Posizione classifica anno 2011: 41/216 | Posizione in classifica generale: 355/3313.

icona Skitags: Sciare Canada - USA [13]

Pagina 1 di 19 1234567891011 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 280

Discussione: Fassani & C. Powder Tour 2011 : CANADA . Il reportage .

  1. #1

    Predefinito Fassani & C. Powder Tour 2011 : CANADA . Il reportage .

    Tutto è iniziato in una piovosa serata di agosto alla Pizzeria Salin di Pozza di Fassa .
    Davanti ad un gruppetto di facinorosi “Fassani”, mia moglie Chiara ha proclamato : “Se facciamo un altro figlio, puoi farti quest’inverno il powder tour dove preferisci tu ! “ .

    Ho quindi preso la palla al balzo …...

    A circa metà settembre mando un semplice SMS al Bomar, con cui in passato mi ero confrontato varie volte su questo viaggio, con scritto : “Si va in Canada !”

    Nel giro di altre due settimane la ciurma era praticamente già al completo.

    9 Fassani & C agguerritissimi : io, Simone (Rikkas) , Samuel (Samuel), Carlo (Loz), Marco (Bomar), Vincenzo (Vince) , Federico (Ffxfede), Andrea (Bandit) e mio suocero Franco (Powdertothepeople).

    Fassani & C.

    Da dx a sx: Vince, io, Samuel, Rikkas, Bandit, Ffxfede, Bomar, Loz e Franco

    Abbiamo voluto mettere insieme una vacanza sulle neve con un viaggio on the road ed abbiamo così optato per un itinerario ad anello con partenza e ritorno da Calgary .

    Tappe : Golden (con sciata a Kicking Horse) , Revelstoke, Nelson, Rossland e Fernie.

    Mappa del Powder Tour


    Il viaggio di andata è stato già di per se una mezza avventura .

    Siamo partiti dall’aeroporto di Verona immersi in una nebbia fittissima . L’aereo dopo essersi portato sulla pista di decollo, accelera e poi frena di colpo a causa di ghiaccio al motore sinistro. A causa della ritardata partenza prendiamo al volo a Francoforte la coincidenza per Calgary ed ovviamente.... sci e valigie non arrivano con noi .

    Il volo su Groelandia e Canada in compenso è stato uno spettacolo : un immenso spazio bianco..

    In volo sul Canada


    Atterriamo finalmente a Calgary.
    La città non è particolarmente affascinante, ma non lascia comunque del tutto indifferenti : nel mezzo di una pianura bianca prima dell’inizio delle Rocky Mountains spunta all’improvviso questa città dove vivono 1 milione di persone abituate a convivere con neve e freddi intensi:

    Calgary


    Poliziotti in bici sulla neve


    Fassani Canadesi


    Simone, Marco e Samuel rimangono un giorno a Calgary in attesa delle valigie e degli sci. Io, Carlo, Andrea e Federico partiamo invece per Golden ed il primo giorno lo dedichiamo alla scoperta del comprensorio di




    Kicking Horse

    Non nevica da qualche giorno e pertanto le cavallette canadesi hanno già arato ogni pendio possibile. La località è comunque molto valida : pochi impianti assistono un dominio enorme con piste lunghissime e fuoripista di ogni tipo . Subito mi colpisce quello che già avevo notato in Colorado : in nordamerica non esiste una differenza sostanziale tra sciatori da pista e da fuoripista. Qui tutti scendono ovunque : canali, boschi larghi e stretti, valloni, piste a gobbe e piste tirate a biliardo . Ragazzini, anziani ed anche tante donne scendono ovunque e vivono il resort a 360° . Nessuno usa sci “tradizionali” da pista ma solo sci fat, mid fat o massimo allmountain . Lo sci in assoluto più diffuso è il Rossignol S7 . Il mercato dello sci è completamente diverso dal nostro.



    Punto di partenza Kicking Horse


    Ogni fuoripista è indicato, compresi i canali ed i cliff …..

    Dove c'è un cliff, Ffxfede si butta...


    Pur non essendoci powder, la neve è comunque morbida (qui la crosta non esiste :-) ) e questa prima giornata con sci a noleggio che sembrava promettere male finisce per essere più che discreta

    Boschetto a Kicking Horse

    Carlo Loz

    Il 3 febbraio sera ci raggiungono Marco, Samuel e Simone ed il mattino successivo partiamo per Revelstoke. La strada tra Golden e Revelstoke passa per il Roger Pass ed è molto suggestiva. Nevica, la strada è quasi una pista da sci ed ai lati ci circondano pareti cariche di neve .

    Verso il Roger Pass


    Il Roger Pass è un punto di partenza per bellissime sci alpinistiche . Avevamo in programma di pellare, ma il tempo è pessimo ed abbiamo tutti voglia di far discesa

    Fassani & C. al Roger Pass


    Arriviamo finalmente a



    Revelstoke








    Telecabina


    E’ qualche anno che sento parlare di questa località che sta acquistando sempre maggiore fama grazie ai video dei proazzi ed alla gare di freeride.
    Il comprensorio ha qualche anno, prima era solo territorio di catskiing. Ho sentito dire che la vogliono trasformare nella nuova Whistler ed effettivamente ci sono lavori in corso per nuovi alberghi.

    L’attesa non delude le nostre aspettave . Il comprensorio è ENORME nonostante sia servito da soli 5 impianti (ma qui in nord america li mettono nei posti giusti) : 1700 metri di dislivello tutti sciabili sia in pista che in fuoripista per un’estensione gigantesca .

    Panorama


    Purtroppo pur avendo nevicato non poco la sera prima, commettiamo l’errore più grande che si può fare in nord america : arrivare circa dure ore dopo l’apertura..... Le maledette cavallette canadesi hanno già arato per bene i fuoripista “immediati” , quelli a portata d’occhio .

    Dobbiamo quindi cominciare ad andare in ricerca per le varie bowls, scarpinando una decina di minuti ….

    Fortunatamente pur non conoscendo la zona qualche buon risultato lo riusciamo subito ad ottenere .

    Simone corre verso le nuvole


    Verso la North Bowl


    Ancora pendii in buono stato

    Vince se la gode dopo la discesa

    La sera facciamo un giro per il paese che è il classico ex paese mineriario convertito in località turistica.

    Revelstoke Town


    Il giorno successivo l’ufficio marketing di Revelstoke Mountatain Resort che avevamo contattato, ci assegna un accompagnatore per farci scoprire i fuoripista non “immediati” dove è possibile trovare traccie vergini....

    Samuel con la nostra "guida"


    Dopo due curve ci rendiamo conto che l’accompagnatore non è uno sciatore qualsiasi....

    Sean salta


    Scopriamo che è Sean Cocharane … proazzo sponsorizzato Dynastar, arrivato secondo ai campionati di freeride nord americani ….
    Devo dire che non ho mai visto dal vivo una sciatore fuoripistaiolo così forte … Perfetto ed armonico nei movimenti anche nel trefolo più insidioso .. ma anche un missile terra aria che fa di tutto per stenderci il prima possibile....

    Sean ci accompagna per le bowls appena aperte e ci fa sconfinare nel territorio riservato al catskiing .

    Sean ci porta nel territorio riservato al catskiing



    Appena gli ski patrol aprono una bowl dopo averla messa in sicurezza, c’è un assalto generale.

    La casetta degli Ski Patrols ed i loro stuzzichini

    .


    Quello che colpisce è vedere come vi siano anche tante ragazze che siano disposte a farsi 15-30 minuti sci in spalla per farsi bowl vergini . Un’altra aspetto non secondario che risalta è che in pochi utilizzano l’attrezzatura di sicurezza . Non so dire se siano senza Artva, ma sicuramente moltissimi sono senza zaino con pala e sonda. Questo è indice che gli sciatori nord americani quando sciano all’interno del territorio del resort delimitato da una corda fanno affidamento al 100 % sugli Ski Patrols .

    In coda sul traverso verso la bowl appena aperta


    Simone parte per una bella discesa


    Fede in un passaggio ostico



    Il giorno successivo finalmente capiamo come muoverci a Revelstoke e partiamo subito scarpinando dalla cima in cerca di belle discese ….. veniamo ben ricompensati :

    Bomar spolvera


    Samuel se la gode


    Simone si immerge


    Bandit spolvera


    Fede banfa



    Il pomeriggio del 6.2 carichiamo le valigie e ci dirgiamo verso Nelson .

    Facciamo un viaggio di 6 ore sotto una bufera di neve passando per posti sperduti e prendendo anche un traghetto per attraversare il lago Arrow.

    Si viaggia


    Traghetto


    I nostri cougar .... :-)








    Nelson è una cittadina stupenda in riva ad un lago . E’ diversa dagli altri paesi che abbiamo visto. E’ una città viva, con belle casette e con abitanti aperti ed interessanti . Tanti hippy americani si sono infatti trasferiti a Nelson negli anni 60 e 70 per scappare dalla guerra del Vietnam e pertanto si respira ancora un’atmosfera particolarmente liberal (si respira anche nel vero senso della parola :-) )...

    Nelson by Night


    Fassani a Nelson



    Il nostro Bed & Breakfast è stupendo... I proprietari sono una coppia di inglesi benestanti che dopo essersi licenziati ed aver venduto le loro proprietà hanno girato per due anni tutto il mondo per trasferirsi alla fini a Nelson e metter su famiglia...





    Lunedì 7.2 si comincia veramente a far sul serio.....

    Con un colpo di fortuna da vero Irebec, trovo 9 posti liberi su gatti di Valhalla, operatore che gestisce uno dei migliori spot della zona e che si vede anche in tanti video di proazzi..

    Valhalla Powdercat


    La conformazione del territorio è stupenda e le guide sono veramente professionali (fin troppo... 1 ora di ricerca Artva prima di iniziara grrrr....)

    Io mi lancio ...


    Simone nel boschetto


    Vince tenta di immergersi



    Ci sono pendii di tutti i tipi … tra cui alcuni belli tosti...


    Qualcuno di noi in un bel pendio..


    Si spolvera...


    Simone arriva alla fine di un bel vallone


    Bandit si scatena


    ....e poi banfa alla grande


    Franco si gode la verginella...


    Io corro



    Alla fine della giornata finalmente sentiamo di aver assaggiato un pò di vero Canada..

    Ma in realtà questo era solo l’inizio di una 4 giorni di fuoco ….

    Martedì ci dirigiamo a Ymir per provare Wildhorse Catskiing di cui tanto mi aveva parlato Chuy.

    Ymir Hotel


    Ymir, di cui avevo letto nei racconti di Martino-Gotamart, è un posto surreale.

    E’ un paesino a 20 km da Nelson abitato da un vera comunità di hippy quasi tutti sciatori .
    In questo piccolo paese di 200 abitanti lontanto da tutto ci sono incredibilmente due alberghi . L’incontro con Trevor, gestore di Wildhorse, è fissato all’ Ymir Palace gestito da Roscoe-l’uomo boccaglio...

    Ymir Palace


    Per arrivare alla zona in cui opera il gatto di Trevor bisogna fare 40 minuti di motoslitta …

    Le 2 motoslitte con traini per passeggeri sono però un pò “rudimentali” …

    Fede sale come primo passeggero...


    Pian piano che ci avviciniamo, il paessaggio si va sempre più suggestivo e l’altezza della neve aumenta...

    Panorama dalla motoslitta


    Troviamo alberi completamente ricoperti dalla neve...

    Alberi di neve


    Dopo 40 minuti saliamo sul gatto di Trevor e partiamo per l’avventura...

    Wildhorse catskiing



    Alberi...


    Alla prima discesa Trevor ci spiega che il pericolo maggiore nelle discese sono i tree well, i buchi adiacenti ai pini … la neve è infatti alta 5-6 metri ed attorno ai pini si formano buchi nei quali se si cade serve aiuto per uscire...

    Il gattista ci dimostra cosa è un tree well



    Le discese sono veramente fantastiche... per 3 giorni ci sembra di vivere dentro ad un videogame …

    Andrea El Bandido Vicentino ...


    Federico il banfone Mantovano :-)


    Bomar il Pagliaccio Veneziano ...


    Io, il poserone Mantovano con Go Pro al seguito...


    Franco se la gode...


    Simone, lo stilista di Mozzecane...


    Vincenzo, l'ameriggano da Philadelphia


    Carlo, il gaffeur Bresciano


    Samuel, l'artigianano Vicentino ...



    L’ambiente che ci circonda è magnifico... montagne a non finire cariche di neve... nessuna traccia umana (tranne le nostre :-) ) per chilometri e chilometri...

    Monte nevoso


    Monti ..



    I pendii vergini sono tutti da acquolina in bocca ed uno dopol l’altro ce li mangiamo famelici ….

    Pendio vergine


    Pendio non più vergine


    Altro pendio vergine



    Per 3 giorni viviamo lontanto dalla civiltà, ci svegliamo alle 6.00 e torniamo a casa alle 18.00 e passiamo 12 ore lontano da tutto …. il nostro unico scopo è soltanto fare nuove tracce …


    Tracciatore....


    affamato di polvere...


    Curve banfate a non finire...


    Saltatori....

    Gioacchino, l'aiuto di Trevor from New Mexico

    Saltatori....


    Mazzingoni ....


    Un veneziano fuori dall'acqua


    italo-americani


    Simone....


    Polvo Senior





    Dopo 4 giorni consecutivi di gatto le nostre gambe sono a pezzi.
    Decidiamo pertanto di saltare la tappa a Big Red Mountain e di vistare solo di passaggio Rossland, piccola cittadina vicina al confine degli USA. Soltanto Fede, Carlo ed Andrea si fanno un quinto giorno di gatto a Big Red Cats (ma non ho foto del posto)

    Rossland





    Ci dirigiamo quindi a Fernie, una delle più famose località sciistiche vicine a Calgary.

    Qui, anche se il turismo non abbonda in questo periodo, ci sembra un pò di tornare nella “civiltà”. Il paese è pieno di negozi ed il comprensorio è in puro stile nord americano : pochi impianti ma estesissimo. Tante bowls per il fuoripista e tante piste lunghissime.

    Fa un pò caldo per il periodo, ma la sera prima in alto scendono comunque 15 cm .. E pochi cm durante il weekend sono sufficienti per dar vita alla corsa alle bowls ancora vergini.....



    Ski Patrol sorveglia la bowl prima dell'apertura


    I nord americani si mettono tutti in coda in attesa dell’apertura della seggiovie che danno accesso alla bowls non ancora battute... dopo l’apertura è un tutti contro tutti …. anche tra di noi... nessuno aspetta l’altro .. dopo 2 ore è tutto macinato

    Coda alla seggiovia per fare la prima traccia...


    Finiamo la vacanza con una bella bevuta in compagnia …. El Bandito si gonfia per bene...

    Il Vicentino gonfio....




    ARRIVEDERCI AL PROSSIMO POWDER TOUR ............



    edit : p.s. : a pag. 2 del topic le foto di Samuel ed a pag. 3 quelle di Vince e di Simone



    Video di action








    .
    Ultima modifica di irebec; 25-09-2011 alle 08:42 PM.

  2. Lo skifoso irebec ha 5 Skife:


  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  4. #2

  5. #3

  6. #4

    Predefinito

    Proprio oggi mi dicevo che non avevo ancora visto le foto del viaggio. Spettacolo puro. Grandissimi. Sono senza parole. Estasiato. Complimenti Iacopo per il servizio. Cerri

  7. #5

    Predefinito

    Grazie Iac per il report!!! In effetti mi sono reso conto che non abbiamo tantissime foto in ecscion...era una lotta per avere la prima traccia e questo ci ha tolto tempo per gli scatti!

  8. #6

  9. #7

    Predefinito

    Ebbravi ai fassani che hanno preso anche la loro la malattia dei powder tour all'estero......Occhio che adesso sono tutti ***** vostri...... e soprattutto di iacopo che per continuare a poter andare all'estero dovrà mettere su una squadra di baseball....
    Bello rivedere posti noti e meno noti, bravo iacopo, ottimo report

  10. #8

    Predefinito

    Grandissimi, che vacanza spettacolare!

  11. #9

  12. #10

    Predefinito


    grazie Iac per farci sognare anche noi!!!!!

    Fassani rule!!


    hasta pronto on the Dolomiti

  13. #11

  14. #12

  15. #13

  16. #14

    Predefinito

    A parte il fatto che mi son fermato già alla seconda riga e a momenti svengo.
    Cioè fammi capire....la tua non è una moglie, è una santa!!!
    E poi, beh....tutto qui?!? E sarebbe questo il Canada?!? Mah...secondo me non ne vale proprio la pena...!



















    Che spettacolo ragazzi! Meraviglioso, complimenti, non aggiungo altro.

  17. #15

    Predefinito

    Fantastico! Che posti!
    Complimenti!!!

Pagina 1 di 19 1234567891011 ... UltimoUltimo



Tags per questo thread

Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •