Pagina 3 di 3 PrimoPrimo 123
Mostra risultati da 31 a 34 di 34

Discussione: Economia circolare: cioè?

  1. #31

    Predefinito

    .
    Faccio rispettosamente notare che a mio avviso questa discussione è diventata un bel minestrone di luoghi comuni eterogenei (fondati o meno), probabilmente perchè si sta mettendo troppa carne al fuoco.
    Potrebbe essere utile tornare in topic e prima di tutto mettersi d'accordo su un significato condiviso di "economia circolare".
    E poi discuterne.
    My2c.

  2. Lo skifoso Temugin73 ha 2 Skife:


  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  4. #32

    Predefinito

    Proviamo a tenere la discussione sul tema dell'Economia Circolare?
    Una buona definizione idea potrebbe essere questa: http://ec.europa.eu/environment/circular-economy/ o ancora meglio qui: http://eur-lex.europa.eu/legal-conte...801%29&from=EN

    RI-propongo:

    1. Introduzione: un'economia circolare a sostegno di una crescita sostenibile
    La perdita di materiali preziosi è una costante delle nostre economie. In un mondo in cui la domanda di risorse finite e talvolta scarse non cessa di aumentare, la concorrenza si acuisce e la pressione su queste risorse degrada e indebolisce sempre più l'ambiente, l'Europa può trarre benefici economici e ambientali dall'uso più adeguato di queste risorse. A partire dalla rivoluzione industriale lo sviluppo delle nostre economie è avvenuto all'insegna del "prendi, produci, usa e getta", secondo un modello di crescita lineare fondato sul presupposto che le risorse sono abbondanti, disponibili, accessibili ed eliminabili a basso costo. È opinione sempre più diffusa che questo modello compromette la competitività dell'Europa.
    La transizione verso un'economia più circolare è al centro dell'agenda per l'efficienza delle risorse stabilita nell'ambito della strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva[1]. Utilizzare le risorse in modo più efficiente e garantire la continuità di tale efficienza non solo è possibile, ma può apportare importanti benefici economici.
    Nei sistemi di economia circolare i prodotti mantengono il loro valore aggiunto il più a lungo possibile e non ci sono rifiuti. Quando un prodotto raggiunge la fine del ciclo di vita, le risorse restano all'interno del sistema economico, in modo da poter essere riutilizzate più volte a fini produttivi e creare così nuovo valore. Per passare ad un'economia più circolare occorre apportare cambiamenti nell'insieme delle catene di valore, dalla progettazione dei prodotti ai modelli di mercato e di impresa, dai metodi di trasformazione dei rifiuti in risorse alle modalità di consumo: ciò implica un vero e proprio cambiamento sistemico e un forte impulso innovativo, non solo sul piano della tecnologia, ma anche dell'organizzazione, della società, dei metodi di finanziamento e delle politiche. Anche in un'economia fortemente circolare permane qualche elemento di linearità, poiché non si arresta la domanda di risorse vergini e si producono rifiuti residui che vanno smaltiti.

  5. #33

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da ddski Vedi messaggio
    Ma tu non ti senti una persona migliore sapendo che il tuo paese non spara ai profughi ma li aiuta?
    Assolutamente no mi sento un co...e in un paese di c...i che si accorgeranno troppo tardi del male fatto

  6. #34

    Predefinito

    La sfida maggiore secondo me eè coniugare le emozioni (spesso cambiamo i nostri oggetti non perché rotti ma perché obsoleti o semplicemente perché vogliamo cambiarli) con il riciclo. Forse progettando i prodotti a pezzi, come dei puzzle. Prendi un pezzo di puzzle di un prodotto vecchio, e lo uso in una prodotto nuovo. Per i componenti nascosti si può fare e e si salvano molto kg di materiali prezioso.

Pagina 3 di 3 PrimoPrimo 123



Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •