Pagina 21 di 23 PrimoPrimo ... 11121314151617181920212223 UltimoUltimo
Mostra risultati da 301 a 315 di 333

Discussione: Alta Badia - Info e News

  1. #301

    Predefinito

    Oggi ho rimesso gli sci ai piedi e, scalpitando già per la solita settimana bianca in valle a fine gennaio, mi sono preso la briga di leggere gli interessanti post fatti da tutti i colleghi negli ultimi mesi

    Anche a me sembra che l'Alta Badia accumuli tutti gli anni un bel tesoretto da reinvestire (grazie al numero elevato di transiti), ma che poi lo spenda in modo spesso poco oculato, andando a potenziare impianti tutto sommato marginali e che non avrebbero avuto bisogno di investimenti così faraonici.

    Sembra quasi che venga applicato il principio di distribuire a pioggia i fondi comuni del comprensorio, accontentando a rotazione le varie società consorziate, senza usare altri criteri che magari potrebbero essere più razionali.

    A mio parere, sarebbe stato invece più utile intervenire su quelli che mi sembrano evidenti colli di bottiglia della valle, che rendono la sciata poco fluida e concorrono a peggiorare l'esperienza sciistica dell'ospite:

    1) Non capisco perché la società di Colfosco abbia deciso di sestuplicare (skilift -> seggiovia esaposto!) un impianto del tutto marginale in fondo alla valle Stella Alpina, quando avrebbe potuto dirottare gli stessi soldi sul prolungamento della Borest sino alla stazione a monte della Sodlisia, snellendo di 1 impianto l'interminabile risalita sino al passo Gardena. Magari sarebbe costato un po' di più della seggiovia su cui hanno investito, ma sono abbastanza certo che l'investimento si sarebbe ripagato 10 volte più velocemente, considerati i transiti (oltretutto bilaterali, per la maggior parte della linea) lungo un impianto da Giro del Sella.

    Da quanto ho potuto capire, la famigerata "Val Setus" appartiene ed è gestita dal proprietario di un terreno, che altrimenti non concederebbe il passaggio della pista sulla sua proprietà. Perché la società degli impianti di Colfosco non gli propone una semplice operazione di incorporazione societaria, che permetta a lui di continuare a incassare il suo cash flow annuale, al gruppo incorporante di togliere l'obbligatorietà del transito lungo la "Val Setus" e a noi sciatori di risalire in modo più fluido sino al Dantercepies?

    2) Da sciatore che tutte le sere deve rientrare a Pedraces via La Villa, un'altra evidente lacuna del comprensorio è il fatto che le aree Piz La Ila/Piz Sorega e Pralongia/Cherz/Campolongo siano praticamente disconnesse l'una dall'altra. All'andata, se uno valica il crinale che collega Biok - La Brancia - Arlara, c'è un impianto (Pralongia 2) che permette di raggiungere l'altro catino e poi di innestarsi nel Giro del Sella al passo Campolongo. Al ritorno, una volta arrivati in cima al Pralongia, non c'è modo di rientrare direttamente a La Villa, se non facendo i due lunghissimi giri che passano per Corvara o San Cassiano paese. Anche chi deve rientrare a La Villa e a Pedraces da Arabba (e non penso siano pochi) è quindi obbligato a imbottigliarsi in quel campo di battaglia che diventa la pista del Boè nel pomeriggio e poi a percorrere la sequenza (da latte alle ginocchia ...) "Costes da l'Ega" - "Col Alto" - "Braia Fraida".

    Guardando questa mappa degli impianti:

    Clicca l'immagine per ingrandirla

Nome:	Pralongia.jpg
Visite:	92
Dimensione:	149.7 KB
ID:	71016

    perché non si è mai pensato di realizzare una seggiovia che, dalla base della "Pralongia 2", riporti al Biok o, ancor meglio, al Braia Fraida? Ho disegnato in nero il possibile tracciato di uno dei due impianti alternativi, che andrebbero a servire piste al momento prive di una risalita.

    Quella del Biok sarebbe a mio avviso l'opzione meno preferibile, perché non mi risulta che da lì sia poi possibile andare a prendere la partenza della Bamby (o lo skiweg di emergenza che scende direttamente a La Villa). Però il Biok avrebbe il vantaggio di essere già un'ampia spianata, mentre mi pare che la collinetta del La Brancia sia già abbastanza satura di stazioni d'arrivo. Nel primo caso, probabilmente andrebbe creato un raccordo fra il catino da cui partono Ciampai, Biok, etc ... e la pista che scende dal piz Sorega alla partenza della Bamby.

    3) C'è un motivo, a parte quello di raccogliere "beep", per cui si debbano obbligare gli sciatori che rientrano a Pedraces a dover percorrere l'insignificante Baby Gardenaccia (oppure a scendere sino in basso e poi a pattinare in leggera risalita, fino alla partenza della Gardenaccia)?

  2. Lo skifoso daniered ha 3 Skife:


  3. #302

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da daniered Vedi messaggio
    2) Da sciatore che tutte le sere deve rientrare a Pedraces via La Villa, un'altra evidente lacuna del comprensorio è il fatto che le aree Piz La Ila/Piz Sorega e Pralongia/Cherz/Campolongo siano praticamente disconnesse l'una dall'altra. All'andata, se uno valica il crinale che collega Biok - La Brancia - Arlara, c'è un impianto (Pralongia 2) che permette di raggiungere l'altro catino e poi di innestarsi nel Giro del Sella al passo Campolongo. Al ritorno, una volta arrivati in cima al Pralongia, non c'è modo di rientrare direttamente a La Villa, se non facendo i due lunghissimi giri che passano per Corvara o San Cassiano paese. Anche chi deve rientrare a La Villa e a Pedraces da Arabba (e non penso siano pochi) è quindi obbligato a imbottigliarsi in quel campo di battaglia che diventa la pista del Boè nel pomeriggio e poi a percorrere la sequenza (da latte alle ginocchia ...) "Costes da l'Ega" - "Col Alto" - "Braia Fraida".
    Se vuoi puoi evitare di passare sia da Corvara che da S. Cassiano, basta che dalla cima del Pralongià scendendo verso Corvara tu prenda lo skilift Pralongià 1 che ti riporta sulle piste dell'Arlara, prendendo poi quest'ultima e il Pre Ciablun arrivi a prendere il Pre dai Corf che ti porta esattamente all'inizio della pista Alting con cui arrivi giù a La Villa.
    Resta inteso comunque che secondo me il giro più divertente è quello passando per S. Cassiano: ti fai la divertentissima 9 fino alla partenza del Piz Sorega, comodo ovetto per rifiatare e poi vai giù a prendere la Bamby e sei al Moritzino...

  4. Lo skifoso rupoide ha 2 Skife:


  5. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  6. #303

    Predefinito

    Ciao rupoide, grazie per la dritta

    Se per skilift intendi quello col tracciato "sghembo" che sale fino a un piccolo colletto sul crinale che porta all'Arlara, credo di avere percorso anch'io un paio di volte l'itinerario che suggerivi. Però me lo ricordo più come un simpatico giro alla scoperta di angoli sconosciuti (e impianti d'altri tempi) della val Badia, che non come un itinerario rapido per rientrare a La Villa dalla zona Campolongo/Cherz/Pralongia . Più o meno le stesse sensazioni di uno sci d'antan che si respirano prendendo quello skiliffino che dalla strada del Campolongo porta a metà della pista del Boè ...

    Se non erro, arrivati in cima all'Arlara, bisogna poi prendere quella seggiovietta in piano che impiega 5 minuti a fare 150 metri in linea d'aria e poi rimane il Pré dai Corf, che è un altro impianto incredibilmente lento, considerato che dovrebbe essere una delle due dorsali per (ri)portare gli sciatori in cima al piz La Ila. Così a occhio, credo che questo itinerario di rientro a La Villa via Cherz-Pralongia-Arlara richieda circa 10-15 minuti in più di quello "canonico" via Corvara-Col Alto-Braia Fraida.

    Il rientro a La Villa via San Cassiano è senz'altro più sciabile e godibile di quello "canonico", ma mi pare che allunghi i tempi di 5-10 minuti. Mentre si scende la pista 9, il panorama sulle Contourines è davvero molto bello, ma il tracciato in sè mi pare privo di spunti tecnici interessanti. Ricordo la 9 talmente facile che, da ragazzini, la sfida era arrivare a San Cassiano senza fare neppure una curva

    Alla fine, se uno voglia rientrare a La Villa (e poi a Pedraces) dal Campolongo, credo che la via più breve resti sempre quella "canonica" via Corvara, consapevoli che si smette di sciare alla fine della Boé e si ricomincia quando si è in cima al piz La Ila

    Per questo, speravo che prima o poi chi gestisce i cordoni della borsa non pensasse solo a raddoppiare o quadruplicare dorsali che già esistono (e che spesso non ne avrebbero bisogno), ma anche a rendere più diretto e sciabile il collegamento di rientro a La Villa dalla zona del Campolongo/Cherz/Pralongia Oltretutto, un simile impianto alleggerirebbe un po' anche la cabinovia del piz Sorega, che è l'unico arroccamento dove ricordo un po' di codetta sul ponticello quasi a ogni ora della giornata, probabilmente perché raccoglie sia chi ricircola su quella pista, sia chi rientra da varie direttrici (Campolongo e Lagazuoi, in primis).

    Ciao!

  7. #304

    Predefinito Alta Badia, il turismo unito in una sola associazione

    Nasce l’Atab. Oscar Alfreider eletto alla guida dell’ente che sarà operativo dal 1° gennaio Riunisce La Valle, Corvara e Badia e gestirà attività, eventi e servizi di accoglienza per gli ospiti

    https://www.altoadige.it/cronaca/pus...ione-1.2197525

    lta badia. Evento storico per il turismo in Alta Badia: le associazioni di La Valle, Corvara e Badia si sono fuse e presidente dell’Atab, la neonata Associazione turistica Alta Badia, è stato eletto Oscar Alfreider. Il nuovo ente sarà operativo dal 1° gennaio. Negli ultimi anni le organizzazioni turistiche in Alta Badia si sono evolute in modo significativo. Dopo alcuni anni di discussione, nel 2018 è stata separata la parte marketing dalle attività di informazione e accoglienza dei turisti creando Alta Badia Brand, che ha il compito di promuovere il marchio Alta Badia. Ora è stato fatto il secondo passo, ovvero la fusione delle tre associazioni turistiche esistenti in un’unica associazione, denominata appunto Associazione Turistica Alta Badia, Atab, che avrà il compito di gestire attività e servizi in loco offerti al cliente come le mansioni di ufficio informazione, il servizio di accoglienza, l’organizzazione di eventi e l’abbellimento dei paesi.

    Il superamento dei confini geografici, la condivisione di un obiettivo omogeneo e unitario e una maggior efficienza con la possibilità di interscambio del personale sono state le motivazioni principali che hanno portato alla fusione delle Associazioni turistiche di Corvara-Colfosco, Badia e La Valle. Il progetto di fusione è il frutto di anni di lavoro, riunioni, studi e discussioni assieme a consigli direttivi, direttori, presidenti e collaboratori di ciascuna associazione turistica, il tutto coordinato da Manfred Canins e incoraggiato dalla Provincia di Bolzano e Idm Alto Adige. In occasione delle assemblee generali delle singole associazioni, nei giorni scorsi, è stato presentato e discusso il progetto di fusione con approvazione finale da parte dei soci presenti. Oltre all’approvazione dell’aggregazione, dello statuto e dei regolamenti riguardanti la nuova Associazione turistica Alta Badia, sono stati nominati il consiglio direttivo e l’organo di controllo, che rimarrà in carica fino all’aprile 2023. Nel consiglio saranno rappresentate tutte le categorie turistiche: albergatori, affittacamere privati e operatori agrituristici, commercianti, gestori di impianti di risalita e scuole di sci. Ognuno dei tre Comuni dell’Alta Badia sarà rappresentato da almeno un membro. Il primo consiglio direttivo dell’Atab è stato definito in comune accordo fra gli attuali consiglieri delle tre associazioni turistiche rispettando le singole categorie. Anche in quest’occasione l’Alta Badia ha dimostrato il suo spirito pionieristico raggruppando gli enti turistici di tre diversi Comuni in un’unica organizzazione, superando così il campanilismo e le barriere comunicative tra le associazioni, così da poter concentrarsi sugli obiettivi comuni, ovvero lo sviluppo del turismo e la soddisfazione del cliente.

  8. #305

    Predefinito

    Fuori orario sulla Gran Risa gravissimo uno sciatore schiantato contro il "gatto"

    È ricoverato in gravissime condizioni uno sciatore che questo pomeriggio, dopo la chiusura delle piste, in val Badia è finito contro un gatto delle nevi.
    L’incidente è avvenuto verso le ore 17 sulla difficile pista Gran Risa che ospita gare di Coppa del Mondo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, il soccorso alpino e l’elicottero Pelikan 1.
    Il ferito, in condizioni critiche, è un turista italiano classe 1992.


    https://www.ladige.it/news/cronaca/2...o-contro-gatto

  9. #306

    Predefinito SunRisa: sciare al sorgere del sole

    https://www.altabadia.org/it/vacanze...e/sunrisa.html

    i programma
    https://www.altabadia.org/media/Sunrisa-programma.pdf


    Piste immacolate, imponenti paesaggi montani e una gustosa colazione con ingredienti sani e regionali
    Lunedì, 23.12.2019
    dalle ore 7.15


    Per gli sciatori l'alba ha un fascino del tutto particolare e, se vissuta sulle piste dell’Alta Badia, ancora di più. Scorgere i primi raggi di sole che illuminano le cime delle Dolomiti nell’aria frizzante che accarezza le gote. Pennellare la mitica Gran Risa e piste dell'altipiano tra Piz La Ila, Piz Sorega e Col Alto, a quest'ora ancora immacolate e concludere con una nutriente e sana colazione. Questo è SunRisa, il sogno di ogni sciatore.


    Lunedì 23 dicembre, gli impianti di risalita sull'altopiano tra La Villa, Corvara e San Cassiano sono in funzione già di primissima mattina per consentire agli sciatori di godere l'alba a 2000 metri e le piste perfette e intatte accuratamente preparate la sera prima con numerosi battipista.




    N.B. il giorno 22 c'è il gigante di coppa del mondo e il 23 alla sera il parallelo

  10. Skife per aleg:


  11. #307

    Predefinito Nuovo accesso alla val Badia, lavori a regime nonostante il maltempo

    Nuovo accesso alla val Badia, lavori a regime nonostante il maltempo

    BOLZANO. Con il brillamento di oggi (20 gennaio 2020) hanno preso ufficialmente il via i lavori di costruzione del portale sud del tunnel che fa parte della nuova strada di accesso alla Val Badia. L'assessore provinciale alla mobilità Daniel Alfreider insieme al direttore della Ripartizione infrastrutture Valentino Pagani e al sindaco di San Lorenzo di Sebato Martin Ausserdorfer ha dato in persona il via alle operazioni. Erano presenti anche i sindaci Albert Palfrader (Marebbe), Giorgio Costabiei (San Martino in Badia), Angel Miribung (La Valle), Iaco Frenademetz (Badia) e Robert Rottonara (Corvara).

    ..........

    https://www.altoadige.it/cronaca/nuo...empo-1.2238627

  12. #7.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre


  13. #308

    Predefinito

    Visto oggi il nuovo impianto in Stella alpina...devo dire che ero molto dubbioso... ma alla prova dei fatti non è affatto male.

    Parte vicino l'altra seggiovia e sorvolando la valle ha permesso di allargare di quasi il doppio la pista azzurra...la val stella alpina ora è una delle valli migliori del comprensorio.. una azzurra, una rossa e una nera con caos zero....diciamo che sono coperti tutti i gusti....ottimo posto per far lezione

  14. Skife per Chicco#32:


  15. #309

    Predefinito

    Stessa impressione che ho avuto anche io, ed ero contrario a questo impianto. Poi al partenza così nascosta non si nota.

  16. Skife per fla5:


  17. #310

  18. #311

    Predefinito

    Il nuovo impianto arriva dove arrivava lo skilift che ha sostituito oppure arriva piu' in alto?

  19. #312

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Childerique Vedi messaggio
    Il nuovo impianto arriva dove arrivava lo skilift che ha sostituito oppure arriva piu' in alto?
    Arriva al max di dove può arrivare... cmq si...stesso arrivo


  20. #313

    Predefinito

    Hanno fatto anche una pista a dx del torrente dove hanno spostato tutto il funslope (fatto al 100% di neve), quindi l'attuale pista è più larga.

  21. #314

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Chicco#32 Vedi messaggio
    Visto oggi il nuovo impianto in Stella alpina...devo dire che ero molto dubbioso... ma alla prova dei fatti non è affatto male.

    Parte vicino l'altra seggiovia e sorvolando la valle ha permesso di allargare di quasi il doppio la pista azzurra...la val stella alpina ora è una delle valli migliori del comprensorio.. una azzurra, una rossa e una nera con caos zero....diciamo che sono coperti tutti i gusti....ottimo posto per far lezione
    E piste sempre ben illuminate dal sole, che non guasta affatto

  22. #315

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da botto Vedi messaggio
    E piste sempre ben illuminate dal sole, che non guasta affatto
    Spero anche io di avere tra pochissimi giorni la vostra stessa impressione. Questa estate quando sono salito al Puez e ho visto i lavori mi è salito un nervoso......Cmq Colfosco è sempre Colfosco.

Pagina 21 di 23 PrimoPrimo ... 11121314151617181920212223 UltimoUltimo
-

Tags per questo thread

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •