icona Skitags: Scelta scarponi da sci [12]

Pagina 1 di 4 1234 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 47

Discussione: Tutto quello che c'è da sapere sugli scarponi

  1. #1

    Predefinito Tutto quello che c'è da sapere sugli scarponi

    Poichè ultimamente sul forum le richieste di informazioni sugli scarponi sono sempre tante, e le risposte sono sempre le stesse, ho pensato bene di raccogliere tutto quello che c'è da sapere sugli scarponi in questo topic, e che sarebbe bene ogni utente leggesse prima di porre le sue domande e le sue considerazioni. Ho pensato di presentarlo sotto forma di 10 domande con le risposte.


    1. Come si sceglie uno scarpone?
    In base al proprio livello di sciata, e alla destinazione d'uso (competizioni/piste/fuoripista)

    2. Cosa è l'indice di flex o flex index?
    E' un indice di rigidezza dello scafo, per l'esattezza del gambetto, che consente di imprimere e di variare le sollecitazioni allo sci, indispensabili per l'indirizzamento in curva. Varia da marca a marca, nel senso che non si può confrontare uno stesso flex index di due marche diverse; come si vedrà più avanti, con esso si cerca anche di differenziare le varie destinazioni d'uso e i vari livelli tecnici. Precisando, però, che l'indice di flex non è l'unico parametro per stabilire la tecnicità di uno scarpone.

    3. Quali sono i livelli tecnici?
    Race - Allround Top Level - Allround - Easy - Freeride

    4.Cosa li differenzia?

    Race: molto rigidi ed anatomici, con scarpette molto sottili, vanno presi molto stretti, perchè devono garantire assoluta precisione e trasmissione degli impulsi. E' fondamentale sceglierli molto accuratamente in base all'anatomia del piede, hanno regolazioni (canting) ridotte all'osso. Hanno di norma scarpette termoformabili, indispensabili per ottimizzare il fitting del piede. Per sciatori che vogliono esprimersi al massimo. Presentano flex index da 120 in su. Livello di abilità richiesto: Oro

    Allround Top Level : rigidi ma con qualche concessione al comfort, hanno scarpette termoformabili per una migliore adattabilità del piede, volumi più ampi, sono provvisti di regolazione del canting (inclinazione laterale del ginocchio, per chi ha difetti posturali come ginocchia vare o valghe), regolazioni micrometriche, possibilità (in alcuni modelli) di variare il flex entro un range limitato. Flex index tra 90 e 120. Livello: Argento Avanzato

    Allround: come i precedenti, ma ben più morbidi e confortevoli. Peccano però di trasmissione degli impulsi, per via dei volumi molto ampi, della morbidezza e delle imbottiture abbondanti. Per sciatori tranquilli che non hanno troppe pretese, e vogliono godersi la montagna in pieno relax. Flex tra 70 e 90. Livello: Bronzo/Argento Base

    Easy: come gli allround, ma ben più economici, plastiche ancor più morbide, per economizzare sul prodotto possono però presentare qualche personalizzazione in meno (scarpette non termoformabili, levette non micrometriche, non permettono regolazione del canting, ecc..) quindi preferibilmente da scartare se non si hanno esigenze di budget, in quanto le scarpette tendono ad assottigliarsi molto nel tempo, e le plastiche a cedere molto velocemente. Flex da 70 in giù. Livello: Bronzo

    Freeride: solitamente equivalenti ai modelli Allround Top Level, hanno qualche accorgimento in più per assolvere al meglio l'uso cui sono destinati, come ad esempio solette ammortizzanti per i salti o per terreni sconnessi.


    5.Quali marche? Ci sono marche migliori delle altre?
    La situazione del mercato fa sì che le case produttrici siano praticamente tutte sullo stesso livello in quanto a qualità dei prodotti. Quello che fa la differenza, è che ogni Marca ha una sua specifica calzata, non tutti i piedi sono uguali, c'è chi ha pianta larga e chi pianta stretta, chi collo alto e collo basso, polpaccio più o meno voluminoso. Per questa ragione è impossibile consigliare una marca piuttosto che un altra, se non si vede che forma ha il vostro piede! La cosa migliore resta rivolgersi a un negoziante bene informato e competente. Purtroppo nelle grandi catene non aspettatevi di trovare sempre un addetto esperto e competente.

    6. Come individuare la misura giusta? Quanto deve essere stretto in punta? E sul tallone?

    Ogni negozio specializzato che si rispetti, dovrebbe avere in dotazione questo strumento per misurare correttamente i piedi.

    Purtroppo, molti non ce l'hanno. E questo di per sè è un indice di scarsa professionalità. Ho sentito di gente che ha preso scarponi di 2 o 3 misure più grande del proprio piede! Per cui, dubitate della professionalità dei negozianti che non effettuano questa misurazione, e vi propongono uno scarpone che già sentite largo.

    Ma veniamo con ordine...

    La stragrande maggioranza degli scarponi da sci utilizza l'unità di misura mondopoint, che si basa sull'effettiva lunghezza del piede, in millimetri. Nel link sottoindicato troverete una tabella di conversione, ma in ogni caso è bene provvedere personalmente alla misurazione del piede. Che si effettua (ed è descritto molto bene) qui:

    http://www.sportler.com/sportlerShop.../1129220239#a4

    Facendo attenzione al fatto che, quando carichiamo il piede con tutto il nostro peso, esso tende ad allungarsi, in senso longitudinale, di circa 5mm. Quindi la misurazione bisogna effettuarla premendo per bene il piede a terra.

    Oltre a questo criterio di misurazione, è importante anche calzare lo scarpone nel modo giusto.
    Appena indossati, dare un paio di colpetti sul tallone, dopo di che stare in posizione eretta. Lo scarpone deve toccare un po' in punta. Dopo di che, mettersi in posizione da discesa, premendo ben bene sulle tibie. Oppure mettersi su un piano inclinato che simuli la discesa, sulla linea di massima pendenza. In questa posizione, la pressione in punta deve scomparire. Simulare movimenti di piegamento e distensione, e di inclinazione laterale. Il tallone deve essere sempre fermo e ben assicurato, il piede non deve muoversi all'interno dello scarpone nè da fermo nè durante questi movimenti.

    7.quanto tempo bisogna tenerli su e capire se è lo scarpone che fa per noi?
    Un'oretta tenendo gli scarponi al piede, serrando poco alla volta fin quando non sentiamo lo scarpone avvolgere ben bene il piede, e simulare i movimenti di cui al punto 6. Se lo scarpone ci fa male in qualche punto, anche solo dopo 2 minuti, cambiarlo subito con un altro... specificando al negoziante i punti in cui ci fa male. Se ben preparato, egli ci darà uno scarpone che meglio segue la conformazione del nostro piede. Dopo questi tentativi, se dopo un'ora lo scarpone non ci fa male, e lo sentiamo un tutt'uno con il nostro piede, sa trasmettere bene cioè ogni movimento/sollecitazione... bene, con buona probabilità è lo scarpone che fa per voi. Se la scarpetta è termoformabile, fate eseguire la termoformatura. Consiste nell'infilare uno strumento all'interno delle scarpette, per 5 minuti, che con un soffio costante di aria calda le riscalda a una temperatura prestabilita, dopo di che si tira via lo strumento e si infilano i piedi dentro lo scarpone, chiudendo i ganci e tenendoli per 15 minuti. In questo modo gli elastomeri, presenti all'interno della scarpetta, vanno a ridistribuirsi, riempiendo gli spazi vuoti e assottigliando la scarpetta in quei punti in cui lo scarpone tende a comprilere il piede, ottimizzando così la calzata. Da notare che i negozi meno specializzati non hanno lo strumento per la termoformatura! In questi casi, vi consiglio vivamente di cambiare negoziante.

    8.sulla neve sento lo scarpone molto diverso rispetto a quando l'ho provato in negozio, più rigido... come mai?
    Le plastiche con cui è fatto lo scafo in genere si irrigidiscono molto di più man mano che la temperature scendono... a 0°C alcune plastiche possono diventare 5 volte più rigide che a 20°C! Per questa ragione pensateci bene 2 volte prima di scegliere uno scarpone troppo rigido... In più, le sollecitazioni dinamiche proprie dell'uso su pista, sono molto diverse da quelle statiche effettuate in negozio. Per questa ragione è importante simulare quei movimenti caratteristici della sciata. A volte, si rende necessario un intervento di bootfitting a posteriori, per eliminare punti di compressione, sfregamenti, e fastidi vari.

    9.ma così, a provare e riprovare, perderei pomeriggi interi! Non c'è altro modo?
    Purtroppo no... una breve e semplice considerazione: se uno scarpone vi fa male in negozio dopo 20 minuti... non oso pensare a quando dovrete tenerlo ai piedi tutto il giorno. Quindi, scegliete: o di dedicare qualche pomeriggio a scegliere bene, o a soffrire (non ve lo auguro di certo!!!) ogni volta che andrete a sciare...

    10.dopo tutte queste procedure, continuo ad avere problemi coi piedi (magari per patologie varie)... come devo comportarmi?
    Niente paura... esistono dei buoni bootfitter in giro, cioè tecnici specializzati nell'adattare gli scarponi a ogni tipo di piede. Questi tecnici dispongono di attrezzature particolari quali frese e impianti per allungare, allargare e modificare gli scarponi in alcuni punti, spessori per restringere i volumi delle scarpette, possono realizzare scarpette artigianali (dette "a iniezione") per i casi più disperati, solette su misura come le Conformable, e tanto altro ancora. Per informazioni su bootfitter della vostra zona, chiedere sul forum... in questo piccolo mondo il passaparola è la cosa più importante.

    Per concludere, queste 10 domande con relative risposte, possono aiutare a capire quanto sia importante la corretta scelta degli scarponi: uno scarpone scelto male ci rovinerà le nostre giornate di divertimento sugli sci e/o non saprà assecondarci nella propria evoluzione tecnica e/o a esprimere tutto il nostro potenziale.


    In conclusione: "è lo scarpone che prima di tutto fa lo sciatore"
    Ultima modifica di drey; 21-01-2008 alle 03:49 PM.

  2. Lo skifoso drey ha 6 Skife:


  3. #2

  4. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  5. #3

    Predefinito

    Ecco, grazie... pensavo potesse farlo solo l'admin!!! Stavo x scrivergli un mp

    Dimenticavo: se quanto scritto da me non fosse esaustivo, ci siano cioè altre domande che non ho posto e a cui quanto detto sopra non fosse sufficiente a dare una risposta, fatemelo sapere... grazie

  6. #4

    Predefinito

    Da novellino ino ino ...
    Scrivo per dirvi che topic del genere dovrebbero esistere per tutto, scarponi, sci, snowboard, specifiche tecniche...
    Magari con un pelo in più di attenzione da parte di voi bravissimi moderatori nel segnalare qualche marca e qualche modello così da cominciare ad orientarsi...

    Fate un grandissimo lavoro...
    In pochi giorni mi sto già dando una bella infarinatura generale...
    E soprattutto non vedo l'ora che arrivi la neve...
    Bravissimi ...

  7. #5

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da fedecoco
    Da novellino ino ino ...
    Scrivo per dirvi che topic del genere dovrebbero esistere per tutto, scarponi, sci, snowboard, specifiche tecniche......
    I topic esistono già... basta solo armarsi di santa pazienza e la funzione Cerca vi darà tutte le risposte. Io non scrivo praticamente nulla di nuovo, scrivo sempre le stesse cose, e confesso che sto iniziando a stancarmi :?

    Citazione Originariamente scritto da fedecoco
    Magari con un pelo in più di attenzione da parte di voi bravissimi moderatori nel segnalare qualche marca e qualche modello così da cominciare ad orientarsi....
    Ah sì? E pensare che vi stavo dedicando molta attenzione ...


    Citazione Originariamente scritto da fedecoco
    Fate un grandissimo lavoro...
    In pochi giorni mi sto già dando una bella infarinatura generale...
    E soprattutto non vedo l'ora che arrivi la neve...
    Bravissimi ...
    Già, lo speriamo tutti...

  8. #6

    Predefinito

    No Drey assolutamente non voleva essere una critica ci mancherebbe!!
    Ti faccio i complimenti fino allo sfinimento...
    Dicevo perchè immagino che sia così per molti (come me) che si avvicinano al mondo dello sci e che hanno le idee confuse...

    Continuate così ...

  9. #7

    Predefinito

    Grande Drey...
    grazie per avermi segnalato questo tuo ottimo topic...consigli perfetti per chi ha posto una domanda come la mia...

  10. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre


  11. #8

    Predefinito

    ben fatto...anche se aggiungerei che gli scarponi freeride (se top di gamma) hanno materiali al top ed in genere una scarpetta totalmente termosaldata...quindi addio piedi bagnati...

  12. #9

    Predefinito

    Bella idea ed ottimo lavoro.

    Chiedo ulteriori info a veterani, vip, moderatori ecc.: ho sempre sciato con scarponi rigidi in fresca e visto che oramai son consunti vorrei cambiarli...

    Avete dritte sull'alternativa tra scarpe da discesa indicate dai produttori di indirizzo freeride (p.e. Salomon x-wave), scarponi tipo gara o le new entri con impostazione discesa ma che danno anche possibilità di muoversi con le pelli (p.e. endorphin di garmont e analoghe di scarpa e dynafit).
    Grazie!

    p.s.: sono leggero ma viaggio

  13. #10

    Predefinito

    Complimenti....davvero...
    Avrei però una domanda su una marca particolare di scarponi i nordica dobermann come sono si adattano ad uno sciatore medio bravo?

  14. #11

  15. #12

    Predefinito

    @vero: direi che forse il Dobermann è un pochino eccessivo
    @matteoxvr: assolutamente no!!! lo scarpone deve calzare giusto... non troppo largo e non troppo stretto, ma mai e poi mai deve esserci "gioco", altrimenti non solo si perde tecnicamente, ma si rishcia di fratturarsi la caviglia per cadute magari banali...

  16. #13

    Predefinito

    sarebbe tutto molto meglio se facessero quei gel anti-attrito... tipo quelli per ciclisti (mio padre, ciclista amatoriale, usa le cosiddette creme soprasella o sottosella… non ricordo il nome, però lui dice che sono un toccasana!).
    Qualcuno sa dirmi se esistono?

  17. #14

    Predefinito

    Ciao Raga,
    sono un super super new del forum, non ho trovato il thread per le presentazioni... appena lo trovo mi presento :)

    grazie per lo splendido post, molto utile...

    Possiedo un Lange mid matic 5.5 dell'era glaciale, e stavo pensando di cambiare scarpone, ecco che cercando cercando ti trovo sto forum davvero bello....

    Ho appreso una cosa che non sapevo (tra le tante che non so!!), che le marche si differenziano anche nella dimensione della scarpetta, tipo pianta larga, polpaccio grosso.... io credevo fosse una differenza data dal tipo... race,granturismo, non dalla marca....

    magari è data da entrambi... bhu

    Comunque... tanto per scartare qualche marca o tipo, potete darmi delle linee guida?
    Premetto che non vorrei spendere una fortuna, non vorrei un flex esagerato dato che peso 70Kg e non ho la potenza adeguata insomma dal decalogo direi di evitare race e granturismo spinti diciamo un granturismo soft. perchè sono un argentino e vorrei migliorare...

    Come faccio a dirvi se ho la pianta stretta o no?? penso stretta ...
    cavglia e polpaccio diciamo esili...

    ero orientato su Atomic m90 o head edge 8.8 o (accettasi consigli) ... questo fine settimana provo un po di roba....

    Grazie a tutti Ciaooooo

  18. #15

    Predefinito

    Ciao catanisi!

    Allora per te un flex intorno a 90, l'importante è che lo scarpone che scegli sia ben avvolgente, il piede ben fermo quando ti muovi, e che il tallone non si muovi affatto. Quando hai individuato lo scarpone che ha queste caratteristiche, tienilo ai piedi un'oretta buona, magari facendo fare la termoformatura così che la scarpetta si modelli subito sul tuo piede. Il gambetto devi poterlo piegare, ma poco, non deve essere troppo cedevole.

    Se hai pianta stretta, lo capirai subito calzando un Tecnica Diablo Magma o un Atomic B90 o un Salomon X-wave10, che hanno pianta medio/larga, se li senti avvolgenti solo chiudendo i ganci al max, allora tu hai effettivamente pianta stretta. In tal caso, prova un Lange. Oppure, un Salomon Falcon 10. Forse anche l'Atomic serie M dovrebbe essere dai volumi più contenuti.

    Non cercare di spendere poco sugli scarponi, è meglio risparmiare sugli sci ma non sugli scarponi

Pagina 1 di 4 1234 UltimoUltimo



Discussioni simili

  1. Canalone: tutto quello che non avete mai osato chiedere.
    Da davide10 nel forum Località italiane
    Risposte: 33
    Ultimo messaggio: 05-04-2018, 08:43 AM
  2. AVEVATE RAGIONE SUGLI SCARPONI !!!!!
    Da hare_ste nel forum Chiedo consiglio, discussioni attrezzatura, sci, scarponi, bastoncini, preparazione e manutenzione
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 06-02-2007, 02:54 PM
  3. CONSIGLIO SUGLI SCARPONI
    Da hare_ste nel forum Materiali ed attrezzatura Freeski
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 14-01-2007, 04:32 PM
  4. Tutto quello che c'è da sapere sullo sci USA
    Da claudietto nel forum Dove vado a sciare? Confronti tra le località, opinioni comparate tra comprensori e info hotel
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 04-01-2007, 06:15 PM
  5. Tutto quello che si sa sui SUMO
    Da Il Talebano nel forum Materiali ed attrezzatura Freeski
    Risposte: 24
    Ultimo messaggio: 06-10-2005, 04:05 PM

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •