripida discesa verso San Fruttuoso:


    La Torre Doria compare all'improvviso a dirci che gli spaghetti ai frutti di mare sono vicini:


    Ed ecco, dopo 3 ore di cammino da Camogli, la solitaria abbazia di San Fruttuoso di Capodimonte.
    Qualcuno fa il bagno nonostante il mare non sia ancora dei piu caldi:


    Strano trekkare al livello del mare... se quelli non fossero olivi potremmo pensare di essere sulle sponde di qualche limpido lago alpino... o no?


    Ripartiti da San Fruttuoso ci attende un'altra salita fino alla Base Zero (ruderi militari anche qui) a quota 220 mslm.
    Visti i precedenti mangerecci, è d'obbligo camminare a passo lento. Le spettacolari vedute che si aprono di tanto in tanto tra la boscaglia rendono la salita più piacevole:


    Un ultimo sguardo all'abbazia laggiù in fondo, prima di girare l'angolo:


    Sole a picco, profumi mediterranei e rumori di motoscafi, mentre dall'alto di una scogliera si domina una distesa blu. L'immagine del mare che preferisco:


    Alla Base Zero si trova un eccezionale punto panoramico realizzato su uno spuntone roccioso, oltre 200 m sulla verticale del Mar Ligure. Qui la vista spazia dall'isola Palmaria a Capo Mele. Verso sud, con un po' di fatica, si riesce a vedere (ma non a fotografare) anche la Corsica:


    Dalla Base Zero le fatiche sono terminate. Ora il tracciato prosegue comodamente a mezzacosta con qualche leggero saliscendi:


    Dopo 1 ora di cammino da San Fruttuoso, improvvisamente torniamo a vedere tracce di civiltà. Siamo alla località Prato, frazione di Portofino, 239 mslm:


    Da qui inizia la discesa lungo una piacevole stradina tra gli ulivi:


    Il golfo del Tigullio appare improvvisamente con le sue immancabili nuvole, le stesse che poco più a nord formano i quotidiani temporali ben noti agli escursionisti piacentini che frequentano l'Appennino


    Lungo la discesa c'è ancora tempo per qualche occhiata verso il mare aperto, chi ha la casa in questi posti davanti al mare dev'essere proprio un poveraccio:


    E finalmente, dopo poco meno di 5 ore di strada da Camogli, ecco apparire la nostra meta:


    Da Portofino si rientra con i mezzi pubblici. Fino a Santa Margherita si può scegliere tra il bus (ogni mezz'ora) e il battello (ogni ora). La seconda opzione è più costosa, ma sicuramente più piacevole:


    E per chiudere l'anello, 4 minuti di treno (di cui 3 in galleria) ci riportano a Camogli:


    È tutto, grazie per l'attenzione e per i commenti che vorrete lasciare.

    #trekkingmarittimo
    #creuzadema
    #chiguardagenova
    #questipostidavantialmare
    Ultima modifica di ste1258; 05-05-2016 alle 10:46 PM.


  2. #2

  3. Lo skifoso VIGGHE ha 2 Skife:


  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #3

  6. #4

    Predefinito

    Wow, bellissimi posti!!! devo farci un giro assolutamente questa estate.

    Citazione Originariamente scritto da ste1258 Vedi messaggio
    per chiudere l'anello, 4 minuti di treno (di cui 3 in galleria) ci riportano a Camogli:

    Vedo una PR Farini modello colera o sbaglio?

  7. Skife per fla5:


  8. #5

    Predefinito

    Ai tradito le amate Retiche,ma ne è valsa la pena.Bel trekking,complimenti

  9. #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da fla5 Vedi messaggio
    Wow, bellissimi posti!!! devo farci un giro assolutamente questa estate.
    Portati l'ombrello, mi raccomando

    Citazione Originariamente scritto da fla5 Vedi messaggio
    Vedo una PR Farini modello colera o sbaglio?
    Dici bene, quelle dopo però erano ristrutturate.
    Quel che tu non sai è che in coda c'era una Casaralta originale, ancora con le panche in finta pelle umana e i finestrini con la manovella. Io ovviamente son salito su quella

  10. Lo skifoso ste1258 ha 3 Skife:


  11. #7

    Predefinito

    Cavolo se hai colto bene l'atmosfera dei luoghi! Si sentiva perfino il profumo della macchia ...

  12. Skife per Kaliningrad:


  13. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  14. #8

    Predefinito

    Penso uno dei reportage più belli qui dentro! Un giro da provare ed incorniciare! Complimenti! Qualche foto della A7 non avrebbe guastato!
    Hai colto un'essenza della Liguria, che girando in auto non si riesce proprio a cogliere. E vista così sembra una delle regioni più belle d'Europa.

  15. Lo skifoso Ema93 ha 3 Skife:


  16. #9

    Predefinito

    Stupendo! Pensa che a me la passione per attività montanare è venuta proprio iniziando con un pò di trekking al mare.
    Complementi per il giro con panorami da "mano nella mano" :)...È quasi meglio delle 5 terre.. Caspita ma scendere un attimo a bagnarti i piedi con quell'acqua turchese?

  17. #10

    Predefinito

    Meglio tenere i piedi di un trekker lontani dall'acqua, va là, se vuoi che rimanga turchese.....


  18. #11

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    Penso uno dei reportage più belli qui dentro! Un giro da provare ed incorniciare! Complimenti! Qualche foto della A7 non avrebbe guastato!
    Hai colto un'essenza della Liguria, che girando in auto non si riesce proprio a cogliere. E vista così sembra una delle regioni più belle d'Europa.
    Sembra, appunto, ma potrebbe davvero esserlo se solo negli ultimi 50 anni non fosse stata costruita oltre l'immaginabile. Dai grattacieli inguardabili dei retroterra cittadini alle fabbriche sulla spiaggia ai condomini di 10 piani fronte mare pieni di appartamentini di milanesi e torinesi.
    Se la Liguria fosse un'isola distante 2 ore d'aereo da Milano forse sarebbe una delle destinazioni marittime più belle d'Europa, purtroppo la vicinanza alla pianura e la forte vocazione industriale sono state la sua fortuna economicamente parlando, ma anche la sua rovina dal punto di vista paesaggistico.
    Basta guardare il centro storico di Genova, uno dei più belli d'Italia, e guardare invece cosa c'è attorno, o immaginare un tratto qualsiasi di costa senza quella successione ininterrotta di case, casette, ville e villette costruite in ogni angolo possibile da 0 a 500 mslm.

    PS: Foto sull'A7 non ne ho fatte, ero troppo impegnato a godermi le curve della "camionale"

    Citazione Originariamente scritto da Crespeina Vedi messaggio
    È quasi meglio delle 5 terre..
    Con la differenza che qui i sentieri sono ancora gratuiti. Alle 5 Terre non esiste che per fare una camminata a piedi si debba pagare.

    Citazione Originariamente scritto da Crespeina Vedi messaggio
    Caspita ma scendere un attimo a bagnarti i piedi con quell'acqua turchese?
    Eccome se sono sceso... i piedi ringraziavano

  19. Lo skifoso ste1258 ha 2 Skife:


  20. #12

    Predefinito

    Report stupendo, foto bellissime, scelta decisamente originale! Bravo!

    Ma le scolaresche son passate dove c'era lo strapiombo o son tornate indietro prima? Mi vien la pelle d'oca solo a pensarci!

  21. #13

    Predefinito

    Sono basito da tanta bellezza! Report sontuoso!
    Poi finalmente ho visto il noto paese che ha dato il nome al panino più famoso degli italici autogrill :)

  22. #14

  23. #15

    Predefinito

    Report molto bello, grazie.
    Bellissime le fotografie.
    Conoscendo molto bene il posto, posso testimoniare che sei riuscito a trasmettere tutte le caratteristiche più significative.
    Anche l'odore del mare, che qui è davvero speciale, e la musica dei cantautori della scuola genovese.
    Quasi tutta l'area, per fortuna, da anni è tutelata e protetta dall'ente Parco Naturale di Portofino: sulla terra non si può costruire (salvo permessi eccezionali, che si ottengono davvero 'a fatica', nonostante gli italici costumi, previa verifica delle reali esigenze, e solo per le ristrutturazioni delle abitazioni già presenti), ed anche sul mare ci sono diversi gradi di tutela a seconda della distanza dalla costa.
    Hai fatto bene a ricordare che per fare il periplo è necessario non dimenticare di portare seco l'acqua.
    Per il ritorno, è possibile anche farsela a piedi salendo per direttissima la cresta del monte lungo un facile sentiero (all'inizio anche asfaltato) ed aggiungendo circa tre ore ed un dislivello (nella prima parte + e poi -) complessivamente di circa altri 400 metri: in tal caso se non ci si è fermati a mangiare a San Fruttuoso di Camogli (ottima scelta!), oppure nella stessa Portofino, lungo il percorso, dopo solo una ventina di minuti dalla ripartenza da Portofino, è possibile fermarsi nell'unico punto di ristoro presente all'interno del monte, il Mulino del Gassetta, un vecchio mulino ristrutturato tenuto in gestione da un gruppo di giovani arditi.
    Si mangiano pochi piatti, nella pace e bene, anche se a prezzi 'da rifugio'.
    Questa opzione di percorso per il ritorno è molto battuta dalle mb.
    Per gli amanti della fugassa (focaccia), zeneize (genovese) e/o quella al formaggio 'di Recco', la si può trovare, seguendo il verso del percorso, ovviamente a Camogli, nella pittoresca frazione di San Rocco poco sotto la chiesa (e questa è davvero buona), a Portofino e, nel caso si scelga di percorrere anche l'opzione di ritorno a piedi, a Ruta di Camogli, davanti alla fermata dei bus subito dopo la galleria dell'Aurelia.
    Ultima modifica di Childerique; 06-05-2016 alle 05:55 AM.

  24. Lo skifoso Childerique ha 3 Skife:


Pagina 1 di 4 1234 UltimoUltimo



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •