Pagina 1 di 7 1234567 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 94

Discussione: Rilancio e novità a San Martino di Castrozza

  1. #1

    Predefinito Rilancio e novità a San Martino di Castrozza

    Tramontata ormai l'ipotesi di collegamento San Martino-Passo Rolle in tempi brevi, pare che la provincia voglia spostare quei soldi sull'ammodernamento dell'esistente (parliamo degli impianti del CES) e poi in futuro ripensare ad un collegamento con il Rolle (sperando che qualcuno si accorga che la cabinovia è la soluzione più efficiente ed economica).


    Nel frattempo di pari passo vanno avanti i progetti della Ghezze sul lato Tognola che già dal 2013 ha presentato la VIA per una serie di interventi (con tanto di cronoprogramma) per la sua skiarea. I lavori dovevano iniziare nel 2014 o 2015 con il primo lotto e a seguire gli altri lotti.


    Nel primo anno (che poi corrisponde all'estate 2015) è stato realizzato il nuovo bacino d'innevamento del Tognola con una nuova sala pompe e la sostituzione di buona parte delle tubazioni della pista Rododendro.


    Stando al cronoprogramma nei prossimi anni avremo:
    2016
    - ampliamento area Campo Scuola
    - sistemazione parte alta pista Rododendro e sostituzione tubazioni innevamento
    - ampliamento pista Cima Tognola (parte centrale) e sostituzione tubazioni innevamento


    2017
    - nuova seggiovia 6 posti automatica "Malga Tognola-Cigolera" in sostituzione dello skilift ma con arrivo più a monte


    2018
    - nuova seggiovia 4 posti fissa "Cigolera-Cima Tognola" in sostituzione dell'attuale biposto (la partenza sarebbe dall'arrivo della 6 posti)
    - nuovi paravalanghe sul Cima Tognola


    Lotto 1 realizzato, gli altri a seguire




    Personalmente avrei sostituito la biposto con una 6 posti sulla stessa linea, lasciato lo skilift al suo posto e utilizzato i soldi avanzati per un impianto unico veloce al posto di Conca+Scandola.



    Allego piano d'intervento generale con le piste da sistemare (in verde) in parte già fatto sulla Rododendro, il nuovo bacino e i nuovi 2 impianti







    Per quanto riguarda invece la zona del CES come dicevo prima la provincia si è decisa ad investire.
    Grosso modo da quello che si legge in giro vorrebbero:
    - intervenire pesantemente sull'innevamento
    - sostituire la seggiovia triposto Ces con un'automatica
    - collegamento con una seggiovia doppio senso Prà delle Nasse e il Ces (sia per avvicinare gli impianti al paese, sia perché un futuro collegamento con il Rolle partirà da Prà delle Nasse)
    - (se avanzano soldi) sostituire la seggiovia Valcigolera



    Per ora di concreto c'è solo il progetto dell'innevamento presentato a inizio 2016 che prevede:
    - ampliamento bacino da 9.000 a 65.000 mc
    - nuove sala pompe in zona Valbonetta e Malga Valcigolera
    - nuova vasca di compensazione a Malga Valcigolera
    - nuove linee di innevamento su tutte le piste tranne Direttissima (con modifiche di alcune piste)









    Cosa ne pensate? basterà per rilanciare SMDC?

  2. Lo skifoso fla5 ha 5 Skife:


  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  4. #2

    Predefinito

    Per il momento la provincia ha messo sul piatto 6 milioni per Ces, che bastano appena per il programma innevamento.

  5. #3

    Predefinito

    Io da fiamazzo, faccio sempre il tifo per il collegamento col Rolle!!
    Sarebbe uno spettacolo salire da Predazzo al Rolle e potere scendere a SMDC..

    si amplierebbe e non poco il bacino d'utenza!!

  6. Lo skifoso emi70 ha 3 Skife:


  7. #4

    Predefinito

    Concordo con Flavio, il lotto 3 secondo me è un po' inutile mentre il lotto 4 (seggiovia veloce per la Ciam Tognola) è molto azzeccato.
    Piuttosto che il lotto 3 fare un solo impianto veloce quadriposto per Scandola + Conca (da 2 impianti ne farei uno solo con stessa stazione di partenza e di arrivo, partenza di una e arrivo dell'altra).

  8. #5

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da gigiotto98 Vedi messaggio
    Per il momento la provincia ha messo sul piatto 6 milioni per Ces, che bastano appena per il programma innevamento.
    Vista la stagione e l'apertura in ritardo del collegamento Tognola-Ces sarebbe già molto.
    Mi pareva di capire però che la provincia voleva spostate tutti e 38 i milioni...

    Citazione Originariamente scritto da Fabio Vedi messaggio
    Concordo con Flavio, il lotto 3 secondo me è un po' inutile mentre il lotto 4 (seggiovia veloce per la Ciam Tognola) è molto azzeccato.
    Il lotto 4 sarebbe solo una quadriposto fissa dall'arrivo della nuova 6 posti al Cima Tognola.

    Quindi in futuro per salire in cima si dovranno prendere 2 impianti: la 6 posti+ la 4 posti, il che è ancora più incomprensibile.

  9. #6

    Predefinito

    Questo intervento dovrebbe rientrare nel lotto 2A in programma per questa estate.

    Chiedo a chi frequenta SMDC abitualmente, è necessario?











  10. Skife per fla5:


  11. #7

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da fla5 Vedi messaggio
    Vista la stagione e l'apertura in ritardo del collegamento Tognola-Ces sarebbe già molto.
    Mi pareva di capire però che la provincia voleva spostate tutti e 38 i

    Il lotto 4 sarebbe solo una quadriposto fissa dall'arrivo della nuova 6 posti al Cima Tognola.

    Quindi in futuro per salire in cima si dovranno prendere 2 impianti: la 6 posti+ la 4 posti, il che è ancora più incomprensibile.
    Per me è sensato se arrivano a 2/3 di pista con la esaposto, il primo terzo in alto è un budello gia si formavano mucchi nello stradino con la portata della biposto..

  12. #8

    Predefinito

    Secondo me invece è assurdo. Una seggiovia quadriposto fissa su quella linea costa un paio di milioncini in più rispetto a portare l'esaposto in vetta. Sai quante opere di allargamento pista ci facevano con quei due milioni?
    Inoltre certamente la quadriposto sara' in perdita, perché fatta solo per andare in Ces. ovvero non più di 120-150 k passaggi a stagione, quando per pareggiare ne necessiterebbe mezzo milione.

    In effetti farebbero meglio a ''tagliare'' la biposto. O mettere um'altra biposto. Almeno ha valore corsa più alto e costa meno farla.
    Ma i maligni dicono che la Ghezzi fa cio per essere più libera di aprire la parte alta a piacere e tenerlo come strumento di pressione senza rinunciare all'intero versante.

  13. Skife per gigiotto98:


  14. #9

    Predefinito

    Aspettate, forse non ho capito come si leggono le carte. La prima immagine, in piccolo il potto 4 parte a. parla di automatica e nella immagine il colore verdino fa tutta la linea della Cima Tognola. Ops, non avevo letto bene il testo ma solo guardato immagine:
    2017
    - nuova seggiovia 6 posti automatica "Malga Tognola-Cigolera" in sostituzione dello skilift ma con arrivo più a monte


    2018
    - nuova seggiovia 4 posti fissa "Cigolera-Cima Tognola" in sostituzione dell'attuale biposto (la partenza sarebbe dall'arrivo della 6 posti)
    Quindi siamo di fronte a qualcosa potenzialmente più fastidioso della Val Setus. Una doppia quadriposto FISSA Non capisco la ragione di questa scelta, men che meno della esaposto veloce. Avrei fatto una quadriposto veloce e stop, al massimo con stazione intermedia, ma veloce. O appunto tirar su la nuova esaposto.
    Speriamo che il futuro non sia fare pluri-impianti al posto delle linee esistenti, che ne so, 6 cabinovie in serie con 5 stazioni intermedie da Corvara al Col Alto.

  15. #10

    Predefinito

    da un lato sono contento che inizino con una sistemazione dell'esistente, visto che sono convinto che a S.Martino basterebbe relativamente poco per rilanciarein pieno la località.

    Però come prima cosa, dopo aver potenziato l'innevamento in zona Ces, rinnoverei le due seggiovie di cima Tognola. Cosa serve una seggiovia da Prà delle Nasse al Ces finchè manca il collegamento con il Rolle? avrei investito quei soldi per sostituire la Valcigolera.

    per quanto riguarda il versante Tognola, avrei anch'io mantenuto un'unica linea fino a cima Tognola, forse con un'intermedia sopra la stazione a monte dello skilift attuale
    e avrei sostituito con un unico impianto Scandola+Conca, alla fine non ci sono moltissime blu lunghe per principianti e quell'impianto avrebbe creato una zona proprio per questo con piste belle e larghe.

    Per il campo scuola in Tognola, in effetti non me lo ricordo grandissimo e largo, forse un ampliamento, se non esagerano, può essere sensato

  16. #11

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Fabio Vedi messaggio
    Aspettate, forse non ho capito come si leggono le carte. La prima immagine, in piccolo il potto 4 parte a. parla di automatica e nella immagine il colore verdino fa tutta la linea della Cima Tognola. Ops, non avevo letto bene il testo ma solo guardato immagine:
    Nella prima immagine il lotto 4A prende tutta la linea della Cima Tognola perché in quel lotto è prevista anche la demolizione del vecchio impianto.
    Se vedi la seconda immagine in rosso ci sono i nuovi impianti (2) in giallo quelli che saranno dismessi

    Quindi siamo di fronte a qualcosa potenzialmente più fastidioso della Val Setus. Una doppia quadriposto FISSA Non capisco la ragione di questa scelta, men che meno della esaposto veloce. Avrei fatto una quadriposto veloce e stop, al massimo con stazione intermedia, ma veloce. O appunto tirar su la nuova esaposto.
    Speriamo che il futuro non sia fare pluri-impianti al posto delle linee esistenti, che ne so, 6 cabinovie in serie con 5 stazioni intermedie da Corvara al Col Alto.
    Non sarà una doppia quadriposto fissa, provo a fare uno schizzo






    L'unico pregio che vedo in questa soluzione è che si possono rifare le piste Cigolera e Cima Tognola (senza la parte alta) con una seggiovia veloce, però per salire su ci vorranno sempre due impianti. Un'intermedia sarebbe stata meglio.


    CITO dal riassunto non tecnico della VIA

    I vantaggi di questa soluzione sono principalmente i seguenti:
    - possibilità di utilizzo della seggiovia esaposto (portata 2000p/h) per il ricircolo degli sciatori sulle piste del versante sud di Cima Tognola anche quando Cima Tognola non è raggiungibile per cause meteorologiche (vento in quota, presenza di rischio valanghivo elevato sul versante opposto…);
    - mantenimento della linea della seggiovia quadriposto sul sedime della seggiovia biposto esistente che rappresenta l’unica “linea sicura” dal punto di vista geologico e geotecnico per la risalita a Cima Tognola;
    - facilità di differenziazione delle portate tra i due impianti con mantenimento della portata di 1200p/h sulla seggiovia quadriposto.

    Quest’ultimo aspetto assume notevole rilevanza in quanto le problematiche geologiche e geotecniche del versante est di “Cima Tognola” non consentono la realizzazione di interventi finalizzati ad ampliare significativamente la parte più a monte della pista “Cima Tognola”. Ciò rende di fatto impossibile prevedere un incremento della portata oraria di sciatori in transito su quel tratto di pista rispetto alla situazione oggi autorizzata.

  17. Skife per fla5:


  18. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da gigiotto98 Vedi messaggio
    Secondo me invece è assurdo. Una seggiovia quadriposto fissa su quella linea costa un paio di milioncini in più rispetto a portare l'esaposto in vetta. Sai quante opere di allargamento pista ci facevano con quei due milioni?
    Stando a quanto scritto nella VIA

    [...] le problematiche geologiche e geotecniche del versante est di “Cima Tognola” non consentono la realizzazione di interventi finalizzati ad ampliare significativamente la parte più a monte della pista “Cima Tognola”. [...]

  19. #13

    Predefinito

    Bah, dipende da quanto vuoi spendere. Secondo me con in paio di milioni che costa una quadriposto fissa ci consolidi ben quel poco che basta.

  20. #14

    Predefinito

    Premesso che ho sciato 2 giorni nella vita a san martino, 3 settimane fa...

    Per me la soluzione è ottima ed ha un certo senso...
    Noi tendiamo sempre a pensare alla comodità dei collegamenti, ma fondamentalmente passi da un'area all'altra una o due volte in una giornata.... e anche se devi farlo prendendo due impianti invece che uno, cambia poco...
    Vengono smantellati due impianti lenti (skilift e seggiovia biposto) e sostituiti con una seggiovia veloce, a occhio saranno 4-5 minuti al massimo che serve due piste, che potranno così essere ripetute più volte (e specie la pista Cigolera è una pista abbastanza goduriosa) e un'altra seggiovia che vedendo la cartina, anche se ad ammorsamento fisso, dovrebbe essere anch'essa roba di 4-5 minuti al massimo

    E' anche un discorso di portate, la parte sotto ha sostanzialmente due piste e quindi si può mettere un impianto con portata maggiore... la parte alta serve solo da collegamento per andare in Ces e insiste solo sullo stradino iniziale e quindi bisogna per forza mettere un impianto di portata minore

    Secondo me fare un impianto solo non era una soluzione praticabile senza sostanziali interventi sulla parte alta della pista che si sarebbe distrutta dopo 3 ore di passaggi (gente che viene da Ces + gente che che vuole fare e rifare le Piste Cima Tognola e Cigolera)....

  21. #15

    Predefinito



    Capito, grazie! Allora con questa soluzione sono d'accordo. Per la pista è un'ottima soluzione tanto le prime curve della pista Cima Tognola sono meno belle del resto della pista.

Pagina 1 di 7 1234567 UltimoUltimo



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •