Consigli pista/alpinismo

Cocojambo

Ski & Beer
perchè lo escludi?

se ci vai saltuariamente non vedo problemi
 

PIT_

New member
perchè lo escludi?

se ci vai saltuariamente non vedo problemi
Per tutto quello che ho letto, anche in questo forum, a riguardo sia di uno che dell'altro
 

matyt

Non sono il figlio di Mazinga
Allora:
Se l'utilizzo prevalente è fuoripista, magari su giri lunghi/molto lunghi (e 1500 metri di dislivello son molto lunghi...) e l'utilizzo con gli impianti rimane saltuario (e tranquillo...), ribadisco il mio consiglio: uno Shift è troppo, e la tipologia di sci che sarebbero comodi da utilizzare per te è quella che ti ho detto: dai 90 in su, con discreta struttura (ma non troppa), montati full pin.

Se pensi invece di fare 50% pista 50% fuori il suggerimento cambia, e di molto: sci più pesante montato shift, scarpone volendo più pesante (anche se, avendo il Lange a disposizione, nulla ti vieta di usare il tuo pesantone montato shift con lo scarpone da pista per le giornate con impianti, e invece avere uno scarpone più leggero per i giorni di salita).

Però, li sei davvero il solo a poter decidere: tieni conto che lo sci che ti fa 50% pista 50% fuori, che ti tira curve sul millerighe come fosse una spada da gigante, e in più lo riesci a portare per 2000 metri di dislivello positivo non esiste (o meglio, esiste se sei il figlio di manzinga).
Ergo, hai delle scelte da fare (e soprattutto ti devi conoscere bene).
 

Jms-1

Well-known member
Quanti giorni fai sugli ski a stagione?quanti vorresti / potresti farne sulle pelli?
 

PIT_

New member
Allora:
Se l'utilizzo prevalente è fuoripista, magari su giri lunghi/molto lunghi (e 1500 metri di dislivello son molto lunghi...) e l'utilizzo con gli impianti rimane saltuario (e tranquillo...), ribadisco il mio consiglio: uno Shift è troppo, e la tipologia di sci che sarebbero comodi da utilizzare per te è quella che ti ho detto: dai 90 in su, con discreta struttura (ma non troppa), montati full pin.

Se pensi invece di fare 50% pista 50% fuori il suggerimento cambia, e di molto: sci più pesante montato shift, scarpone volendo più pesante (anche se, avendo il Lange a disposizione, nulla ti vieta di usare il tuo pesantone montato shift con lo scarpone da pista per le giornate con impianti, e invece avere uno scarpone più leggero per i giorni di salita).

Però, li sei davvero il solo a poter decidere: tieni conto che lo sci che ti fa 50% pista 50% fuori, che ti tira curve sul millerighe come fosse una spada da gigante, e in più lo riesci a portare per 2000 metri di dislivello positivo non esiste (o meglio, esiste se sei il figlio di manzinga).
Ergo, hai delle scelte da fare (e soprattutto ti devi conoscere bene).
Ti ringrazio davvero, mi hai chiarito tanto e ora riesco a fare una scelta molto piu ponderata. Sicuramente poi gioca il ruolo fondamentale l'esperienza, che a me fuori dalle piste manca un po'. Comunque sicuramente proverò ancora qualche soluzione prendendo il materiale a noleggio e magari testandolo anche in discesa su piste 👍
 

Terios2

Well-known member
Per la descrizione che hai reso di te, il consiglio dei Black Crows Camox Freebird è molto centrata (ocio che ci sono anche i Camox "normali" e per scialpinismo non sono indicati. La denominazione Freebird caratterizza in Black Crows tutta la gamma scialpinistica).
Sono i miei sci e con loro mi trovo benissimo sia in salita (e non sono un califfo delle pelli) sia in discesa fuoripista (e lì me la cavo decisamente meglio). Sulla pista mi sono sembrati dignitosi per quel poco che la ho incrociata, ma sicuramente andranno benone sulla marcia primaverile e sul "crud" ovvero la neve semibattuta dagli sciatori che trovi poco oltre il bordopista (situazione che trovi in pratica l'80% delle volte se scii con impianti e non ti limiti alla pista).
Io li ho montati con Dynafit ST Rotation (che appunto già ti hanno consigliato ottimamente) perchè alle ginocchia ci tengo parecchio (ho anche 62 anni...) e preferisco qualche etto in più ma un valore di sgancio certificato; inoltre, poichè mi sottopongo alla tortura della salita solo per godere della discesa, insomma, quello è l'attacco che ho individuato come migliore scelta.
Scarpone: ho lo Scarpa Maestrale RS (ancora quello bianco nero e giallo), e anche questo ti è stato consigliato. Ecco, con lui ho un rapporto conflittuale: non mi sono mai innamorato, non mi ha mai soddisfatto. Un pò per la pianta (mi crea qualche fastidio all'arco plantare, ma evidentemente è un problema personale) che ho solo parzialmente risolto con dei plantari presi da una scarpa da running, ma soprattutto non mi piace la sua risposta, la trovo poco progressiva nel gambetto quando spingo. Ma sarà un limite mio. Camminata comunque buona e non faticosa (io ho leve corte)
Mi piacerebbe sostituirlo con lo 0G di Tecnica che tutti (guida compresa) giudicano essere una bomba sia in salita che in discesa: devo valutare la calzata perchè è piuttosto aggressiva per la morfologia del mio piede.
Mi incuriosiscono parecchio pure il Dalbello Quantum Asolo Factory 130 e il La Sportiva Vanguard perchè sicuramente più adatti al mio orribile piede largotto con caviglia non da ballerino.

Ah, pelli: se sceglierai i Camox ci sono le loro (quindi sicuro tagliate giuste e, per un principiante delle salite, non è cosa da poco)

Attrezzo che prenderei, in funzione dello sci che sceglierai essendo subordinato alla larghezza del medesimo, è il rampant (o coltelli): aggeggio che ti salva l'intimo se ti trovi su nevi dure e magari devi affrontare traversi (il problema è capirlo prima di doverli montare perchè se ti trovi nella mer@a in genere è già troppo tardi.... salvo non avere aiuti abili)

Sicuramente non è un set che possa soddisfare in pieno un ex agonista in pista, soprattutto nei giorni di neve cannonata, però non esiste soluzione davvero efficace salvo non prendere un set parallelo per le giornate mazinga, magari rivolgendosi a modelli non recentissimi (anche seconda mano per gli sci.... per lo scarpone, piuttosto, mi darei agli scacchi)
 

matyt

Non sono il figlio di Mazinga
@Terios2
L'asolo factory è un po' leggerino per il tuo setup, però.... volevi dire il free?
Valuterei anche il nuovo maestrale, che è un bel passo avanti rispetto a quello vecchio, ed è ottimo per i piedi a pianta larga.... hai anche la scelta tra le tre versioni, che hanno la stessa calzata.
Lo ZeroG è effettivamente molto ridotto di volumi: per me, che sono abituato ad usare uno stivaletto malese da pista, ottimo e molto rassicurante sulle sensazioni.

@PIT_
Quando dicevo "conoscersi" in realtà non parlavo tanto di esperienza fuoripista... non hai sicuramente problemi di tecnica o di "pratica" sciistica.
Parlavo più di chiarezza mentale sull'utilizzo futuro del setup: lo sci che fa tutto bene e perfettamente per tutti non esiste: bisogna scendere a compromessi.
Il compromesso giusto si definisce a valle del capire il caso d'uso.
 

Terios2

Well-known member
@Terios2
L'asolo factory è un po' leggerino per il tuo setup, però.... volevi dire il free?
Valuterei anche il nuovo maestrale, che è un bel passo avanti rispetto a quello vecchio, ed è ottimo per i piedi a pianta larga.... hai anche la scelta tra le tre versioni, che hanno la stessa calzata.
Lo ZeroG è effettivamente molto ridotto di volumi: per me, che sono abituato ad usare uno stivaletto malese da pista, ottimo e molto rassicurante sulle sensazioni.
Si, il Free.
Ha un nome (almeno sulla guida di Skialper) che sembra quello di un narcotrafficante messicano.... Quantum Free Asolo Factory 130.
Per intenderci ha lo scafo blu linguettone nero e ganci nero/arancio. Peso 1,3 kg
Del Maestrale proverei l'XT che, a leggere, dovrebbe avere un gambetto più rispondente alle mie esigenze
 

matyt

Non sono il figlio di Mazinga
Si si! è che il Quantum sarcazzo non-free è uno scarpone leggero leggero leggero.... che con un Camox è perlomeno un po' rischioso.
 

Terios2

Well-known member
Si, con sti nomi ridicoli e simili per tutta una serie di modelli c'è da perdersi.....
 

grazzadany

New member
Per la descrizione che hai reso di te, il consiglio dei Black Crows Camox Freebird è molto centrata (ocio che ci sono anche i Camox "normali" e per scialpinismo non sono indicati. La denominazione Freebird caratterizza in Black Crows tutta la gamma scialpinistica).
Sono i miei sci e con loro mi trovo benissimo sia in salita (e non sono un califfo delle pelli) sia in discesa fuoripista (e lì me la cavo decisamente meglio). Sulla pista mi sono sembrati dignitosi per quel poco che la ho incrociata, ma sicuramente andranno benone sulla marcia primaverile e sul "crud" ovvero la neve semibattuta dagli sciatori che trovi poco oltre il bordopista (situazione che trovi in pratica l'80% delle volte se scii con impianti e non ti limiti alla pista).
Io li ho montati con Dynafit ST Rotation (che appunto già ti hanno consigliato ottimamente) perchè alle ginocchia ci tengo parecchio (ho anche 62 anni...) e preferisco qualche etto in più ma un valore di sgancio certificato; inoltre, poichè mi sottopongo alla tortura della salita solo per godere della discesa, insomma, quello è l'attacco che ho individuato come migliore scelta.
Scarpone: ho lo Scarpa Maestrale RS (ancora quello bianco nero e giallo), e anche questo ti è stato consigliato. Ecco, con lui ho un rapporto conflittuale: non mi sono mai innamorato, non mi ha mai soddisfatto. Un pò per la pianta (mi crea qualche fastidio all'arco plantare, ma evidentemente è un problema personale) che ho solo parzialmente risolto con dei plantari presi da una scarpa da running, ma soprattutto non mi piace la sua risposta, la trovo poco progressiva nel gambetto quando spingo. Ma sarà un limite mio. Camminata comunque buona e non faticosa (io ho leve corte)
Mi piacerebbe sostituirlo con lo 0G di Tecnica che tutti (guida compresa) giudicano essere una bomba sia in salita che in discesa: devo valutare la calzata perchè è piuttosto aggressiva per la morfologia del mio piede.
Mi incuriosiscono parecchio pure il Dalbello Quantum Asolo Factory 130 e il La Sportiva Vanguard perchè sicuramente più adatti al mio orribile piede largotto con caviglia non da ballerino.

Ah, pelli: se sceglierai i Camox ci sono le loro (quindi sicuro tagliate giuste e, per un principiante delle salite, non è cosa da poco)

Attrezzo che prenderei, in funzione dello sci che sceglierai essendo subordinato alla larghezza del medesimo, è il rampant (o coltelli): aggeggio che ti salva l'intimo se ti trovi su nevi dure e magari devi affrontare traversi (il problema è capirlo prima di doverli montare perchè se ti trovi nella mer@a in genere è già troppo tardi.... salvo non avere aiuti abili)

Sicuramente non è un set che possa soddisfare in pieno un ex agonista in pista, soprattutto nei giorni di neve cannonata, però non esiste soluzione davvero efficace salvo non prendere un set parallelo per le giornate mazinga, magari rivolgendosi a modelli non recentissimi (anche seconda mano per gli sci.... per lo scarpone, piuttosto, mi darei agli scacchi)
Ciao, scusa per la domanda , quanto sei alto e che misura hai preso per lo sci . Io sono alto 183 e pensavo al 188
Come attacco anch’io volevo il dynafit st, quello con lo skistopper da 104 è giusto ? Scusa la domanda ma qui dove abito non ci sono negozi da sci alpinismo
 

valexx

Member
Ho fatto 2 stagioni con l’xt come scarpone unico e non mi trovo d’accordo con quello che ti han detto.

Basta sapere cosa uno vuole, per il resto io ci ho fatto tutto
Concordo che è tutto soggettivo, un amico con un orb FB 173 ed un F1 evo abbinato a dei Crest scia in polvere con impianti, in pista, su ripido e su gite da 2000 metri, scia molto bene ed è una scheggia in salita ed ama andare forte in salita, il suo stile è da curve medio strette old stile, ama l'ingaggio alpinistico quando possibile..... Sicuramente non un set da alta velocità nè da curvoni su neve fresca, però scia bene ed è bello anche da vedere, nonostante le curvette.
Quindi si, tutto è soggettivo, l'importante è capire il proprio stile e le proprie ambizioni (in giu ma anche in su) ed andare di conseguenza... :)
 

Terios2

Well-known member
Ciao, scusa per la domanda , quanto sei alto e che misura hai preso per lo sci . Io sono alto 183 e pensavo al 188
Come attacco anch’io volevo il dynafit st, quello con lo skistopper da 104 è giusto ? Scusa la domanda ma qui dove abito non ci sono negozi da sci
Mi spiace, non credo di poterti essere utile: io sono un tappo da 165 cm.
Ho preso il 170 e nelle inversioni “brigo” un pochetto, in compenso in discesa godo.
Sul sito BC esiste una tabella di riferimento per scegliere la lunghezza più consona alla propria altezza e alla propria sciata, per ogni modello di sci: su di me ha funzionato.

Per lo skistopper non saprei dirti, ma non credo sia da 104, sinceramente mi sono fidato del laboratorio da cui ho comprato l’attacco.
 

PIT_

New member
Ho fatto 2 stagioni con l’xt come scarpone unico e non mi trovo d’accordo con quello che ti han detto.

Basta sapere cosa uno vuole, per il resto io ci ho fatto tutto
Esattamente con l'xt cosa hai fatto? Perchè io l'ho provato in negozio e anche a me non sembrava male sia per la mobilità sbloccato sia come rigidità una volta bloccato. Con che sci e attacco lo usi? Ha senso secondo te abbinarlo ad un attacco shift?
 

Cocojambo

Ski & Beer
Esattamente con l'xt cosa hai fatto? Perchè io l'ho provato in negozio e anche a me non sembrava male sia per la mobilità sbloccato sia come rigidità una volta bloccato. Con che sci e attacco lo usi? Ha senso secondo te abbinarlo ad un attacco shift?
Domanda sacrilegio
 
Top