View RSS Feed

Ski-blog di Fabio, blog nella community di Skiforum

Marcuseditoriale 21 novembre 2012

Rate this Entry
Citazione Originariamente scritto da marcussiena Vedi messaggio
I modelli aggiustano il tiro: ci stiamo avvicinando a grandi falcate agli ultimi 5 giorni di novembre, quando, stando oramai alla unanimità dei modelli, dovrebbe concentrarsi una forte fase di maltempo. Ieri sera avevamo lasciato inglesi ed americani nel loro consueto disaccordo: i primi fortemente convinti di un affondo davvero occidentale direttamente sulla spagna; i secondi molto più ottimistici vedevano l'ingresso direttamente sul ligure. A tutt'oggi, nonostante il ritrattamento parziale di GFS, vedo ancora come molto più probabile un ingresso sul golfo del leone/ligure piuttosto che sulla spagna.
Ciò nonostante il 26-27 sono due giorni non fondamentali per noi: qualsiasi cosa accade in quei due giorni (freddo e neve a basse quote o correnti sudoccidentali miti) mi pare che il proseguo sia oramai piuttosto ben inquadrato da tutti modelli.
L'azzorriano riuscirà nel tentativo di blocco e innescherà un poderoso ponte di weikoff che spezzerà in due il vortice polare: un troncone andrà ad alimentare il vortice canadese; l'altro in russia continuerà a darsi il suo bel da fare per raffreddare il comparto siberiano. In una prima fase prima c'è da attendersi neve, anche molta sulle alpi ma a quote piuttosto altine, direi sopra i 1500/1700 metri. L'appennino inutile dire che subirà gli effetti delle correnti sudoccidentali e beccherà poco o nulla. Nella seconda fase, direi verso fine mese, la depressione mediterranea continuerà a risucchiare le gelide correnti nordorientale, facendo bruscamente crollare la quota neve anche in appennino.
Ci attendono 10 giorni di goduria signori miei! i comprensori si salveranno giusto in tempo, parlo per quelli che apriranni il 1 dicembre. Ma anche in appennino si rischia di anticipare le aperture ben prima del solito, anche se non credo che per il primo questi ultimi ce la faranno.

Riepilogando direi che si può individuare le seguenti microfasi:
dal 25 al 27 le correnti si disporranno in sudoccidentali, con fase di piogge e neve a quote sopra i 1500/1700 metri
dal 28 al 31 le correnti saranno settentrionali e la depressione italica produrrà l'abbassamento della quota neve fin sotto i 1000 metri ovunque, anche in appennino. Inutile dire che parlare di quote esatte e quantitativi è ad oggi premature e suscettibile di forti variazioni, anche perchè i geopotenziali saranno bassissimi specie dal 27-28, quando la pressione di 850 hpa si abbasserà anche fin sui 1200 metri d'altezza!

Sarei pertanto imprudente se ad oggi vi svelassi certezze: per assurdo è più facile fare una previsione a 15-20 giorni che non a 6-7 giorni, quando è ovvio che ci si attende una maggior precisione. A distanze siderali ci si accontenta di sapere dove si disporranno le alte pressioni e cosa ci si attende dal VP. A 6 giorni si comincia a sentire il bisogno di sapere se il VP affonderà tra spagna e francia oppure sul ligure: le differenze sono impressionanti però!

Non mi concentrerei invece sulla prima parte di dicembre, quando la neve sarà già scesa in abbondanza: anzi! spererei di trovare anche qualche giorno di sole per sfruttarla

Concludo con un piccolo invito: come direbbe una mia cara amica "non facciamoci le pippe mentali" e godiamoci quel che arriverà!! eccome se arriverà! quest'anno cominciamo di gran carriera!! l'inverno che verrà sarà veramente coi controcazzi!!!!

Submit "Marcuseditoriale 21 novembre 2012" to Facebook Submit "Marcuseditoriale 21 novembre 2012" to Twitter Submit "Marcuseditoriale 21 novembre 2012" to Oknotizie Submit "Marcuseditoriale 21 novembre 2012" to Digg Submit "Marcuseditoriale 21 novembre 2012" to Google Submit "Marcuseditoriale 21 novembre 2012" to del.icio.us Submit "Marcuseditoriale 21 novembre 2012" to StumbleUpon

Categorie
Varie

Comments