• itinerario scialpinistico "FORCELLA SAN PIETRO"

    E adesso vi beccate una breve relazione di questa bella scialpinistica di cui nessuna guida cartacea parla!

    Innanzitutto mi scuso per la cartina ma sto traslocando ed ho trovato solo questo slpendido esemplare T.C.I. del 1950 che, però, non è molto chiaro...

    Cartina dell'itinerario scialpinistico "FORCELLA SAN PIETRO"


    Si parte da Auronzo di Cadore località Orsolina (verso la fine del paese in direzione Misurina).
    In auto si seguono le indicazioni per la VAL DA RIN.
    Si percorre la strada fin dove si può (dipende dall'innevamento). Di solito si riesce ad arrivare poco sotto il RIFUGIO PRIMULA (chiuso in inverno) a circa 3 km dal bivio sulla SS.
    Si prosegue a piedi, seguendo la strada e si incontrano vari bivi. Si seguono sempre le indicazioni per la VAL POORSE (segnavia 273). Dopo un tratto pianeggiante la strada (spesso battuta dalle motoslitte) comincia a salire. La si segue lungamente, passando per la CASERA VALDAZENE, fin che si sbuca sull'altopiano del PIAN DEI BUOI, ai piedi del ramo del CIASTELIN delle Marmarole.
    E' un posto che tutti dovrebbero vedere almeno una volta nella vita!
    Dall'altopiano si procede verso OVEST in direzione dell'evidente rifugio Ciareido (parlano di tenerlo aperto questo inverno). Dal rifugio si continua a salire verso OVEST fino a sbucare nel vallone sotto l'evidente monolite: IL PUPO.

    Il Pupo da sud


    Ora non resta che salire fino alla Forcella San Pietro, posta alla base del monolite.
    Giunti all’intaglio ci aspetta una stupenda discesa, spesso su neve polverosa, verso NORD.
    Dopo in primo tratto abbastanza ripido, guadagniamo il vallone di POMADONNA, splendido.
    Proseguendo verso nord, arriviamo ad imboccare un canale ad ampiezza e pendenza ideali che sembra si stato messo lì apposta per noi!
    Quando si interrompe, non dobbiamo far altro che deviare per breve canalino a SX ed entrare in un altro canale parallelo che ci porta in uno spiazzo, Il PIAN DE LE CIAVE.
    Da qui, si scende per bosco non troppo fitto, verso nord, fin ad incontrare il percorso della salita.
    Per questo in breve al punto di partenza.
    BSA S3 S4 (solo un breve tratto)
    L’ultimo tratto della salita alla forcella va affrontato con attenzione.

    Ciao!
    This article was originally published in forum thread: WLF monolitico [scialpinismo "FORCELLA SAN PIETRO"] started by tantaneve View original post