Mostra risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Report estivo: Roma-Berlino, passando per l'Engadina e il Vorarlberg

  1. #1

    Predefinito Report estivo: Roma-Berlino, passando per l'Engadina e il Vorarlberg

    Un pò di scatti fatti durante le mie vacanze estive.
    Magari dò qualche spunto a zobo, per il suo prossimo viaggio (vedi 3D relativo).

    Parte Prima - Alpi:
    L’idea iniziale del tour era quella di visitare finalmente un pezzo di Germania, dove non eravamo mai stati: Berlino in particolare, più qualche altra tappa di “avvicinamento”.
    Solo verso metà luglio, vista la disponibilità di moglie e figli, abbiamo deciso di anticipare la partenza di qualche giorno e fare un giro più lungo, attraverso l’Engadina prima e la Baviera poi, passando per il Vorarlberg. Un modo alternativo di attraversare le Alpi, rispetto alla via più diretta, il Brennero.
    Se era un pò di refrigerio che andavamo cercando, per sfuggire alla torrida estate romana, siamo stati accontentati: a parte qualche rara giornata, ha quasi sempre piovuto.

    Partenza domenica 1 agosto e prime 2 notti a St.Moritz, o, per essere precisi, a Pontresina.
    Devo dire che con tutta l’Alta Engadina nel suo insieme è stato amore a prima vista. Il prox. marzo sarà settimana bianca a St.Moritz. Comunque, già in estate, tutta la valle, con le sue montagne, boschi, laghi, sicuramente merita, e molto. Se un problema c’è, sicuramente sta nel portafogli: bisogna fare mooolta attenzione . . . oppure, per qualche giorno, essere disposti a spendere.

    Il Lago di Sils e la Val di Fex


    Kite-surfing sotto il Corvatsch


    Lago di Silvaplana, guardando verso il Maloja


    Villa fiorita, a Sils Maria


    Dal Diavolezza: ghiacciai sulla parete nord del Piz Palù


    Scorcio sulla Val Roseg, dal ns. Hotel a Pontresina


    Martedì 3: in auto discendiamo lungo la valle dell’Inn, entrando in Austria. Piccola sosta a Serfaus-Fiss. A Fiss è in funzione una sorta di Fun-park a 1800 mt., al Möseralm. Una maniera per attirare turisti e vacanzieri e tenere a pieno regime gli impianti di risalita aperti.

    Pista di “slittino” per bambini (e non solo) al Möseralm (Fiss)


    Il verde dei prati vicino a Fiss


    In serata arriviamo a St.Anton, per trascorrervi la notte. Il paese è carino, lascia intuire che in inverno dev’esserci davvero un bel casino, ma d’estate in giro mi è parso ci fosse davvero poca gente.
    La mattina dopo, partenza per Lech. Una delle poche giornate di sole che ci sono state concesse.
    Lech è un‘altra cosa: il paese è molto bello, fiori e verde dappertutto. Sicuramente avrebbe meritato una sosta più lunga, ma non avevamo trovato un buon alloggio. Il ns. programma prevedeva allora di proseguire verso Garmisch.

    Dalla Flexenstrasse, poco prima di Zürs


    Lech am Arlberg


    Nei pressi di Zug


    A Garmisch il brutto tempo ci ha tenuto nascosto per tutte le 48 ore successive lo Zugspitze, sconsigliandoci l’escursione in cima col trenino a cremagliera. Sarà per via della pioggia, ma, a parte le casette dipinte (come in tutta quella parte della Baviera), Garmisch non ci ha entusiasmato particolarmente: troppo città e poco paesino di montagna. Forse, bisognerebbe rivederla innevata in inverno, ma comunque niente di che.
    L’abbiamo utilizzata come punto di partenza per la ns. gita ai castelli di Ludwig (Neuschwanstein e Linderhof), che consiglio a tutti. E consiglio anche di prenotare i biglietti per Neuschwanstein, e risparmiarsi così una fila interminabile: occorre dare il no. della propria carta di credito e pagare un piccolo sovrapprezzo, ma ne vale la pena.

    Garmisch – Ristorante l’ “Husar”


    Il castello di Neuschwanstein, sotto una pioggia incessante


    Marienbrücke (Mary’s Bridge), il punto ideale per fotografare il castello


    Linderhof, un altro dei “castelli” di Ludwig


    Giardini a Linderhof


    Venerdì 6: Garmisch – Innsbruck. Circa 60 km, con breve sosta intermedia per un piccolo giro a Seefeld.
    A Innsbruck ci hanno raggiunto altri amici, e da lì il giorno dopo abbiamo proseguito il viaggio di avvicinamento verso Berlino.

    Il centro di Innsbruck

  2. Lo skifoso Heinz61 ha 3 Skife:


  3. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre


  4. #2

    Predefinito

    Parte seconda - Germania:
    Abbiamo visitato Monaco (3 notti), Dresda (altre 3 notti), passando prima per Ratisbona (Regensburg), molto carina, e finalmente 4 giorni a Berlino. Infine 2 notti a Norimberga, prima del tappone di rientro fino a casa. Giusto qualche scatto significativo, selezionato tra i tanti.

    Il parco del castello di Nymphenburg (Monaco)


    Ancora dal Parco del Castello di Nymphenburg


    Sempre Monaco – Non solo parchi, anche tecnologia: BMW Welt


    Monaco di Baviera: turisti in centro


    Dresda: il Palais al Grossgarten


    L’Elba in piena a Meissen, patria delle porcellane, non distante da Dresda


    La ns. meta, alfine: Berlino, porta di Brandeburgo


    Architetture moderne, nei pressi del Reichstag


    La cupola di vetro sul Reichstag


    Scorcio medievale a Norimberga


    Finisco con una foto "rubata" al museo dei giocattoli di Norimberga. Che sia di augurio per la prossima stagione . . .


  5. Lo skifoso Heinz61 ha 3 Skife:


  6. #3

    Predefinito

    bel reportage...quella funivia a giocattolo me la portò mio padre per regalo da un viaggio a parigi...e ti parlo che avevo un circa 3-4 anni quindi erano gli anni 91-92

    che ricordi...dovrei ancora averla da qualche parte negli scatoloni ihihi

  7. #4

    Predefinito

    stupendo, tutto.
    1) itinerario da nobel.
    2) la quintessenza della montagna.
    3) e berlino e' la capitale d'europa, no london shit.
    davvero congratulazioni!

  8. #5

    Predefinito Spettacolo!

    Grazie per aver condiviso lo straordinario "diario di viaggio". La Germania ancora mi manca ma sarà, spero presto, una delle mie prossime visite... magari proprio Berlino. Ha tutto: bella gente, bell'atmosfera, vivacità e natura, etc... forse le manca un po' di sole

    Adesso apro uan discussione sulla "capitale d'Europa" tra Londra VS Berlino

  9. #6

    Predefinito

    belle le foto, ma soprattutto bello il viaggio e la scelta di farlo in macchina, paesaggi da favola!

  10. #7

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Fabio Vedi messaggio
    Grazie per aver condiviso lo straordinario "diario di viaggio". La Germania ancora mi manca ma sarà, spero presto, una delle mie prossime visite... magari proprio Berlino. Ha tutto: bella gente, bell'atmosfera, vivacità e natura, etc... forse le manca un po' di sole

    Adesso apro uan discussione sulla "capitale d'Europa" tra Londra VS Berlino
    Mi fa piacere che, al di là delle foto (che comunque non potranno mai trasmettere tutte le sensazioni che un posto riesce a suscitare nel viaggiatore), sia piaciuto l’itinerario.
    Non conoscevo affatto la Germania, e mi sento di consigliare a chiunque di farci almeno un viaggio. Credo che in futuro almeno un altro cercherò di farlo io stesso: mi manca tutta la parte più occidentale: Amburgo, Colonia, Aachen, la Foresta Nera, solo per citare qualche esempio. La stessa Baviera mi incuriosisce e richiederebbe un viaggio solo per visitarla.
    Ognuna delle città in cui abbiamo fatto tappa ha delle caratteristiche che la rendono diversa dalle altre:
    Monaco è quella che forse ci è di più piaciuta. Forse, un pò troppi turisti ad agosto (e non oso immaginare com’è durante l’oktoberfest . . .)
    Dresda conserva ancora i segni del passato recente: la guerra, la DDR, la ricostruzione ancora in corso (ci dev’essere stato dietro tutto l’impegno di un sistema Paese - come la Germania - per essere riusciti a fare ciò che è già stato fatto e ciò che tutt’ora si sta facendo). Sapevate che ci si basa anche sui quadri del Canaletto per ricostruire scorci andati perduti con i bombardamenti del ’45? E in ogni caso merita davvero l’appellativo di “Firenze dell’Elba”.
    Norimberga è stata una piacevole sorpresa: un bel centro storico, dal sapore medievale, anch’esso in larga parte ricostruito dopo la tragedia della guerra, ed una città dall’aspetto ricco, elegante, quello che ti aspetti di trovare in Paese per diversi aspetti più avanti rispetto al nostro . . .
    Berlino, infine, merita un capitolo a parte: se ne può discutere all’infinito, ma onestamente non mi sentirei di definirla la capitale d’Europa. Certo, è una città affascinante, sotto tanti aspetti, e particolarmente a causa della sua storia recente: troppi sono i segni che restano, sia della guerra, sia, soprattutto, del dopoguerra. Le tracce del “Muro”, il checkpoint Charlie, il memoriale dell’olocausto, i palazzoni dell’epoca ex-DDR, . . . , per non parlare di Potsdamer Platz (forse un “must” per ogni studente di architettura). Berlino merita certamente il viaggio, e merita una sosta più lunga: tuttavia, Londra e soprattutto Parigi mi sembrano città di un altro respiro, più “universale”, che ne fanno più capitali europee rispetto a Berlino. Ma sono solo sensazioni, molto personali, e dunque opinabili.

    Un ultimo cenno alla parte “alpina” del viaggio. L’Engadina in Svizzera è il posto che ci è rimasto più impresso, e spero non mi deluda il prossimo inverno. In ogni caso, per uno come me che sino ad oggi non ha mai fatto un’esperienza di montagna fuori dai confini italici, aver soltanto visto St.Moritz, ppure St.Anton e Lech, o già il solo percorrere l’autostrada in Austria e leggere “Ausfahrt Brixental”, oppure “Ausfahrt Zillertal”, fa davvero un certo effetto: in pochi giorni sono passato vicino al 90% delle località in cui vorrei sciare almeno una volta nella vita . . . il restante 10% sta in Alta Savoia . . . Sarò matto? Oppure è solo che siamo ancora a fine agosto?

  11. Skife per Heinz61:


  12. #8

  13. #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da zobo Vedi messaggio
    Gran bel viaggio complimenti.
    Quanto è durato in tutto?
    Partenza il 1° di agosto, rientro il 19. Circa 3800 km in totale, ma abito a Roma: a parte la prima tappa (Roma-St.Moritz. ca. 780 km) e l'ultima (una "tiratona" di 1100 km da Norimberga), sono state tutte tappe abbordabili.
    Considera poi che il viaggio vero e proprio in Germania è stato di ca. 13 gg.: una coppia di amici ci ha raggiunto direttamente a Innsbruck, saltando però la prima parte, in montagna.

  14. #10

    Predefinito

    grande heinz... nel 2002 feci con i miei bolsena-norimberga e poi andai a berlino...quest'anno volevo fare bolsena-copenaghen con la macchina ma mi hanno preso per pazzo tutti e allora ho optato per l'aereo




Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •