Wlf 72 - wlf in diretta

In ogni caso la gran parte del mondo è debidetizzata, ed anche la Spagna, che era una delle roccaforti mondiali, nelle nuove costruzioni ma spesso anche nelle ristrutturazioni l'ha abbandonato.
 
Però le mancano i Pirenei: ascolti il mio consiglio e se una volta saranno innevati in concomitanza con una delle sue finestre vacanziere, ci vada.
Altro che Slovenia (per citare una zona che vorrei visitare io).
 
In ogni caso la gran parte del mondo è debidetizzata, ed anche la Spagna, che era una delle roccaforti mondiali, nelle nuove costruzioni ma spesso anche nelle ristrutturazioni l'ha abbandonato.
ma non noi,portogallo e grecia... il resto del mondo è costretto a pulirsi il c... con le salviette o se vuole lavarselo bene facendo la doccia o lavandolo aggrappato al lavandino... tutte cose poco igieniche o scomode..percui viva il bidet.
 
Però le mancano i Pirenei: ascolti il mio consiglio e se una volta saranno innevati in concomitanza con una delle sue finestre vacanziere, ci vada.
Altro che Slovenia (per citare una zona che vorrei visitare io).
il problema è che per andare nei pirenei dovrei prendere andando con la nave da genova dai 10 giorni alle 2 settimane di ferie che devo prendere ovviamente in anticipo come piano ferie in linea di massima...se poi non sono innevati dovrei chiedere di rinunciarvi...gioco che ammesso che riesca potrebbe andare bene una volta.
Data la pochezza degli inverni e l'alta pressione sempre piu centrata sulla spagna in epoca di gw non mi pare che siano destinati ad avere buona neve di frequente
L'alternativa è aspettare un anno che nevichi e prendere le ferie al piu presto subito dopo organizzando il tutto (nave compresa) all'improvviso...poi ho visto che le stazioni non sono così facilmente concatenabili (alcune in spegna,altre in francia) e per riuscire a vederne la maggior parte dovrei andarci piu volte,cosa che francamente via nave non sono disposto a fare
Già il porto di sbarco (barcellona) è molto lontano dalle stazioni piu vicine...insomma è un viaggio che non mi convince per nulla
In slovenia le stazioni dove andare sono solo 2 ...cerkno e vogel oltre a bovec collegato con sella nevea,il resto è insignificante..personalmente mi manca solo vogel che necessita anche della lunga pista di rientro aperta
Se si reca in zona non si dimentichi questo in austria...piste che arrivano a meno di 600 metri non se ne trovano tante..la cartina dice che la nera che scende a valle arriva a 547 metri...io l'ho già sperimentata...ora tocca a lei...quando apre l'immagine se riclicca si ingrandisce e con la manina può spostarsi sulla mappa,,direi che scendere da oltre 2000 metri a meno di 600 è una esperienza che deve fare
 

.

Allegati

  • 12327.jpg
    12327.jpg
    427.1 KB · Visualizzazioni: 55
Ultima modifica:
ma non noi,portogallo e grecia... il resto del mondo è costretto a pulirsi il c... con le salviette o se vuole lavarselo bene facendo la doccia o lavandolo aggrappato al lavandino... tutte cose poco igieniche o scomode..percui viva il bidet.
Ritengo il bidet assolutamente necessario, ma più che nei periodi normali nei periodi difficili. Sono stato più volte operato e non potevo fare la doccia anche per un mese; lascio immaginare senza di quello come sarebbe stato complicato.

Però a differenza di altri, in viaggio lo ritengo del tutto superfluo. È raro che lo utilizzi in un hotel.
 
il problema è che per andare nei pirenei dovrei prendere andando con la nave da genova dai 10 giorni
Lo so che lei non ha voglia di guidare fino a là, ma per me prendere quei carri bestiame pagati a peso d'oro è proprio l'ultima delle possibilità.

Tra l'altro il traghetto che va a Barcellona da Genova, nei periodi normali prosegue fino a Tangeri. Ed al ritorno arriva da lì. Con tutto il rispetto, le lascio immaginare in che stato lo può trovare.....
 
Data la pochezza degli inverni e l'alta pressione sempre piu centrata sulla spagna in epoca di gw non mi
Dalla mia esperienza (ci sono andato solamente quattro volte, ma ogni anno guardo le previsioni perché mi interessa ancora visitare la zona di Jaca e dei Pirenei Atlantici francesi, oltre ad alcune stazioncine minori) sono infatti molto di più le volte che di neve ce n'è poca.
 
Se si reca in zona non si dimentichi questo in austria...piste che arrivano a meno di 600 metri non se ne trovano tante..la cartina dice che la nera che scende a valle arriva a 547 metri...io l'ho già sperimentata...ora tocca a lei...quando apre
Temo che apra molto di rado vista la quota.....

In Slovenia vorrei visitare: Cerkno, Krvavec, Vogel, Kranjiska Gora e forse Maribor (anche se non mi sembra molto interessante da internet).
Poi in Friuli ci sarebbe l'immancabile Sella Nevea, Zoncolan e Tarvisio. Tutte località adatte anche ad un pomeridiano (o mattiniero per lei immagino) vista la loro estensione. Ed un pomeridiano lo farei anche a Forni di Sopra e Piancavallo.

Ce n'è già per due viaggi almeno; forse se andassi in Slovenia innanzitutto mi dedicherei a quella e poi la volta successiva al resto.....

L'unica cosa della Slovenia che mi annoierebbe credo che sia l'attesa tra una sciata e l'altra, visto che non c'è assolutamente niente di nuovo per me da vedere, gli spostamenti sono corti e come paese non mi ha mai fatto impazzire.
 
E poi le avevo già suggerito una volta i Balcani: lì non c'è da prenotare nessuna nave (anche se il traghetto a gennaio lo può prenotare la mattina stessa per la sera trovando posto).
Bansko, Kopaonik e Jahorina una sciata di una giornata la valgono. In Bosnia vicino a Jahorina c'è anche Bjelasnica che un pomeridiano credo che la meriti (c'è una sola linea di risalita con una manciata di piste, ma il dislivello è accettabile). Se non vuole guidare vada ad Ancona e prenda il traghetto per il Montenegro, o come aveva ipotizzato per Igoumenitza, guidando in pratica solo per una direzione al ritorno.
 
Ecco quattro viaggi con la nave per me sono impensabili..e io sono uno da tutto o niente..se inizio una area poi la voglio finire,non accetto che restino fuori localitå..quindi dato che so gia in partenza che a mezzo nave non ho questa possibilita di esplorarli appieno preferisco saltare..quanto ai balcani non posso andare in serbia o bulgaria per sciare in una stazione,devo pensare ad una vacanza generale in loco..quanto alla serbia la sciata potrebbe venir fuori nella vacanza esplorativa nella citta di nis che è li vicina dove ho l'idea di trasferirmi in pensione..treno alta velocita con belgrado,bulgaria e grecia a portata di mano,una clinica ospedaliera di eccellenza in via di inaugurazione,poche tasse,mare e montagna su comode via..da casa mia a nis è tutta autostrada..da nis si va in poco tempo al mare in grecia,la stazione che citava è nei paraggi ed anche bansko non è lontana..quest'anno con le limitazioni del covid ovvio non era l'anno per andare a visitare la citta e il resto
 
Ultima modifica:
Gli stessi vantaggi geografici li ha anche in Bulgaria, ma troverà perlomeno una cucina migliore e qualche connazionale. Ma già questo paese non è il massimo per un trasferimento, soprattutto per chi non sa cosa troverà; la Serbia non l'ho mai percepita come destinazione. Tra l'altro non è nemmeno nella UE.
 
Ecco quattro viaggi con la nave per me sono impensabili..e io sono uno da tutto o niente..se inizio una area poi la voglio finire,non accetto che restino fuori localitå.
I Pirenei si possono dividere in due viaggi. Suvvia, tra un po' sulle Alpi le rimarranno solamente i bassifondi da visitare.
 
Top