Settimana bianca in Alto Adige

seahawk

Member
Buonasera a tutti.
Premesso che le condizioni lo consentano, avevo individuato a metà marzo la possibilita di prendere un po di ferie e fare una settimana di sci in Alto Adige.
Avevo in mente di visitare diverse località e per questo avrei bisogno di indicazioni sul posto piu strategico dove alloggiare.
Suddividendo i giorni così
-2 giorni in Pusteria(croda rossa, sesto, tre cime) dove non sono mai stato
-2 giorni Valle Aurina , innamorato di Speikboden( dal 2014) e molto curioso di Klausberg
-2 Giorni Plan?? oppure accetto altri consigli. Vorrei visitare anche Racines ma forse mi complicherei la vita.

Siamo due coppie e quando vengo in trentino adoro molto alloggiare in B&B, case vacanze e pensioni a gestione familiare, con ottima cucina tipica e spiccato senso di ospitalità.

Ogni tipo di consiglio e magari qualche suggerimento sono ben accetti
Grazie
:D
 

Beloot

Member
Io resterei 3 o 4 giorni in pusteria a Brunico e farei 1 giorno per ogni comprensorio. I restanti giorni puoi Alloggiare a Vipiteno per provare Racines (spettacolare).
 

GioRad

Well-known member
Io virerei verso il Civetta Ski. Una location che non ha niente da invidiare allo AA, idillici paesaggi e una dimensione ancora a misura di sciatore - secondo i dettami dello slow-skiing.

PS: Lascerei perdere Racines, IMHO troppo distante dall'Alta Pusteria. Tra KronPlatz, Drei Zinnen a Arhntal Arena ci vorebbero due e non una settimana... A meno che tu sia come Missouri.
 
Ultima modifica:

testataecassa

Grande Galaxie addict
da quando ti sei dedicato anima e core al fondo, hai tradito la fede per il Plan? HIHIHI
 

GioRad

Well-known member
da quando ti sei dedicato anima e core al fondo, hai tradito la fede per il Plan? HIHIHI

No è solo che per sbarcare il lunario sono stato assunto da Sperem come suo consulente nell'attività promozionale a favore del Civetta - chessefà pe' campà.

(Il Nostro è al momento totalmente assorbito da un importante iniziativa nel settore agrario da diporto.)
 

testataecassa

Grande Galaxie addict
ti capisco, anche io ho due mutui da pagare a fine mese... HIHIHI
 

Tooyalaket

/dev/rotfl
Sottoscrivo in pieno l’idea di Beloot.
Un giorno per comprensorio e chiusura (in grande stile) a Racines.
Garantito che Racines ti piacerà a patto di essere sciatori di livello almeno medio.
Ciao
 

GioRad

Well-known member
gestione familiare, con ottima cucina tipica e spiccato senso di ospitalità.:D

Consiglio Hotel Silentium, ubicato su una balconata panoramica, circondata da conifere tra Welsberg e Niederdorf. Molto comodo per prendere il Pustertal Express (treno) che scarica sciatori direttamente nell'impianto di risalita per (a) KronPlatz, (b) Drei Zinnen (Sexten).
 

avril

Well-known member
Consiglio Hotel Silentium, ubicato su una balconata panoramica, circondata da conifere tra Welsberg e Niederdorf. Molto comodo per prendere il Pustertal Express (treno) che scarica sciatori direttamente nell'impianto di risalita per (a) KronPlatz, (b) Drei Zinnen (Sexten).

Occhio però agli orari dei treni che non conosce nessuno, gli alberghi fanno spallucce e l’app non tiene conto che alcune corse variano a seconda della stagione e/o sono soppresse nei week ends (e non sono poche).

Unico modo sicuro è andare in stazione, fare una bella foto degli orari e leggere bene il significato di tutte le piccole sigle.

Altrimenti ti trovi a “sperare” che passi il treno HIHIHI

Attenzione anche alla vidimazione della card che ti danno in Hotel, quando sono stato io non c’era verso di farlo né a Versciaco né a Perca perché le macchinette non prendevano la card. Ben due controllori diversi e increduli sono scesi con me in stazione a verificare di persona perché ovviamente per loro non era concepibile :TTTT
 

GioRad

Well-known member
Re: il treno, la cosa da fare, non quest'inverno ovviamente, almeno per ora, è andare in stazione a Monguelfo o Villabassa e prendere il primo che passa.

Normalmente ogni 15-20 min ne passa uno, che va o verso la Drei Zinen o verso KronPlatz. Io spesso lascio decidere alle ferrovie dove passerò la giornata.
 

avril

Well-known member
Ah beh come facevo io a Roma quando trovavo la metro chiusa senza preavviso.

Prendevo il primo autobus che riuscivo sperando che mi portasse non troppo lontanto dall'ufficio HIHIHI
 

Tooyalaket

/dev/rotfl
Re: il treno, la cosa da fare, non quest'inverno ovviamente, almeno per ora, è andare in stazione a Monguelfo o Villabassa e prendere il primo che passa.

Normalmente ogni 15-20 min ne passa uno, che va o verso la Drei Zinen o verso KronPlatz. Io spesso lascio decidere alle ferrovie dove passerò la giornata.

Le rare volte in cui scio al Kronplatz in giornata faccio così: parcheggio dove capita, attendo il treno e smonto a Perca.

Ciao
 

subsahara

Coldest Ice
Re: il treno, la cosa da fare, non quest'inverno ovviamente, almeno per ora, è andare in stazione a Monguelfo o Villabassa e prendere il primo che passa.

Normalmente ogni 15-20 min ne passa uno, che va o verso la Drei Zinen o verso KronPlatz. Io spesso lascio decidere alle ferrovie dove passerò la giornata.

Questo è un modo di agire poco mitteleuropeo.
Oggi vado al Plan? Inshallah! Se dio vuole! lasciamo decidere a Colui che tutto abbraccia.
E' un approccio un po' mediorientale adatto, più che alla Pusteria, ai resorts del Libano (o al Mottarone).
 

seahawk

Member
Consiglio Hotel Silentium, ubicato su una balconata panoramica, circondata da conifere tra Welsberg e Niederdorf. Molto comodo per prendere il Pustertal Express (treno) che scarica sciatori direttamente nell'impianto di risalita per (a) KronPlatz, (b) Drei Zinnen (Sexten).

Salirò con l auto e quindi non ho bisogno del treno. in ogni caso ora do un occhiata all hotel che mi hai consigliato
:D
 

GioRad

Well-known member
Questo è un modo di agire poco mitteleuropeo.
Oggi vado al Plan? Inshallah! Se dio vuole! lasciamo decidere a Colui che tutto abbraccia.
E' un approccio un po' mediorientale adatto, più che alla Pusteria, ai resorts del Libano (o al Mottarone).

E' un approccio intelligente, che dà risultati ottimali - detto da uno che di vissuto, sulla problematica in oggetto, ne ha più di un montanaro locale.
 
Top