• Vallon d'Antermoja (fuoripista in Marmolada)

    Itinerario fuoripista Vallon d'Antermoja, Marmolada

    Venerdì 2 aprile è stata una giornata magnifica, uno dei migliori powder day in Marmolada degli ultimi anni. Per me è stata una giornata strepitosa perché, oltre alle solite discese note in ottima polvere, ho chiuso la giornata con la discesa dal Vallon d’Antermoia che da molto tempo volevo fare.
    Ho deciso di postare una “monografia” dedicata a questo bell’itinerario.

    Usciti dalla stazione della funivia a Serauta (per cui non si prende il 3° troncone) c’è da scarpinare 15 minuti circa per guadagnare l’accesso.
    l'accesso


    prima parte (dall'ingresso)


    panoramica sul vallone (dall'ingresso)

    Da subito si scorge il passaggio obbligato per evitare di trovarsi sopra enormi salti rocciosi (l’ho cerchiato in rosso).

    primi 40-50 mt. a 45°

    Le pendenze che riporto sono prese dal’ultima guida di Tremolada (freeride in dolomiti)

    poi 150-200 mt. a 40°

    I 40° direi che sono degradanti, a mio parere diventano ben presto 35°

    La prima parte è intuitiva, si rimane nel mezzo del canalone iniziale che si restringe fino ad arrivare ad un “collo di bottiglia” che immette negli ampi pendii sottostanti
    poco sopra il “collo di bottiglia


    il "collo di bottiglia"

    La parte più stretta del passaggio, sotto la neve, cela del ghiaccio vivo (cascatella ghiacciata), si può evitare uscendo a sinistra (passaggio stretto ma agevole) immettendosi subito nel bel pendio sottostante.

    È forse la parte più bella della discesa, decisamente da urlo!!!
    meno pendenza, grandi spazi, curvoni a 1000


    La pendenza diminuisce sempre di più (mai davvero pianeggiante però)
    quasi un pianetto


    Per poi tornare nuovamente bella …
    cambio di pendenza


    … prima di una seconda fase soft ma comunque divertente che conduce al passaggio obbligato
    secondo pianetto


    il passaggio obbligato

    Questo passaggio è assolutamente da non sbagliare, è l’unico che da l’accesso alla parte bassa della discesa.

    il passaggio obbligato (dopo)

    (nella foto c’è qualcosa di anomalo, vediamo un po’ se lo notate)

    dolci pendenze prima del ripido (35°?) finale

    Subito dietro la linea del primo orizzonte il versante si rituffa con decisione verso il fondovalle…

    il pendio prima del cengie

    … le pendenze sono molto sostenute, ideali per una sciata di gran soddisfazione (con neve buona ovviamente). N.B.: Da tener presente però che si sta sciando sopra una falesia, un’eventuale caduta non controllata potrebbe avere estreme conseguenze (il pendio finisce in un precipizio bello alto)

    Per arrivare a valle sani e salvi occorre ad un certo punto tenersi a sinistra (è abbastanza intuitivo capire il momento di smetterla con le belle curve e virare a sx), su una ripida cengia sotto le rocce
    sotto le cengie (100 mt. obbligatori)

    A quel punto non si deve fare altro che seguire la base delle rocce (cengia)

    sotto le cengie/2

    Dapprima qualche curva la si può ancora fare …

    qui occorre stare in traccia (alla lettera)

    … poi però occorre derapare/scalettare per qualche decina di metri (forse in condizioni ottimali di neve è possibile scendere con più disinvoltura)
    uscita dalle "cengie"


    Tendendo sempre a sinistra si arriva sul cono di scarico delle pareti e canali soprastanti dove è possibile nuovamente tornare ad una sciata più rilassata

    ultima sciata


    le "cengie" dal basso


    Io l’ho trovata una discesa molto bella, se fatta con bella neve è proprio divertente! La rifarò di sicuro credo che ne valga la pena.
    This article was originally published in forum thread: Vallon d'Antermoja (Marmolada 02/04/2010) started by e.frapporti View original post