Pejo: io la associo alla parola "mejo" (meglio) - fine febbraio 2015

Fabio

Member
Staff Forum
Pejo: una delle località sciistiche del trentino con più tradizione

5612-bambini-scuola-sci-pejo.jpg


Pejo in alcuni dialetti ricorda la parola "peggio", stessa sorte della Peugeot. Ma, mentre per la grande casa automobilistica nulla posso dire, per la località sciistica trentino tale assonanza è del tutto sbagliata :D

Pejo non è di certo una skiarea da centinaia di km di piste, siamo poco sotto i 20 km, ma non ha niente di "peggio" anzi, ha diversi punti che mi sento di associare all'aggettivo "Mejo" ovvero meglio.


  1. Primo fra tutti mi è piaciuto il fascino della località, la vallata è senza sbocco, senza passi, quindi i flussi turistici sono molto più tranqulli rispetto altre località più famose. Passando tra i paesini si apprezza ancora quell'aria e quelle "tradizioni di montagna" ahimè perse per alcune "winter-many-stars-location".
  2. Secondo i dislivelli sciabili con continuità sono esagerati, per chi non ha molta confidenza con le sottrazioni (pure io non ne ho... grazie Jagar HIHIHI) dico solo che dai 3000 dell'arrivo del funifor Pajo 3000 ai 1400 m slm della partenza della cabinovia Tarlenta sono ben 1600 m di dislivello! Dislivello che scegliendo le varianti giuste è completamente godibile, interamente su pista rossa (esclusi il breve campo scuola finale).
  3. Terzo "Mejo" è l'affollamento: esclusa la zona del Rifugio Scoiattoli in cui per forza ci sono molti genitori coi bambini in tutto il resto del comprensorio si riesce a sciare divinamente anche in alta stagione.
  4. Quarto "Mejo": i prezzi! Come testimoniato anche qui sul forum (super reportage di Ste1258: http://www.skiforum.it/forum/showthread.php?t=65774 ) l'offerta di Pejo ha un eccezionale rapporto qualità/prezzo.


Funifor Pejo 3000
Partiamo dal piatto forte di Pejo, il nuovo (del 2010) Funifor, chiamato Pejo 3000, e della bellissima pista servita dal veloce impianto di 1000 m di dislivello. Altre informazioni sull'impianto di risalita: funifor Pejo 3000.

L'impianto Pejo 3000 è un moderno funifor entrato in funzione nella stagione 2010/2011 (inaugurato ufficialmente nel gennaio 2011).
La stazione di valle è posta a Tarlenta a quota di circa 2000 m slm mentre la stazione di monte si trova circa 1000 m più a monte nei pressi del vecchio Rifugio Mantova ai Croz di Taviela (diroccato). Le cabine capaci di portare 100 persone in piedi impiegano poco meno di 6 minuti per compiere il dislivello di 1000 m. La lunghezza della linea è di 2856 m e viene percorsa con una velocità massima di 10 m/s.

Il panorama che si gode dalla stazione di monte conta numerose cime sopra i 3000 m tra cui il Monte Vioz, la Taviela, Punta San Matteo, Adamello e moltissimi altri gruppi montuosi.
Punto di forza invernale dell'impianto Pejo 3000 è la pista Val del Mite, riaperta, allungata verso monte, dopo 25 anni di chiusura. In fatti la precedente seggiovia biposto che risaliva la Val del Mite fu distrutta da una valanga il 30 gennaio del 1986.
Il costruttore del funifor è stato Doppelmayr e la portata oraria massima è di poco inferiore alle 900 persone/ora.


5592-funifor-pejo-3000-monte.jpg

Funifor Pejo 3000 visto dalla stazione di monte.

5594-pejo3000.jpg


5595-panorama-su-pejo.jpg

Panorama su Cogolo di Pejo dalla stazione di monte del funifor Pejo 3000.

5596-cabina-100-sciatori.jpg

Cabina capace di portare 100 sciatori per volta.

5597-arrivo-pejo-3000.jpg

Arrivo cabina del funifor Pejo 3000.

5629-funifor-di-pejo-cabina.jpg

Funifor Pejo 3000, cabina da 100 posti.




Pista Val della Mite
La pista Val della Mite è il piatto forte di Pejo tornato a disposizione degli sciatori dal 2011 grazie alla costruzione di un funifor che dai 2000 m slm di Tarlenta porta gli sciatori ai 3000 m slm dei ruderi del Rifugio Mantova ai Crozzi del Taviela. La pista non è stata praticabile per gli anni 1986 - 2010 a causa di una valanga che distrusse il vecchio impianto che risaliva la Val della Mite. Scesi dall'impianto si affronta una prima stradina che porta subito ad un ampio e dolce pendio di media pendenza immerso in un ambiente di alta montagna tra i più affascinanti dell'intero Trentino.

Dopo la prima parte in cui ci si può riscaldare le gambe, la pista offre un cambio di pendenza un ulteriore tratto di media pendenza e porta con una leggera curva verso destra al lungo e pendente muro centrale. Qui i più bravi possono aspettare che la pista si liberi e provare a sciarlo in conduzione (davvero molto difficile riuscire a condurlo da cima a fondo), gli sciatori meno preparati invece se lo potranno sciare con una lunga serie di serpentine e curve ad arco medio.
Alla fine del lungo muro possiamo scegliere la variante di sinistra che porta al rifugio Doss de Gembri con una sciata molto facile. Se scegliamo la variante di destra si continua a sciare su un bel pendio di media pendenza che termina con un curvone verso sinistra che riporta in località Tarlenta - Rifugio Scoiattoli.
Se si sceglie di proseguire verso valle continuando sulla pista Tarlenta si concatena una discesa di ben 8 km!


145194-gatto-neve-pejo-mite.jpg


Ambiente Pejo stazione di monte
145244-ambiente.jpg


5598-parte-alta-mite.jpg

Parte alta della Val della Mite di Pejo.

5599-sciare-pejo.jpg

Sciare a Pejo, parte alta della pista Val della Mite.

5600-cambi-pendenza.jpg

Cambi di pendenza della parte alta della pista Val della Mite, Pejo.

5601-parte-alta-val-della-mite.jpg

Cambi di pendenza della parte alta della pista Val della Mite di Pejo in Trentino.


Accanto alla pista ci sono ampie possibilità per il "fuoripista di prossimità", mentre la vedo molto, molto delicata la discesa diretta per la Val Tarlenta, quella che corre sopra la pista Tarlenta. Io non la farei mai se non forse a primavera inoltrata con neve trasformata, assestata, impaccata, insomma mi sono parsi pendi da cui starci alla larga.

Fuoripista in Val della Mite
145268-freeride-pejo-mite.jpg


144480-panorama-montagna-da-covel.jpg

Panorama sul tracciato del Funifor Pejo 3000 da Covel


5602-muro-centrale.jpg

Il lungo muro centrale della pista Val della Mite visto dall'alto.

Muro della pista Val della Mite
145269-muro-pista-mite.jpg


5604-prima-della-variante.jpg

Muro della pista della Val della Mite prima del bivio.


In vetta, ai 3000 m slm del funifor, si vedono dei ruderi di un rifugio, è stato distrutto da una valanga? Come è possibile che una valanga sia arrivata fino in cresta?

Ruderi rifugio?
145193-ruderi-rifugio.jpg

Questi sono i ruderi di un vecchio rifugio? Di quello distrutto da valanga? Ma come ci arriva una valanga qui?

Rovine del Rifugio Mantova
145245-ruderi-rifugio-mantova.jpg



In ogni caso mi diceva un operatore del Funifor, appena hanno i soldi costruiranno un rifugio presso l'arrivo del Funifor tant'è che c'è ancora piantata una gru per lavori edili. Mi diceva però che poichè siamo in un parco nazionale forse deve essere smantellata in estate anche se i lavori partiranno fra anni.

Se riescono costruiranno un bel rifugio all'arrivo del funifor Pejo 3000
145246-dovrebbero-costruire-rifugio.jpg






Pista Tarlenta
Tornati alla località Tarlenta (quota 2000 m slm) è possibile tornare a Pejo Fonti con la bellissima pista rossa "Tarlenta".
La pista Tarlenta è un bellissimo tracciato del comprensorio di Pejo in Val di Sole, Trentino. La pista parte dal Rifugio Scoiattolo, nei pressi dell'arrivo della telecabina Pejo Fonti - Tarlenta. Il primo tratto è un pendio a bassa pendenza spesso con bella neve che permette di lasciare dei bei binari sulla neve. La pendenza va aumentando fino ad incontrare una curva verso destra e poi, in un ambiente magnifico, una decisa curva verso sinistra in falso piano. Qui troviamo delle bellissime baite e un panorama di alta montagna.

La pista prosegue con un tratto a media difficoltà che si restringe fino a diventare una stradina con alte reti di protezione. In questo punto è necessario controllare la velocità ed è consigliato rallentare. La stradina termina con una decisa curva verso sinistra che porta ad un meraviglioso tratto motlo facile da sciare a tutta velocità fino ad arrivare al grande campo scuola di Pejo Fonti ricongiungendosi alla pista azzurra Mezoli (dislivello di circa 150 m). A questo punto se c'è affollamento è bene rallentare altrimenti si può arrivare ancora con velocità sostenuta fino alla partenza della cabinovia esaposto.

La pista rossa Terlenta è una bellissima pista, ideale da fare appena preparata dai gatti o a tarda mattinata. Per gustarsela basta aspettare il momento giusto, aspettare che non ci siano altri sciatori davanti a noi e scendere con ampi e veloci curvoni. La pista Tarlenta è lunga circa 2600 m per 450 m di dislivello, invieme con la pista Mezoli si può fare un'unica "tirata" da 600 m di dislivello che arrivano a quasi 1600 m se si arriva dalla pista della Val del Mite.


5573-pista-tarlenta-1-inizio.jpg

Inizio della pista Tarlenta nei pressi della stazione di monte della cabinovia che sale da Pejo Fonti.

5574-preparazione-perfetta-pista-tarlenta.jpg

Preparazione perfetta della pista Tarlenta.

5575-inizio-tarlenta.jpg

Parte iniziale della pista rossa Tarlenta di Pejo in Val di Sole.

5576-covel.jpg

Curvone nei pressi del piccolo villaggio Covel sulla pista Tarlenta di Pejo.

Immagine baite di montagna in località Covel
144481-baite-montagna.jpg

Immagine baite di montagna in località Covel.

5577-covel-pejo.jpg

Baite di montagna in località Covel.

5581-stradina.jpg

Stradina con reti di protezione della pista Tarlenta.

5582-tarlenta-pista-rossa.jpg

Tratto centrale della pista rossa Tarlenta di Pejo, Trentino.

5583-pendio-tarlenta.jpg

Pista rossa Tarlenta di Pejo.

5584-parte-finale.jpg

Parte finale e campo scuola Mezoli.

145191-millerighe-pejo.jpg


145192-millerighe-pejo.jpg



Per uno spuntino veloce:
145344-baita-3-larici-pejo.jpg



Campo scuola e seggiovia Graffer Mezoli
Alla fine della pista Tarlenta si trova una seggiovia Graffer biposto, chiamata seggiovia Mezoli che serve un bel campo scuola ed un piccolo snowpark. Zona ideale per bambini e famiglie.

5589-mezoli-pista.jpg

Pista di facile difficoltà Mezoli a Pejo.

5590-mezoli-pejo.jpg

Immagine della pista di facile difficoltà Mezoli a Pejo in Trentino.

5631-stazione-monte.jpg

Stazione di monte seggiovia biposto Mezoli.

5632-partenza-mezoli.jpg

Stazione di partenza della seggiovia biposto Graffer Mezoli di Pejo.


Da Pejo Fonti a Tarlenta è in funzione una comoda e veloce cabinovia esaposto da 600 m di dislivello: la cabinovia Pejo - Tarlenta.

5627-stazione-partenza-pejo-fonti.jpg

Foto della stazione di partenza della cabinovia Tarlenta.

5570-stazione-monte-tarlenta.jpg

Foto della stazione di monte in località Tarlenta.



Doss dei Gembri: pista e seggiovia
Altra zona del comprensorio diPejo è l'area servita dalla seggiovia Doss dei Gembri. La pista è adatta anche ai principianti tranne un muretto che si può evitare nella parte finale. A metà pista Doss dei Gembri si incontra lo slargo Saroden in cui verranno costruiti nuovi impianti e piste... non si sa quando.

La pista Doss dei Gembri si trova nella skiarea di Pejo in Val di Sole ed è servita dall'omonima seggiovia avente un dislivello di circa 350 m.
La pista Doss dei Gembri è lunga circa 2 km ed è classificata rossa (media difficoltà). La pista parte dai 2315 m slm del Rifugio Doss dei Gembri con un bel pendio, molto semplice e panoramico. Dopo un breve cambio di pendenza la pista si restringe e diventa una stradina fino ad arrivare ad un bel curvone in località Seroden. Dopo il curvone la pista torna ad essere una bella stradina che permette di lasciare belle curve binariate. Si incontra infine un bivio: proseguendo diritti si arriva al Rifugio Scoiattoli, scegliendo la variante di sinistra si scia un bellissimo muretto che termina alle partenze degli impianti Doss dei Gembri e Stavelin, quota 1972 m slm.
Una bella pista adatta anche ai principianti e famiglie (evitando l'ultima variante).

5614-sciare-pejo.jpg

Una delle panoramiche piste di Pejo in Trentino.

5608-inizio-pista-doss-gembri.jpg

Prima parte, molto soleggiata, facile e panoramica della pista Doss dei Gembri.

Panorama da Doss de Gembri
145270-panorama.jpg


5613-sciare-pejo-gembri.jpg

Sciatori sulla pista Doss dei Gembri di Pejo in Trentino.

145302-inizio-pista-doss-dei-gembri.jpg


Panorama dalla pista rossa Doss dei Gembri
145303-inizio-pista-dossedeigembri.jpg


5615-cambio-pendenza.jpg

Cambio di pendenza prima della stradina.

5616-curvone-centrale.jpg

Immagine della bella parte centrale tra i due tratti di stradino.

145304-maestra.jpg


Zona Saroden di Pejo
145305-saroden.jpg


Qui in zona Saroden faranno gli impianti in futuro.

5618-verso-stavelin.jpg

Variante impegnativa che porta in "Busa Stavelin".

5620-bivio-stradino-muro.jpg

Bivio per la variante impegnativa che porta alla "busa di Stavelin".

5622-variante-impegnativa.jpg

Immagine della parte finale della pista Doss dei Gembri (variante impegnativa).


La seggiovia è una comoda quadriposto con tappeto di imbarco, prima c'era una monoposto. La seggiovia Doss deiGembri dovrebbe essere aperta anche in estate per facilitare le escursioni. Qui di molto frequentata e famosa c'è la salita al Monte Vioz.


5611-linea-dossdeigembri.jpg

Linea della seggiovia quadriposto Doss dei Gembri di Pejo in Val di Sole.

5621-partenza.jpg

Stazione di partenza della seggiovia Doss dei Gembri di Pejo.

5624-stazione-imbarco.jpg

Stazione di partenza con tappeto di imbarco della seggiovia Doss dei Gembri di Pejo.


Altro impianto perfetto per i principianti è la brevissima seggiovia Stavelin.

5625-sciare-pejo.jpg

Zona Stavelin e Tarlenta di Pejo.

Stazione di arrivo della seggiovia triposto Stavelin
145340-seggiovia-stavelin-arrivo.jpg


5623-seggiovia-stavelin.jpg

Stazione di partenza della seggiovia triposto Stavelin di Pejo.

A metà pista Doss dei Gembri c'è una variante ora chiusa che portava a questo bello e impegnativo muro.

Vecchia pista nera ora chiusa
145341-vecchia-pista-ora-chiusa.jpg


Vecchia pista di Pejo ora chiusa
144400-vecchia-pista-ora-chiusa-pejo.jpg


Piste Tarlenta di Pejo
144402-piste-tarlenta-di-pejo-p1020952.jpg





Sulle cartine sono gnati due percorsi fuoripista che scendono alla cabinovia dalla località Tarlenta: penso siano interessanti conuna bella nevicata in corso, sopratutto il percorso classificato nero.

E' la partenza del tracciato 3 chiamato <freeride delle gole>
144479-partenza-chiusa.jpg


144425-vecchia-pista-pejo-rientro.jpg



Ho notato una grande presenza di sci club e di allenamenti di alto livello per i più giovani. Dei missili!
145342-allenamenti-bocia-pejo.jpg




Rifugi e pausa, oltre al 3 Larici presente in zona Mezoli, c'è il Rifugio Scoiattoli sempre sovraffollato e molto grande oppure il più tradizionale e tranquillo Rifugio Doss dei Gembri. Se avete voglia di mangiare per una settimana ordinate la grigliata...
145343-grigliata-rifugio-doss-dei-gembri.jpg


5605-rifugio-doss-gembri.jpg

Panoramica sul Rifugio Doss de Gembri visto dalla pista Val della Mite.

5606-rifugio-doss-de-gembri-pejo.jpg

Foto del Rifugio Doss de Gembri di Pejo, Trentino.


Diciamo che sono rimasto piacevolmente colpito da questo comprensorio e rafforzo l'idea che numero di km di piste e impressioni sulla skimap hanno un valore relativo. Avanti tutta Pejo, ho sentito una certa voglai di fare e di ammodernarsi da parte di tutti, oltre che ad aver trovato gli operatori degli impianti più cordiali, gentili e simpatici di sempre.

5572-piste-pejo.jpg

Zona Tarlenta nei pressi del Rifugio Scoiattolo.

5578-baite-piste.jpg

Baita innevata sulla pista Tarlenta di Pejo, Trentino.
 
Spazio foto allegate, arriveranno.

Foto panoramica dalle piste di Pejo
145419-panoramica-pejo-01.jpg


Curvone Saroden
145420-panoramica-curvone-saroden.jpg


145421-panoramica-pejo-02.jpg


145422-neve-pejo-panoramica.jpg
 

Allegati

  • pejo-trentino-001.jpg
    pejo-trentino-001.jpg
    181 KB · Visualizzazioni: 323
  • pejo-trentino-002.jpg
    pejo-trentino-002.jpg
    124.8 KB · Visualizzazioni: 326
  • pejo-trentino-003.jpg
    pejo-trentino-003.jpg
    122.3 KB · Visualizzazioni: 321
  • pejo-trentino-004.jpg
    pejo-trentino-004.jpg
    112.8 KB · Visualizzazioni: 302
  • pejo-trentino-005.jpg
    pejo-trentino-005.jpg
    118.1 KB · Visualizzazioni: 307
  • pejo-trentino-006.jpg
    pejo-trentino-006.jpg
    131.5 KB · Visualizzazioni: 305
  • pejo-trentino-007.jpg
    pejo-trentino-007.jpg
    181.1 KB · Visualizzazioni: 343
  • pejo-trentino-008.jpg
    pejo-trentino-008.jpg
    162.4 KB · Visualizzazioni: 303
  • pejo-trentino-009.jpg
    pejo-trentino-009.jpg
    112.8 KB · Visualizzazioni: 313
  • pejo-trentino-010.jpg
    pejo-trentino-010.jpg
    98.7 KB · Visualizzazioni: 302
  • pejo-trentino-011.jpg
    pejo-trentino-011.jpg
    103.6 KB · Visualizzazioni: 299
  • pejo-trentino-012.jpg
    pejo-trentino-012.jpg
    81.5 KB · Visualizzazioni: 303
  • pejo-trentino-013.jpg
    pejo-trentino-013.jpg
    101.1 KB · Visualizzazioni: 304
  • pejo-trentino-014.jpg
    pejo-trentino-014.jpg
    158.5 KB · Visualizzazioni: 300
  • pejo-trentino-015.jpg
    pejo-trentino-015.jpg
    74.3 KB · Visualizzazioni: 293
  • pejo-trentino-016.jpg
    pejo-trentino-016.jpg
    93.3 KB · Visualizzazioni: 305
  • pejo-trentino-017.jpg
    pejo-trentino-017.jpg
    130.7 KB · Visualizzazioni: 301
  • pejo-trentino-018.jpg
    pejo-trentino-018.jpg
    120.3 KB · Visualizzazioni: 303
  • pejo-trentino-019.jpg
    pejo-trentino-019.jpg
    115.9 KB · Visualizzazioni: 306
  • pejo-trentino-020.jpg
    pejo-trentino-020.jpg
    180.1 KB · Visualizzazioni: 296
  • pejo-trentino-021.jpg
    pejo-trentino-021.jpg
    32.4 KB · Visualizzazioni: 301
  • pejo-trentino-022.jpg
    pejo-trentino-022.jpg
    164.3 KB · Visualizzazioni: 300
  • pejo-trentino-023.jpg
    pejo-trentino-023.jpg
    120.8 KB · Visualizzazioni: 300
  • pejo-trentino-024.jpg
    pejo-trentino-024.jpg
    71.5 KB · Visualizzazioni: 299
  • pejo-trentino-025.jpg
    pejo-trentino-025.jpg
    101.7 KB · Visualizzazioni: 291
Ho fatto la settimana a Cogolo l'anno scorso.
Bello perchè si è a 10 minuti di macchina da mezzana per prendere la cabinovia per Marilleva e poi andare a MD Campiglio,e a circa 20 minuti di auto per il passo Tonale.
Andare a Pejo sempre in auto meno di 10 minuti.
Devo dire che mi è piaciuto il piccolo comprensorio di Pejo salire ai 3000 è sempre un'emozione,spesso dalla funivia si vedono animali selvatici.
La pista dai 3000 alla base è veramente lunga anche se a dir la verità ci sono tratti pianeggianti e di stradina.
Stare tutto il giorno li pero' diventa leggermente noioso in un paio d'ore anche meno hai fatto tutte le piste e risalire è piuttosto lento,la funivia aspetta parecchio prima di ripartire.


Non so se hai visto un signore con due figli allenarsi,viene da modena se ricordo bene,uno dei due bambini piccolissimo è un missile terra aria.
 
Belle foto, alcune stupende.
A Peio ci son stato per la prima volta nel 2013 e ci sono tornato quest'inverno per un bis molto gradito. Per una mattinata di sci è divertente, anche se di fatto la pista è una sola (ma che pista) più una variante; a compensare l'esiguità della stazione ci pensa l'ambiente naturale circostante che è meraviglioso.
I ruderi di Peio 3000 sono quelli del vecchio rifugio Mantova, risalente ai primi del '900 e distrutto durante la prima Guerra Mondiale. L'attuale pur mantenendo il nome è stato costruito poco sotto la cima del Vioz a 3535 mslm.

PS: Che t'ha fatto di male la Peugeot? :D
 

.

sempre alla ricerca di chicche, bravo Fabio.
a pejo ci son stato che ero ragazzino ma in estate , e con il babbo andammo proprio su al rif mantova al vioz ai 3535 mt. che giornata fantastica , ma anche che scarpinata interminabile ....

e l'acqua di pejo terme sapeva troppo di ferro ;)
 
bel report completo che fa respirare bene l'idea di location "intima" :D

un mio amico e compagno di corso all'uni, abita a cogolo, motivo in più per farci un salto a breve, magari l'anno prossimo :HIP
 
per chi non ha molta confidenza con le sottrazioni dico solo che dai 3000 dell'arrivo del funifor pajo 3000 ai 1400 m slm della partenza della cabinovia tarlenta sono ben 1400 mdi dislivello!

Non ho molta confidenza con le sottrazioni, maaa...
3000-1400=1400?!? :???
 
Bravissimo Fabio, ottimo reportage!!! Pejo davvero...mi ispira un sacco, l'anno prossimo mi piacerebbe proprio farci almeno una giornata! Certo, forse per una settimana bianca è un po' limitante però considerando che nelle vicinanze ci sono i "classici" super comprensori almeno una visita mi sa che vale davvero la pena di farcela! Poi si aprissero l'impianto saroden si potrebbero fare almeno un altro paio di piste interessanti...no?
 
Dopo la prima parte in cui ci si può riscaldare le gambe, la pista offre un cambio di pendenza un ulteriore tratto di media pendenza e porta con una leggera curva verso destra al lungo e pendente muro centrale. Qui i più bravi possono aspettare che la pista si liberi e provare a sciarlo in conduzione (davvero molto difficile riuscire a condurlo da cima a fondo), gli sciatori meno preparati invece se lo potranno sciare con una lunga serie di serpentine e curve ad arco medio.

Ma chi è che ha scritto questa frase?
Non mi pare che le serpentine e le curve medie siano in contrasto con la conduzione (= scegliere la traiettoria) ... ?!?!?
 
Non ho mai visitato la stazione sciistica di Pejo...la scopro ora, grazie ....mi è venuta voglia di provarla l'anno prossimo.....può essere ideale per un long week ?? Potrebbe essere usato come base per Passo del Tonale e Madonna di Campiglio?? Qualcuno sa dirmi come sono le piste da fondo di Cogolo? Conoscete agriturismi validi in zona? Grazie a tutti
 
Top