DA TONI E BEPI: Giro della Croda dei Tòni 22-23 agosto 2016

Blitz_81

Ravanatore seriale
È passata quasi una settimana dal fattaccio, nel frattempo c' è stato solo un giretto al Rifugio Vandelli per accompagnare delle amiche al Lago di Sorapíss, oltre ad un giro abortito per meteo "non soddisfacente" in zona Cridola...

È ora di rimettersi in movimento, seriamente, cosí decido di fare un giretto al Rifugio Carducci per provare i canederli all' ortica del Bepi, e la nuova ferrata attorno alla Croda dei Toni, allestita 2 anni fa in sostituzione di un sentiero bello ma inagibile da anni poiché ad ogni starnuto del cielo veniva giú tutto...

L' idea è quella di salire per la Val Giralba: so che il sentiero è chiuso con ordinanza da un paio d' anni perché la parte bassa è stata cancellata da vari franamenti, ma un amico del posto mi dice che si può bypassare seguendo il greto del torrente, dove sono stati posizionati anche degli ometti, basta che non piova, o non abbia appena piovuto.

Bene, la sera prima diluvia, da casa sento anche la sirena di allarme di una frana, mi sa che gli ometti del torrente avranno le pinne... :AFF:

Salire dalla Val del Marden non se ne parla, c' ho già lasciato 50 litri di sudore 3 anni fa in quel forno :sudato:
opto quindi per turarmi naso e orecchie (ma spalancare gli occhi vista la quantità di gnagna HIHIHI ) e partire dal parcheggio delle Tre Cime, traversando per il Rifugio Lavaredo, i Laghi di Cengia e Forcella della Croda dei Tòni: praticamente spezzo l' anello facendone una parte già il primo giorno.

Partenza con calma, il traffico non è eccessivo, ma quando arrivo a Misurina ecco la sorpresa: strada chiusa per parcheggio pieno :shock: ci vorrà almeno 1 ora :XX
Mi rassegno e aspetto, fortunatamente dopo mezzora riesco a passare, ed in breve sono a parcheggiare nel carnaio.

Subito mi da il benvenuto il tripudio di guglie dei Cadini di Misurina :skiamo:

IMG_3747_zpszmknrzgr.jpg


seguito dalla maestosità del gruppo del Cristallo :ad:

IMG_3749_zpsfb6uheqj.jpg


mentre sopra la testa ho la Cima Ovest di Lavaredo

IMG_3753_zpsxy1nkoel.jpg


Zaino in spalla, e mi avvio lungo il sentiero 101, direzione Rifugio Lavaredo

IMG_3755_zps6fgzqjsh.jpg


IMG_3757_zps9njnymaw.jpg


Il sentiero, che integralmente comprenderebbe il passaggio per i rifugi Lavaredo, Locatelli, Pian di Cengia e Comici, con la successiva Strada degli Alpini e discesa ai rifugi Berti e Lunelli, in questo tratto segue la strada militare che, provenendo da Misurina (attuale strada a pedaggio delle Tre Cime), collegava le retrovie italiane di Forcella Longeres con le posizioni dei Piani di Lavaredo, costeggiando il versante meridionale delle Tre Cime e godendo della vista, sullo sfondo, della possente Croda dei Tòni (tuoni; i Pusteresi la chiamano piú innocuamente Zwölferkofel - Cima Dodici, per la sua posizione nella meridiana di Sesto) la montagna che, come dice Berti, "comincia dove le altre finiscono" :ad:

IMG_3756_zpsr48dqy6a.jpg


allontanandosi dal parcheggio, ed affacciandosi sul Valón de Lavaredo, compaiono le Marmarole :skiamo: e, piú lontane, le gotiche Dolomiti d' Oltrepiave :ad:

IMG_3760_zpsrv0igzpb.jpg


Percorrendo la strada, facendo lo slalom tra passeggini, selfies e foto con pose da supereroe ( :shock: ) mi rendo conto di quanto siano mutevoli le Tre Cime: un Pelmo, un Antelao, un Cristallo, bene o male si riconoscono da tutti i lati; le Tre Cime invece mutano forma al variare del punto di osservazione: ma non è che si ok girano; no, passano da una vela, alla classica immagine da cartolina, a un castello, a dei missili in rampa, allucinante... durante questo viaggio ne vedrò una buona parte.

Per il momento si manifestano come crode sopra la mia testa

IMG_3765_zpscrj1wru9.jpg


mentre LA Croda, quella dei Tòni, sembra volersi fagocitare tutto da un momento all' altro, fa impressione :PAAU

IMG_3768_zpslviouhil.jpg


ecco inizia la metamorfosi

IMG_3770_zpskal5wjd8.jpg


IMG_3772_zpstb3tdkps.jpg


spuntano delle torri

IMG_3777_zpstelkhzyt.jpg


MISSILI PRONTI AL LANCIO!

IMG_3781_zps6sgf6nuj.jpg


MENO DIECI, NOVE, OTTO...

IMG_3786_zpsrkyqoqi1.jpg


Dietro la curva compare il Rifugio Lavaredo, sormontato dalla Croda Passaporto

IMG_3787_zpsuvqqfmr9.jpg


mentre la batteria missilistica si trasforma in un castello medievale :shock:

IMG_3789_zpsymmi4it1.jpg


Superato il Rifugio Lavaredo la folla cala: la maggior parte si ferma là, un' altra buona parte sale lungo il sentiero alto verso Forcella Lavaredo (teatro, nell' ultima puntata di Un Passo dal Cielo, di un epico duello dal sapore western tra Terence Hill ed un bandito), pochi restano sulla strada (che conduce anch' essa alla forcella)

IMG_3794_zps7ferg8lk.jpg


Raggiungo i ruderi di una baracca

IMG_3800_zpsrhnvmlyk.jpg


e quando mi giro la metamorfosi è completa: il castello di Dracula fa meno paura :PAAU

IMG_3801_zpsevzo3a7r.jpg


Raggiungo anche un bivio: dritti si proseguirebbe col 101 per Forcella Lavaredo e il Rifugio Locatelli, io prendo il sentiero 104, direzione Rifugio Carducci

IMG_3804_zpsgb7csnpz.jpg


Anche questo sentiero in realtà è una strada, anch' essa costruita durante la guerra: strada importantissima, poiché collegava la retrovie dei Piani di Lavaredo con quelle del Lago di Cengia, e da là verso le linee di Passo Fiscalino, Collerena, Forcella Croda dei Tòni e Forcella Giralba (da dove partiva anche il sentiero per le creste di Cima Undici, dove i mitici Mascabroni - Alpini scelti dei Battaglioni Cadore e Fenestrelle - al comando del Capitano Giovanni Sala preparavano l' epica impresa di Passo della Sentinella).

IMG_3805_zpspkn3wt9i.jpg


Subito incontro i piccoli Laghi di Lavaredo

IMG_3807_zpsdbgknemh.jpg


poi comincio la discesa verso Pian di Cengia Basso

IMG_3815_zpsk6kr4liy.jpg


Quando aggiro la Croda Passaporto non posso dire di rimanere sorpreso, poiché già da un pezzo la vedevo troneggiare, ma imbambolato, intimorito, con un urlo strozzato in gola, questo si.
La grande Signora si manifesta in tutta la sua maestosità, la montagna che comincia dove le altre finiscono. Appunto. ELAMADONNA :shock: :shock: :shock: :ad: :ad: :ad:

174190-toni-e-bepi-img3823.jpg


Guardando verso la Val di Cengia si riconoscono già chiaramente Punta de l' Agnel e Campanili del Marden

IMG_3825_zpse74chns0.jpg


dalla valle sale un allegro scampanellio: è una mandria di cavalli al pascolo, e ce ne sono di tutte le razze e di tutti i colori :love:

IMG_3831_zpspeopfogi.jpg


Attraverso il greto del vallone che scende dal Ciadín del Passaporto

IMG_3832_zpsbbhe9528.jpg


e proseguo passando sotto le ultime propaggini del Paterno: la modalità è total relax :MUCCA

IMG_3833_zpsknbxgzqu.jpg


attraverso quel ghiaione passa uno dei sentieri di rientro della ferrata

IMG_3840_zpseobpbxrk.jpg


Arrivo a quota pascoli, e davanti compare il Monte Cengia, che inutilmente prova a nascondere la grande Croda

IMG_3845_zpsbagnufpm.jpg


mentre la vista verso valle è chiusa in fondo dalle sempre meravigliose Marmarole :skiamo:

IMG_3846_zpsvujtudpq.jpg


Supero l' incrocio col sentiero 1107 per la Val di Cengia, ed inizio la breve e leggera salita verso Pian di Cengia Alto

IMG_3854_zpshxp5ybjm.jpg


Passo sotto lo sperone alla base delle Crode dei Piani, dove passa un vecchio sentiero di guerra utilizzabile come "scorciatoia" verso Forcella Pian di Cengia e Passo Fiscalino

IMG_3858_zpsy5sndug9.jpg


ed eccomi all' azzurro laghetto, la cui conca è sbarrata dal Collerena

IMG_3861_zpsvcjmsh7v.jpg


Proseguo lungo la strada, passando sotto le Crode dei Piani: ora la scorciatoia si vede bene.
In basso, fuori dalla strada, c' è un piccolo monumento: penso ad uno dei tanti monumenti commemorativi eretti dopo la guerra, domani scoprirò la più triste realtà...

IMG_3869_zps9lfryvr6.jpg


Adesso si ricomincia a salire, sempre senza tanti sforzi

IMG_3876_zpsflscwnjw.jpg


IMG_3880_zpsxaynlks7.jpg


fino ad arrivare ai resti di quello che era un vero e proprio villaggio militare

IMG_3884_zpsy7v4sn56.jpg


al villaggio c' è un bivio: prendo il sentiero 107 in direzione Bivacco De Toni (quasi omonimo della grande Croda, ma qua si riferisce ad un cognome)

IMG_3885_zpsmtnti1xv.jpg


Pur non essendo piú una strada, anche questo sentiero è comunque di origine militare

IMG_3886_zpski1c9hzj.jpg


do un ultimo sguardo ai Piani di Cengia dominati da cime una piú bella dell' altra

IMG_3901_zpswzqsnqvb.jpg


e poi via verso Passo del Collerena

IMG_3897_zpszi9lxlmc.jpg


mentre alle spalle i Tre Scarperi si aggiungono alla collezione :skiamo:

IMG_3904_zpswyaxpml0.jpg


salgo dei brevi tornanti, e la Croda dei Toni torna a farsi vedere :YIGO

IMG_3913_zpsqjdwq5h2.jpg


il sentiero spiana nuovamente

IMG_3914_zpso04fscpc.jpg


e passa davanti l' ingresso di una caverna di guerra

IMG_3918_zpshianhonx.jpg


e a quel punto la grande Signora assume quella che ritengo una delle sue forme piú affascinanti: sembra un cristallo precipitato dal cielo e conficcatosi nella terra :skiamo: :skiamo: :skiamo:

174191-toni-e-bepi-img3920.jpg


In breve raggiungo la Forcella della Croda dei Tòni, caratterizzata da un capitello con campanella dedicato a degli alpinisti triestini qui caduti negli anni '50

IMG_3924_zps0cigjxsc.jpg


Qua mi fermo per il mio solito "pranzo", ormai i gracchi hanno imparato a riconoscermi e manco si avvicinano piú HIHIHI

Bene, a stomaco "pieno" ( :rotlf: ) posso anche dedicarmi al panorama:

da una parte Marmarole, Sorapiss, Cadini, Cristallo e Tre Cime

IMG_3928_zpsckmkltef.jpg


dall' altra l' imponenza di Cima Undici, la casa dei Mascabroni

IMG_3926_zpsbm1pdx3h.jpg


Inizio a scendere il sentiero senza numero che si raccorda al sentiero che collega i rifugi Zsigmondy-Comici e Carducci: sulle cartine è segnato come traccia facile...
sisi proprio HIHIHI

IMG_3932_zpshjgtowpj.jpg


proprio zero ripido HIHIHI

IMG_3940_zpsutk2hapq.jpg


qua stiamo entrando nel vivo del fronte, e si iniziano a trovare i primi reticolati

IMG_3937_zpsa0xzhqdd.jpg


in lontananza, in basso, compare il Rifugio Zsigmondy-Comici, dominato da Pulpito Alto e Cima Una

IMG_3947_zps1y2fwi2b.jpg


mentre aggirando la grande Croda mi trovo di fronte la Cresta Zsigmondy e il grandioso Popèra

IMG_3944_zpsxqexgixq.jpg


sopra la testa le imponenti pareti della grande Signora incutono soggezione :PAAU

IMG_3945_zpsmf55uxjc.jpg


il sentiero adesso taglia i ghiaioni a mezza costa, ed arrivano le sorprese: da una parete cosí incombente, severa, chi se l' aspetta di vedere spuntare torrette e spuntoni del genere??

IMG_3953_zps6ddjgvcp.jpg


Tra una ghiaia e l' altra arrivo ad immettermi nel sentiero 103, che collega la Val Fiscalina con la Val Giralba

IMG_3966_zpsdz5z5apu.jpg


e raggiungo in breve il Lago (poco) Gelato

IMG_3969_zps53xcuvpp.jpg


alle spalle il Pulpito Alto domina la Val Fiscalina

IMG_3968_zpsmsksoozt.jpg


Ultime fatiche tra le ghiaie

IMG_3970_zpsn85jkxqx.jpg


mentre gli sbarramenti di reticolato si fanno piú frequenti

IMG_3977_zpsix04uqos.jpg


arrivo cosí all' ampia insellatura di Forcella Giralba, sotto la Piccola Croda dei Tòni

IMG_3987_zps2ualjnv7.jpg


da qua mi affaccio sulla conca dominata da Croda Berti, Cima d' Auronzo e Punta Maria: ancora poco e sono in rifugio! :PPINK

IMG_3988_zpsmwbe9hzs.jpg


La tabella indica la via

IMG_3989_zpspnktfpp6.jpg


e al cospetto del Monte Giralba di Sopra comincio la discesa

IMG_3998_zpsrp60di36.jpg


IMG_4003_zpswukttteb.jpg


Eccomi arrivato al Rifugio Carducci, dove passerò la notte! (foto presa la mattina)

IMG_4012_zps9cjpqlqk.jpg


Faccio una doccia, mi rilasso un po' e sono pronto per la cena :semagna:
E qua c' è da fare una digressione culinaria: alcuni rifugi, anche in condizioni meno disagevoli (al Carducci niente jeep né teleferica, i rifornimenti devono arrivare in elicottero) propongono a chi fa la mezza pensione roba tipo sbobbe e cotolette surgelate, altrimenti se si vuole mangiare qualcosa di decente bisogna andare "à la carte"; al Carducci questo non è concepito: con la mezza pensione ti propongono il loro top di gamma, in particolar modo i canederli, per i quali il mitico Bepi, il gestore, ha una vera passione: quando non è a "rampegar" in giro (compresa l' Himalaya), è a impastar canederli!
Oltre al classico tris di canederli, propone i suoi canederli all' ortica: scelgo questi, sono salito apposta per provarli (se fossi salito dalla Val Giralba, il giro mi avrebbe fatto tornare al Carducci l' indomani a pranzo, e avrei potuto provare anche il tris "classico").
Bene, questi canederli all' ortica sono qualcosa di fuori di testa, di un altro pianeta, incredibili, fotonici, strepitosi, meravigliosi! :arf:
Da soli potrebbero valere le 3/4 ore necessarie per raggiungere il rifugio.
F E N O M E N A L I
Di secondo, opto per una piú tradizionale salsiccia con polenta, ma quei canederli sono rimasti nel cuore.
Galattici.

Nel frattempo arriva il tramonto, zompo fuori per non perdermi l' Enrosadira :YIGO

IMG_4014_zpsvnitcnxl.jpg


Davanti al rifugio si illumina la Croda de Ligonto

IMG_4015_zpsos6f4ffz.jpg


Mentre in fondo le Marmarole sono un' unica cresta rossa :skiamo:

174192-toni-e-bepi-img4017.jpg


Bene, soddisfatto del tramonto, comincio a prendere il mio sonnifero :DRUNK
 
Ultima modifica:

Blitz_81

Ravanatore seriale
Vado a dormire prendo sonno come un pero, ad un certo punto mi sveglio, guardo l' ora pensando siano tipo le 2 di notte, sono le 6: mi sono fatto 7 ore e mezza filate!!! :shock:
Bene, manca una ventina di minuti all' alba: caxxeggio un po', dopodiché con calma esco a vedere se si becca qualcosa.

La cresta sopra il rifugio non diventa tinta fuoco come al solito, diventa ROSA :shock: :shock: :shock: :arf: :arf: :arf:

174193-toni-e-bepi-img4023.jpg


mentre davanti, le Marmarole sembrano avere l' abbonamento HIHIHI

IMG_4031_zpslwqkd8ub.jpg


Bene, tutto contento vado a preparare lo zaino e scendo a far colazione, saluto il mitico Bepi e il suo staff, e mi metto in marcia lungo il sentiero 107, destinazione Bivacco de Toni e Lago di Cengia

IMG_4038_zps5npuncck.jpg


Il sentiero comincia puntando alle estreme propaggini sudorientali della grande Signora

IMG_4039_zps9bnhgrez.jpg


Si scende nella conca dove poco distante si vede il piccolo Lago Nero

IMG_4050_zpstqjqp7s4.jpg


alle spalle, le creste della Croda dei Toni

IMG_4052_zpsnyxncqcl.jpg


pian pianino mi avvicino alle ghiaie

IMG_4055_zpsbo9ajurk.jpg


mentre tra il Monte Giralba di Sotto e la Croda de Ligonto il sole esce a scaldare :YIGO

IMG_4057_zpsonzezeu6.jpg


questa prima parte è piacevolissima, in leggera discesa perfetta per scaldare le gambe

IMG_4060_zpsaxvhi2um.jpg


Finita la discesa si attraversa un po' di brulleria

IMG_4074_zpshzotmww3.jpg


e si inizia a salire verso la comoda spalletta ghiaiosa

IMG_4078_zps2gtm4mc1.jpg


Prima di cambiare versante, guardo un' ultima volta la Forcella Giralba

IMG_4079_zps9h9yw2bf.jpg


ed il rifugio, dominato dal Monte Giralba di Sopra

IMG_4094_zpsf24auuwj.jpg


Una volta cambiato versante, il sentiero diventa una comoda passeggiata in quota :MUCCA puntando alla Forcella Maria che separa le Cime Pezziòs dalla Torre Maria

IMG_4093_zpswtviugto.jpg


Ad un certo punto credo di avere le traveggole...
Penso un attimo... no, non ho bevuto grappa a colazione... non ho neanche fumato cose strane...
Che cavolo è quell' affare la??? :shock: resti di una colonizzazione aliena? abitanti dell' Isola di Pasqua in trasferta sulle Dolomiti? :pAZ

IMG_4098_zpsmbempd1w.jpg


gli passo dietro, e da qua sembra quasi una moka HIHIHI

IMG_4104_zpsq1hyc8tw.jpg


Va bon, rimettiamoci in marcia va... e stiamo attenti, che qua il sentiero si fa piú fastidioso...

IMG_4109_zpslxocgmyq.jpg


intanto alle spalle lo scenario è chiuso dai monti Giralba di Sopra e Giralba di Sotto

IMG_4111_zpslg421h57.jpg


Arrivo all' inizio delle attrezzature: con tutta calma mi imbrago e mi preparo, mentre mi raggiunge una coppia padre-figlio di Venezia che avevo conosciuto in rifugio. Saranno i miei compagni di viaggio per un lungo tratto, e devo dire ottimi compagni: andatura simile alla mia, ci facciamo il giro ciascuno per i fatti propri, ma rimanendo sempre a portata visiva o quasi, e beccandosi a far due chiacchere in qualche punto di pausa.
Li lascio andare avanti

IMG_4112_zpsorefabuc.jpg


poi mi avvio anch' io: questo primo tratto fa ancora parte del sentiero "storico", ed il cavo è sostanzialmente un corrimano per agevolare la salita

IMG_4114_zpsfph6d9ys.jpg


IMG_4119_zps8dtshnui.jpg


arrivo in vista di Forcella Maria

IMG_4122_zpsjchlvzuy.jpg


qua avviene la separazione tra il tracciato "storico" e la nuova Ferrata Severino Casara: il vecchio sentiero scendeva per sta roba qua :shock: direi che hanno fatto abbastanza bene...

IMG_4123_zpsdbau8mai.jpg


si inizia subito in cengia

IMG_4126_zpstvuuzsfx.jpg


seguita ed in breve arriva il primo dei due ponticelli: ora, io non sono cosí appassionato dei ponti sulle ferrate, ma in un' ottica di sfruttare i punti deboli che la montagna offre ci sta... certo, si sarebbe potuto fare altrimenti, ma si sarebbe rischiato di aumentare la difficoltà tecnica del percorso, spostando la concentrazione su di essa anziché sull' ambiente spettacolare attraversato, cosa che poteva aver senso in posti insulsi, ma non in posti grandiosi come questi, quindi a mio avviso hanno fatto la scelta giusta
(tanto a mettere "pepe" ci pensa già il passo del gatto subito dopo il ponte HIHIHI )

IMG_4127_zpsy7kmlquv.jpg


passo che dall' altro lato sembra una bocca pronta a mangiarsi gli escursionisti :PAAU

IMG_4129_zpsy5imrxdp.jpg


come dicevo questa ferrata è improntata a valorizzare piú la spettacolarità dell' ambiente che il lato tecnico (in controtendenza con le ferrate moderne che esasperano il lato tecnico in ambienti spesso insulsi, ferrate poi che non servono a nulla perché partono da un parcheggio per arrivare ad un altro e non sono inseribili in giri di ampio respiro) ed infatti passata la cengia comincia a seguire una (quasi) tranquilla traccia di sentiero sui verdi, regalando panorami impressionanti.

Alle spalle lo scenario è chiuso dalla Croda Gravasecca

IMG_4134_zpsjce7ncza.jpg


mentre davanti sono le Marmaròle a dare spettacolo :skiamo:

IMG_4138_zpslfdayw74.jpg


addirittura in un punto il Pupo delle Marmarole sembra un mirino puntato sul Duranno, il re dell' Oltrepiave

IMG_4139_zpsemxnhvvo.jpg


alternando qualche tratto su cengia attrezzata a qualche tratto di sentiero sui verdi, si arriva in vista del Col de l' Agnel

IMG_4158_zps4vjfidxb.jpg


poi spunta anche la Punta dell' Agnel, che si alza da ghiaioni poco rassicuranti...

IMG_4163_zpsyjrkvnfq.jpg


intanto il percorso va a scendere verso un canale

IMG_4164_zpsdbmqlgzb.jpg


Via giú!

IMG_4174_zpsmukktkex.jpg


si prosegue dentro e fuori tra cenge e canaletti

IMG_4180_zpsxbejinx1.jpg


IMG_4182_zps59he7qqw.jpg


con qualche breve tratto verticale a condire il tutto

IMG_4183_zpsvm5jltqx.jpg


ad un certo punto una cengia attrezzata inizia a "coprirsi" anticipando quello che sarà il breve tratto pruriginoso del giro

IMG_4189_zpsltegenfv.jpg


un passo del gatto che piú che altro è un passo della sottiletta: per fortuna che da inizio stagione ho perso 4 kili: provvidenziale HIHIHI

IMG_4197_zpsd2klycaq.jpg


IMG_4198_zpsp1hmixye.jpg


non so come, ma riesco a mettermi in posizione "safe" (non ci vuole molto, basta incastrarsi HIHIHI ) e "comoda" e a fotografare "fuori

IMG_4204_zpsosqgmxac.jpg


Ne vengo fuori, e dopo un altro aggiramento in cengia compare la Forcella de l' Agnel, tra l' omonima Punta e la Cima di Auronzo, e si vede anche il minuscolo puntino rosso del bivacco!

IMG_4209_zpscypun38k.jpg


IMG_4210_zpsgobdhptf.jpg


arriva un breve tratto verticale: l' ultimo

IMG_4217_zpsjgbnuwsq.jpg


che porta ad un terrazzino con bella vista sulla Cima di Auronzo

IMG_4220_zpswujbhf7h.jpg


Una breve cengetta porta al secondo ponticello, non so, ma come posizione mi piace di piú rispetto al primo

IMG_4226_zpslfrc0b8x.jpg


Faccio una foto verso "fuori"

IMG_4230_zpsmvyzskft.jpg


e mi avvio verso l' ultimo tratto in cengia: bisogna approfittarne per riposarsi perché poi arriva la gran ravanata :sbonk:

IMG_4233_zpshjvxuai5.jpg


Dopo l' ultimo aggiramento, si sbuca sull' infame canalone

IMG_4247_zpsxlue1xtn.jpg


IMG_4246_zpsoi3ubn90.jpg


eccolo che mi aspetta

IMG_4249_zpsxfga4jgx.jpg


mettiamola cosí, il panorama dal canalone è bello, con vista sparata sulle Marmarole :YIGO

IMG_4252_zpsz5e7edwn.jpg


il problema è andar su :SPE

IMG_4259_zpszmswzdl4.jpg


supero il primo infido tratto slavato, poi il sentiero taglia il ghiaione e si umanizza

IMG_4263_zpsgmlyistx.jpg


Arrivo al punto in cui il nuovo sentiero si riallaccia a quello "storico"

IMG_4264_zps4edti0wj.jpg


Se prima dicevo che hanno fatto bene a sostituirlo, adesso dico che hanno fatto benissimo!
Il vecchio infatti scende per una roba che a confronto la discesa che ho fatto l' anno scorso da Forcella Anna era una passeggiata da fare in converse :PAAU

IMG_4272_zpszj55jmhy.jpg


Forza e coraggio, la forcella si avvicina!

IMG_4270_zpsiexasjew.jpg


La Cima d' Auronzo ormai è di fronte! :YYY

IMG_4293_zpsorwbck4m.jpg


Oddio è sparito il bivacco? :aaahhh:
ah no è dietro il masso HIHIHI

IMG_4295_zpssvrzy16m.jpg


Ed eccomi arrivato al Bivacco De Toni, fine dello sbudellamento :sudato:

IMG_4300_zpsdmt6pv8w.jpg


mi godo il panorama su Auronzo ed il suo lago

IMG_4274_zps4dh6pu7n.jpg


Poi mi godo il meritato riposo e la :sig: della soddisfazione :YIGO
Riposato e fumato, mi rimetto in marcia raggiungendo subito la sovrastante Forcella de l' Agnel

IMG_4303_zps92mijouk.jpg


SBADADAM arriva una legnata che mi spezza le ginocchia :shock: :shock: :shock: :skiamo: :skiamo: :skiamo:

174194-toni-e-bepi-img4307.jpg


e i Tre Scarperi sembrano voler montare in groppa a tutto il resto :shock: :ad:

IMG_4308_zpspdxhaokq.jpg


Comincio a scendere lo sbudellamento

IMG_4314_zps6impkki8.jpg


fino a che il sentiero comincia a tagliare in costa i ghiaioni alla base della grande Signora

IMG_4317_zps2g03dene.jpg


arrivo al bivio col temibile sentiero 106 che sale dalla Val del Marden, sudo come un matto al solo pensiero di quando l' ho salito tre anni fa :sudato:

IMG_4320_zps2ddthhiv.jpg


adesso il giro della Croda dei Tòni passa per uno dei punti piú spettacolari ed impressionanti al tempo stesso: mentre davanti il panorama è cinema puro, sopra la testa incombono le poderose pareti della grande Signora :ad:

IMG_4322_zpsto2krwzg.jpg


IMG_4323_zpsnrsknon8.jpg


Questo sentiero è sostanzialmente il mio ideale: una brulla traversata HIHIHI

IMG_4324_zps523h5ynx.jpg


il mio sogno

IMG_4325_zpsndohqq1c.jpg


Ad un certo punto una serie di reticolati indica che stiamo tornando in zona fronte

IMG_4327_zps7xkppiif.jpg


mentre in fondo inizia a farsi vedere il nevaietto finale

IMG_4330_zpsh6fbvynp.jpg


Aggiro un colletto a sinistra, e compaiono le Tre Cime nella loro versione piú slanciata, piú sexy: sono S P E T T A C O L A R I :skiamo: :skiamo: :skiamo:

174195-toni-e-bepi-img4336.jpg


alle spalle, guarda che brulleria :arf:

IMG_4353_zps5turg27w.jpg


IMG_4354_zpsuzn5wz8u.jpg


mmm c' é qualcosa che non mi quadra... ok, in fondo è comparso il Cristallo ( :ad: ) normale, l' avevo visto anche ieri... ma è dietro che... no non può essere :???
Tolgo gli occhiali da sole, guardo meglio

E INVECE SI, È LA REGINA!!!!! :shock::shock::shock:

IMG_4360_zpsqg5egg75.jpg


Mi riavvio verso il nevaietto

IMG_4364_zpsaxptds2j.jpg


Mmmm bella questa! la traccia passa in mezzo, ed è assicurata con un cavo che lungo il nevaio è tenuto su da due pali piantati nella neve...
si, solo che sono stati piantati probabilmente a inizio stagione, e adesso con sto caldo si è sciolta e sembrano parecchio... pericolanti :PAAU

IMG_4365_zpsag533aok.jpg


mi raggiungono i due veneziani (li avevo superati al bivacco), facciamo il punto della situazione :???
Loro sono ancora imbragati, decidiamo di andare nell' ordine padre, figlio, e io a chiudere.
Appena parte i due paletti, come prevedibile, vengono via, comunque riesce ad attraversare senza troppi patemi.
Parte il figlio, il padre gli da una mano, e via anche lui.
Parto anch' io (pigramente non mi sono reimbragato, ma consiglio di farlo), via passo...
Il padre, dopo aver dato una mano a me, resta a dare una mano anche a due tedeschi (a occhio anch' essi padre e figlio) che ci seguivano: questo è lo spirito della Montagna.
Io e il figlio intanto ci portiamo in alto in zona "tranquilla" superando un breve tratto attrezzato (quand' ero passato nel 2013 la neve era ben piú alta, non c' era il cavo coi paletti, e si arrivava direttamente sopra al secondo tratto attrezzato :shock: )

IMG_4371_zpswa4kecsi.jpg


IMG_4372_zpsvwbzp7fj.jpg


Da qua posso riguardare con calma tutta la brulleria percorsa da Forcella de l' Agnel a qua sotto :arf:

IMG_4378_zpsys0rnhra.jpg


Ripartiamo per l' ultimo breve tratto ghiaioso fino a Forcella della Croda dei Tòni

IMG_4383_zps0vangzg0.jpg


guarda che razza di ambiente :arf:

IMG_4387_zps9oupa7k7.jpg


Arriviamo in forcella: da una parte fa bella mostra il Paterno

IMG_4390_zps2upzlgy3.jpg


dall' altra i ghiacciai austriaci dominano lo sfondo

IMG_4391_zpsqlvgsq2x.jpg


ah poi ovvio, girandosi ancora ci sono Loro col Cristallo a fare da sfondo HIHIHI

IMG_4389_zpsi0qcwfme.jpg


Bene, il clou del giro è concluso, adesso il sentiero si congiunge alla comoda traccia che avevo salito ieri

IMG_4396_zpsqmofjyrw.jpg


con le Marmarole ed il Sorapíss che sono ricomparsi

IMG_4399_zps5gzics3v.jpg


mentre davanti punto dritto a questo delirio Dolomitico :arf: :skiamo:

174196-toni-e-bepi-img4405.jpg


supero il Passo del Collerena, e davanti mi ritrovo la conca sovrastante i Piani di Cengia, col suo reticolo di sentieri e postazioni

IMG_4412_zpszuzu3zvx.jpg


Qua saluto i due compagni di viaggio e ci scambiamo i contatti, belle queste conoscenze che nascono sui monti!
Loro prendono una scorciatoia per Passo Fiscalino e il Rifugio Pian di Cengia, io proseguo verso il "villaggio"

IMG_4415_zpsp5ezxplc.jpg


qua riprendo il sentiero 104

IMG_4418_zpsu4r2ql8l.jpg


ma scendendo verso il lago mi incuriosisce l' obelisco visto ieri, troppo particolare quel "recinto attorno"...
Ho un triste sospetto, e decido di andare a verificare

IMG_4420_zps5guc2ynl.jpg


Quando arrivo giù scopro che purtroppo il sospetto era fondato: è un cimitero di guerra, dove sono stati sepolti degli Artiglieri travolti da una valanga il 25 febbraio 1916

IMG_4422_zpsapey4b60.jpg


Riparto mestamente costeggiando il lago

IMG_4431_zpsndyp6ayu.jpg


e scendendo verso la base della Croda Passaporto

IMG_4438_zpsumkqmg7l.jpg


IMG_4449_zps8euas4rr.jpg


Attraverso il greto, e adesso la strada comincia a risalire: sono solo 200 metri di dislivello, ma inizia a fare caldo :sudato:

IMG_4461_zps08o03nzz.jpg


passo sotto la Croda Passaporto

IMG_4468_zpshn4ippke.jpg


saluto per l' ultima volta la grande Signora :skiamo:

IMG_4472_zpsgqxwyakl.jpg


e arrivo sotto i Piani di Lavaredo: dai che ci siamo!

IMG_4474_zpsklthvrgm.jpg


Passo il laghetto, e le Tre Cime hanno ripreso la forma di immenso castello, con lo Spigolo Giallo in bella mostra :ad: :ad: :ad:

174197-toni-e-bepi-img4480.jpg


Bene, non mi resta che scendere al Rifugio Lavaredo e godermi lo spettacolo su Cadini e Marmarole

IMG_4481_zpss4nz4hif.jpg


E dopo lo spettacolo della natura, mi godo anche lo spettacolo delle Penne Lavaredo! :skipasta:
Buonissime, e soprattutto, io quasi mi vergognavo a chiedere razione "abbondante", mi hanno letto nel pensiero e c' hanno pensato loro! GRANDI!

Dopo la mangiata che mi ha fatto riprendere i chili persi col giro, mi rimetto in cammino lungo l' ultimo breve tratto sul sentiero 101

IMG_4483_zpsjcnzwoce.jpg


L' avventura ormai è finita, devo dire che il giro è andato benissimo sia per il meteo, sia per i panorami, sia per le mangiate HIHIHI sia soprattutto perché mi sono rimesso quasi subito in movimento dopo il fattaccio :YIGO
 
Ultima modifica:

alfpaip

Well-known member
fantastico, punto!!!


(poi in privato puoi mandarmi le foto della gnagna HIHIHI )
 

Blitz_81

Ravanatore seriale
poi in privato puoi mandarmi le foto della gnagna HIHIHI

sisi, aspetta e spera :SISI
 

Childerique

un VagaMondo
ll sentiero, che integralmente comprenderebbe il passaggio per i rifugi Lavaredo, Locatelli, Pian di Cengia e Comici, con la successiva Strada degli Alpini e discesa ai rifugi Berti e Lunelli''...

Grazie per la condivisione, Blitz.
Si impara sempre qualcosa leggendo i report delle tue escursioni.
Nelle zone che conosco meno - come ad esempio questa intorno alla Croda de Toni - mi prendo anche una cartina (dal momento che tu non la alleghi mai) e cerco di capire l'itinerario che hai seguito, anche per inserire nel contesto giusto le foto che hai postato.
Ebbene, perché dici che il sentiero integralmente comprenderebbe tutti i rifugi che hai nominato e la strada degli alpini (l'ennesima strada degli alpini... anche qui)?
Fino al Comici riesco a seguirti, ma dopo mi sembra sia piu' naturale scendere in Val Fiscalina oppure rientrare al Lavaredo con i sentieri nn. 101 e 104...

174236-crodadetoni.jpg

 
Giro stupendo e fantastico report alpinist/gastronomico!

Manca solo una foto dell'autore in tenuta sgargiante psichedelica, a questo punto dovresti inserirla...
 

cappello di paglia

Active member
Uno dei tuoi giri più panoramici, bello!
 

Blitz_81

Ravanatore seriale
Ebbene, perché dici che il sentiero integralmente comprenderebbe tutti i rifugi che hai nominato e la strada degli alpini (l'ennesima strada degli alpini... anche qui)?
Fino al Comici riesco a seguirti, ma dopo mi sembra sia piu' naturale scendere in Val Fiscalina oppure rientrare al Lavaredo con i sentieri nn. 101 e 104...
Il perché devi chiederlo al CAI che ha numerato 101 tutta quella traversata HIHIHI

PS
LA Strada degli Alpini universalmente conosciuta è questa, che collega i rifugi Carducci e Zsigmondy-Comici col Passo della Sentinella

Giro stupendo e fantastico report alpinist/gastronomico!

Manca solo una foto dell'autore in tenuta sgargiante psichedelica, a questo punto dovresti inserirla...

Dai tempo al tempo, in uno dei prossimi report verrai accontentato HIHIHI
 

Cocojambo

Ski & Beer
come detto poco tempo fa, si può scegliere quale sia la zona piu bella fra Pale e Falzarego...poi ci sono le Dolomiti di Sesto che sono su un altro pianeta!:TTTT

Fare il semplice anello delle 3 cime è uno spettacolo unico, vedendo come cambiano forma e dimensione man mano che cammini!!

devo dire che non conoscevo questo sentiero sulla crodona...proprio bello e segnato!!:PPINK

non capisco la scelta di fare la strada a pagamento fino all'auronzo, avrei cercato un'alternativa

blitz però hai scritto le didascalie in maniera piu normale ed hai interagito con delle persone...ma continui a non metter la gnagna, non vale!!!:MONKEY
 

apo

Cialtroskier
Epico. Cima 12 da Sesto per me è LA montagna dolomitica. Non ce n'è per nessuno. Da Auronzo poi, che è più bassa di Sesto, capisci che è un monte di tremila e rotti metri, e devi piegare il collo per guardarla.
 
Ultima modifica:

apo

Cialtroskier
OT c'è qualcosa in arrivo dalla cresta di confine ? :wath:
 

Niko82

New member
Gran bel giro Blitz.... :D
 

Cocojambo

Ski & Beer
blitz hai visto il film Lacrime di Sesto?
è un po' cosi, tipo è stato fatto con il budget per fare una griglia tra amici, ma è molto toccante
 

Blitz_81

Ravanatore seriale
non capisco la scelta di fare la strada a pagamento fino all'auronzo, avrei cercato un'alternativa
semplice: visto che il programma originale è saltato, ho deciso di passare per le Tre Cime ma non avevo voglia di farmi pure la salita HIHIHI
Alla fine, visto che era il primo dopo il fattaccio, volevo tenerlo in modalità "relax" :TTTT

blitz però hai scritto le didascalie in maniera piu normale ed hai interagito con delle persone...ma continui a non metter la gnagna, non vale!!!:MONKEY
non sapevo l' avessero ribattezzato f**aforum :rotlf:

Epico. Cima 12 da Sesto per me è LA montagna dolomitica. Non ce n'è per nessuno. Da Auronzo poi, che è più bassa di Sesto, capisci che è un monte di tremila e rotti metri, e devi piegare il collo per guardarla.
Concordo, è stratosferica

OT c'è qualcosa in arrivo dalla cresta di confine ? :wath:
CLARO! :YIGO
Il prossimo report

blitz hai visto il film Lacrime di Sesto?
è un po' cosi, tipo è stato fatto con il budget per fare una griglia tra amici, ma è molto toccante
Mmmm no, non l' ho visto... di cosa parla?
 

Cocojambo

Ski & Beer
semplice: visto che il programma originale è saltato, ho deciso di passare per le Tre Cime ma non avevo voglia di farmi pure la salita HIHIHI
Alla fine, visto che era il primo dopo il fattaccio, volevo tenerlo in modalità "relax" :TTTT


non sapevo l' avessero ribattezzato f**aforum :rotlf:


Concordo, è stratosferica


CLARO! :YIGO
Il prossimo report


Mmmm no, non l' ho visto... di cosa parla?

semplicissimo insomma :D, come è stato a sensazioni ritornare su per i monts?

non è f**aforum, ma neanche trekkingforum HIHIHI

non vedo l'ora di veder un po' di foto della pitturina...sisisisi:PPINK

il film
 
Top