icona Skitags: Cambiamenti climatici [9] Scomparsa ghiacciai [28]

Pagina 23 di 23 PrimoPrimo ... 1314151617181920212223
Mostra risultati da 331 a 341 di 341

Discussione: L'altra voce sul clima.

  1. #331

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da pat Vedi messaggio
    Riporto qui un articolo appena pubblicato, sperando sia la discussione giusta visto che ce n'erano tre simili ...

    "Experts cool on global warming: Weather office cuts temperature predictions by 20% in 'return to humility'

    By Joseph Brean
    Jan. 9 (National Post) -- Global warming has stalled and will not raise world temperatures over the next five years, according to a new prediction from the British national weather service.
    The updated computer model of the planet's climate lowers by about 20% an earlier prediction of how much hotter the coming few years will be than the long-term average since 1971.
    The new prediction "does not necessarily tell us anything about long-term predictions of climate change," the Met Office said in a statement, and it is "actively researching potential causes of the recent slowdown in global warming, including natural variability."
    "I suspect a lot of modelling groups are going to have to start revising their forecasts down, because most of them are running too hot," said Ross McKitrick, a University of Guelph economist who was instrumental in debunking the famous "hockey stick" graph of rising global temperatures. "There are so many models that are now so far off that it suggests a wider problem with the technique."
    Over the next five years, "global average temperature is expected to remain between 0.28 degrees celsius and 0.59 degrees celsius above the long-term (1971-2000) average . with values most likely to be about 0.43 degrees celsius higher than average," reads the new Met Office report. A previous prediction said they would be 0.54 degrees higher.
    Likewise, the Met Office's earlier prediction that "about half" of the years 2010 to 2019 will be warmer than 1998 (which was the warmest year since records were kept, at 0.40 degrees above average) is now unlikely under the new model.
    "It's like Keynesian economic models in the 1970s that kept predicting high inflation would bring down unemployment,"
    Prof. McKitrick said. "Eventually they were so far off reality that it was no longer a case of trying to fine tune bits that didn't fit, economists had to admit the underlying theory was wrong and start over."
    Uriel Sinai / Getty Images files Fishing boats sail between icebergs as the sun sets over the Jacobshavn Bay on August 25, 2007 near the town of Ilulissat, Greenland.
    Scientists believe that Greenland, with its melting ice caps and disappearing glaciers, is an accurate thermometer of global warming.
    The downgraded prediction recalls the 2006 report by the British government that pegged the economic cost of climate change at 20% of global GDP each year "now and forever," but was criticized for relying too heavily on extreme and unlikely outcomes, and is now outdated after the global economic downturn.
    "This does not mean that there is no man-made global warming," said Bjorn Lomborg, a Danish academic and author of The Skeptical Environmentalist. "But it does mean that we perhaps should not be quite as scared as some people might have been from the mid '70s to about 2000, when temperatures rose dramatically, because they were probably at least partially rising dramatically because of natural variation, just like they are now stalling because of natural variation."
    He called the revised prediction "a return to the humility that we probably should have had right from the start," and a reminder that the climate is harder to predict than scientists once "naively" thought.
    "The short-term prediction has always been dodgy. It's really hard to say what's going to happen in five years. Global warming is about what's going to happen in 20 or 50 or 100 years," Mr. Lomborg said.
    The public announcement of a minor adjustment to a massively complex computer model also highlights the dangers for scientists of making predictions on controversial matters of public policy.
    Andrew Weaver, Canada Research Chair in climate modelling at the University of Victoria, and a B.C. Green Party candidate, called it a "highly uncertain" prediction from the fledgling science of short-term, "decadal" forecasting of the climate, which is an inherently chaotic and unpredictable system.
    "Typically, science evolves so that you get better at what you do. But predictions can also change just as a matter of chance," he said.
    "Decadal predictability today is kind of what seasonal predictability was 15 years ago. Now we routinely look at El Nino forecasts, we routinely look at seasonal forecasts, and they're very good, but that's because we've been doing them for about 15 or 20 years now. Decadal predictability is only just starting, so it's a bit all over the place. The Met Office actually have changed their prediction . other groups might get still different predictions," Prof. Weaver said.
    Bruce Pardy, a professor of environmental law at Queen's University, said such predictions are especially dangerous because the common understanding of climate change remains simplistic on all sides. He cited the impulse to blame Hurricane Sandy on global warming as an example of wrong-headed thinking.
    "In an ideal world, the policy that's put in place should not be designed to change what's going to happen in the short term. But the game that everybody is playing is to emphasize short-term things so as to produce pressure in the direction they prefer," he said.
    "If the impetus required for a universal, binding, international commitment is to have the sky falling, this [new report] doesn't say the sky is falling, at least not tomorrow.
    It doesn't change the idea that the sky might fall, or be in the process of falling, further out. But if what is missing in these international negotiations is a crisis, this doesn't help paint it as a crisis, or at least an immediate crisis," Prof.
    Pardy said.
    "It all depends upon your policy preference, and frankly a lot of policy preferences exist before the data."

    -0- Jan/09/2013 14:19 GMT"
    Interessante.... ma se ti devo dire la verità preferisco sempre alzare gli occhi al cielo...
    Mi basta quello per capire che quello che io chiamo "modificazione climatica indotta".... e invece i vari esperti di clima che vanno in TV chiamano "lievi velature del cielo"...

    Siamo arrivati al punto di credere che il cielo sia sempre stato così... che è normale che decine di aerei volino SOPRA le città (quando è vietato sorvolare centri abitati), che a 2-3000 metri di altitudine in AGOSTO ci sia -40°.

    Con i numeri è dimostrabile qualsiasi tesi... usando gli occhi invece...................

  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner
    Data registrazione
    Da Sempre


  3. #332

    Predefinito

    Rispolvero questa antica e divisiva discussione per proporvi questo articolo.

    http://www.meteolive.it/news/Editori...litane-/74235/

    Conferma, ma con una visuale e cause diverse, l'influenza dell'uomo sul clima, anche se più che di clima qui si parla di 'microclima'.

    Interessante, no?

    Tuti conosciamo l'effetto dell'isola di calore, ma forse non si credeva che potesse dare dai falsi positivi così clamorosi.

  4. Lo skifoso botto ha 2 Skife:


  5. #333

    Predefinito

    Chi vive a Roma sa benissimo che all'interno del GRA la temperatura aumenta di 2-3 gradi.

    Questo è chiaramente un fattore antropico, probabilmente l'unico

  6. #334
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Eh se, io al mattino parto da casa mia fuori BO con una temperatura, all'arrivo a Bologna città sulla cerchia dei viali ci sono 3-4 gradi in più.

  7. #335

    Predefinito

    La cosa interessante della ricerca è che mette in luce non solo (cosa nota) l'effetto isola di calore, ma soprattutto che è l'incremento dell'effetto dell'isola di calore (di certo di origine antropico) ad avere fatto registrare un 'falso' incremento delle ondate di calore anomale.
    Perchè nelle campagne tali anomalie rispetto ai dati storici non si sono verificati.

  8. #336
    Skifosissimo Skifoso
    Attrezzatura
    Spazzauovo DH 250cm r>∞, scarponi Cement 190 very hard, il mio disastrato fisico e una scimmia prepotente

    Predefinito

    Ok ma non si può prescindere dal fatto che il calore delle città si riversa ugualmente in atmosfera come quello delle campagne.
    E la gente che ci vive l'ondata di calore la subisce ugualmente.


    Dietro poi a dei dati così variabili, temo che dietro ci siano degli errori strumentali o qualcosa di più "grosso", sebbene si parli di Osaka e non di Sasso Marconi.

  9. #337

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da madflyhalf Vedi messaggio
    Ok ma non si può prescindere dal fatto che il calore delle città si riversa ugualmente in atmosfera come quello delle campagne.
    E la gente che ci vive l'ondata di calore la subisce ugualmente.


    Dietro poi a dei dati così variabili, temo che dietro ci siano degli errori strumentali o qualcosa di più "grosso", sebbene si parli di Osaka e non di Sasso Marconi.
    Eh, sì gli errori strumentali - soprattutto nelle serie vecchie - possono essere rilevanti.
    Certo che il calore delle città si riversa nell'ambiente circostante e contribuisce al riscaldamento, ma considera due cose:
    - credo che grandi città vs mondo siamo su ordini di grandezza molto diversi
    - l'effetto dell'isola di calore è in parte il dovuto al calore 'prodotto' dalla città (traffico, riscaldamenti e raffrescamenti), ma in larga parte è calore assorbito dagli edifici e dall'asfalto a lento rilascio, pertanto non incide nell'equilibrio generale

    Questa, al riguardo, mi sembra un ottima idea
    http://www.repubblica.it/esteri/2017...ico-176727355/

  10. #338

    Predefinito

    Mi sono imbattuto in questo prodotto anglosassone negazionista.
    Io non ho gli strumenti per valutarlo l'unica cosa che so è che è molto vecchio in termini accademici, ma di più non arrivo.
    Se qualcuno degli appassionati di climatologia del forum avesse voglia di guardarlo e di fare una recensione...



  11. #339

    Predefinito

    il sito "climalteranti", al quale lavorano scienziati ed ingeneri italiani, confuta le teorie poste dai negazionisti del riscaldamento climatico, in particolare ha fatto una recensione
    del film qui:
    https://www.climalteranti.it/2017/02/12/un-film-da-buttare-the-great-global-warming-swindle/#more-6243

    comunque nel sito climalteranti puoi trovare numerosi articoli sul ruolo del Sole, che viene richiamato da molti scettici, del legame temperatura e CO2, del cambiamento climatico in periodo preindustriale, del ruolo dei vulcani, di disinformazioni e bufale varie sul cambiamento climatico.

  12. Skife per pudra:


  13. #340

    Predefinito

    Nei giorni successivi ho trovato cose simili.. In effetti sospettavo che fossero tutte bufale, ma volevo trovarne conferma.. Ho anche letto che alcuni scienziati intervistati nel documentario, hanno negato di aver sostenuto esattamente quelle cose, accusando il regista di aver estrapolato farsi e discorsi, modificandone il senso con un montaggio furbetto..

  14. Skife per Ema93:


  15. #341

    Predefinito

    da meteolive.it

    La vita è breve, difficile, tormentata, almeno per la maggior parte della popolazione, troppo dura per potersi preoccupare anche del clima, ammesso ma non concesso che abbia veramente bisogno di noi per "tirare avanti".

    Il punto è però un altro: il cambiamento climatico non è affatto una burla, come si legge dall'accostamento delle prime pagine di Newsweek della metà degli anni 70 e del 2006, in cui si dipingono due scenari totalmente opposti, l'uno verso il freddo, l'altro verso il caldo.

    Il cambiamento climatico è una realtà, semplicemente perchè il clima cambia sempre e da sempre, non è un'entità statica, non raggiunge degli equilibri costanti, non è una persona che deve camminare sul filo della razionalità per non scivolare su strade devianti ed assumere comportamenti lesivi e pericolosi per sè e per gli altri.

    Il clima va per la sua strada. L'uomo inquina tantissimo, ne combina di tutti i colori, ma la sua influenza sull'atmosfera risulta complessivamente marginale, perchè se il clima decidesse di virare verso un'era glaciale o verso una fase di optimum simile a quella del periodo medievale, cioè con 3°C in più rispetto ad oggi, certamente non chiederebbe il permesso a noi e se infischierebbe dei gas serra, soprattutto a questi livelli di concentrazione.

    La forzante antropica ci può anche stare ma sia che favorisca o accentui raffreddamenti naturali o riscaldamenti altrettanto naturali, qualcuno nel mondo soffrirà sempre, perchè un clima più caldo o un clima più freddo porterà inevitabilmente conseguenze negative e positive.

    Un clima caldo nel passato aveva determinato la fertilità del Sahara, un clima più freddo porta e porterebbe gravissime ripercussioni sulle attività agricole del nord Europa; con il freddo molte gravi patologie respiratorie colpirebbero la popolazione, così come in un mondo più caldo potrebbe diffondersi maggiormente la malaria.

    Il problema va posto in altri termini allora: quanto frutta la paura da global warming? In questo momento molto di più che quella da global cooling, ma state pur certi che se ad un tratto il clima virasse verso il freddo, l'IPCC ci racconterebbe che è ancora colpa nostra.

    Negli anni 70 si pensava che il mondo fosse diretto verso un'era glaciale, ma si poteva pensare che in quel periodo non ci fossero gli strumenti di oggi per valutare il comportamento del clima, invece, ecco la sorpresa: se andiamo ad indagare i metodi di lavoro odierni, si capisce che non è cambiato assolutamente nulla e che la soluzione "pro antropic global warming" è assolutamente di comodo.

    Del resto tutti "tengono famiglia" e gli scienziati scomodi escono dal giro e perdono opportunità di lavoro.
    La posizione di Alessio Grosso di Meteolive è ormai nota.
    L'uomo della strada - ed anche le giovani generazioni che studiano a scuola la voce sul clima (e non l'altra voce sul clima) - gli darebbero del negazionista e terrapiattista.

  16. Lo skifoso botto ha 2 Skife:


Pagina 23 di 23 PrimoPrimo ... 1314151617181920212223



Segnalibri

Segnalibri

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •