Opinioni su commentatori Sky e Rai

francis1

Well-known member
Labate e Blardone sono diventati veramente inascoltabili…..non che siano mai stati dei fenomeni, ma mi sembrano peggiorati ulteriormente…
Con De Chiesa accanto Labate si conteneva….caxxo ormai è diventato una macchinetta….non smette mai di parlare e riesce a non dire praticamente mai qualcosa di interessante….
Blardone scandaloso….sulle gare ultimamente non ne azzecca mezza….e tolte le solite 4 cagate, non sa dire altro….
 

Crespeina

☘️
Dubbi su dubbi.
A) Questi pronunciano Sankt Morìtz, un misto tra tedesco e francese (di certo, però, non sènmorì alla francese)

B) Wiki riporta compiutamente:
Sankt Moritz (pronuncia tedesca [ˌzaŋkt moˈrɪʦ] o [ˌzaŋkt ˈmoːrɪʦ][1])... in francese Saint-Moritz, pronuncia [sɛ͂moˈʀits]

C) Forvo, motore di pronuncia, riporta Sànkt Mòritz pronunciato in tedesco

Probabilmente è uno di quei casi in cui sono accettate per convenzione due pronunce, tipo Ucraìna/Ucràina, dove anche i locali fanno riferimento alla antica o nuova lingua, a seconda dell'orientamento culturale.

Diamole entrambe per buone.
Tuttavia resta l'imprecisione del Paolino (poca roba, che dio ce lo salvi sempre) nell'affermare che si pronuncia correttamente alla francese e noi lo italianizziamo.
Non è così, mi pare chiaro che entrambe le pronunce sono ammesse, e cmq la lingua ufficiale è il tedesco per cui la pronuncia Sankt Morìtz è un retaggio dei tempi.
No, de Chiesa non ha mai pronunciato sen morì. E non mi pare che abbia detto che vada pronunciato alla francese.
Ha solo detto che in Svizzera lo pronunciano come S. Morítz e aveva ragione.
Tu hai ragione, quando dici che la pronuncia tedesca standard richiede l'accento sulla O, quindi St. Móritz, e se si trattasse di una città tedesca probabilmente resterebbe con quella pronuncia standard.
Ma dal momento che si tratta di una città della Svizzera e gli svizzeri stessi la pronunciano come St. Morítz, mi sento di dare ragione a De Chiesa.
Tant'è che anche al tg tedesco (tagesschau) in Germania e sulla ORF usano la versione svizzera.
 

fedi_m

Glühwein Ski Team
Ragazzi io continuo a dirvelo. 25 euro a stagione e passa la paura....ES
 

Cocojambo

Ski & Beer
Con le riprese dal drone mi sembra di giocare a Ski Challenge
All'inizio non capivo se era partita una pubblicità del nuovo videogioco.

Cmq super fastidio il fischio del drone sotto la telecronaca
 
Ultima modifica:

pierl

white week
No, de Chiesa non ha mai pronunciato sen morì. E non mi pare che abbia detto che vada pronunciato alla francese.
Ha solo detto che in Svizzera lo pronunciano come S. Morítz e aveva ragione.
Ok, magari ho inteso male, comunque è una questione relativa.
Del resto sbagliano comunque gli italiani che pronunciano Sèn Mòritz, perché se si vuole pronunciare alla tedesca (ugualmente corretto) bisognerebbe pronunciare Sankt Mòritz, con la K e la T ben articolate.
 

ste1258

Well-known member
Sankt Mòritz, con la K e la T ben articolate.
E la S di Sankt che suona come in rosa, dico bene?
 

Kaliningrad

Kayakçı-ı ekrem
Probabilmente è uno di quei casi in cui sono accettate per convenzione due pronunce, tipo Ucraìna/Ucràina, dove anche i locali fanno riferimento alla antica o nuova lingua, a seconda dell'orientamento culturale.
Cosa c'entra questo, scusa, se è vero com'è vero che che l'accento è sull'i sia in ucraìno che in russo?
 

pierl

white week
E la S di Sankt che suona come in rosa, dico bene?
Direi che è accettabile sia con la S "aspra" sia "dolce" (sorda e sonora).
Tedesco germanico, svizzero e austriaco hanno lievi differenze.
Da loro non credo esista il canone della dizione come la intendiamo noi, che spesso sarà noiosa da apprendere ma elimina molti dubbi.
Gli attori si tengono la loro inflessione e la modificano solo quando devono assumere le vesti di un personaggio storico o comunque geograficamente connotato.
Per gli inglesi e gli americani è lo stesso.
Curiosità: agli inizi della sua carriera il giovane Connery-007 fu messo in croce dalla critica per il suo pesante accento scozzese (gli inglesi se lo erano immaginato londinese doc), tanto che Ian Fleming si premurò di stendere la biografia di Bond nel '63 all'interno del romanzo "Si vive solo due volte, (un anno dopo il primo film) e gli attribuì padre scozzese e madre svizzera.
In ogni modo la pronuncia tedesca non è uniforme e come sentirai qui vi sono due pronunce ben diverse.
 

pierl

white week
Cosa c'entra questo, scusa, se è vero com'è vero che che l'accento è sull'i sia in ucraìno che in russo?
Ti passo un link molto qualificato nel merito che credo ti interesserà e te ne anticipo alcune conclusioni.


"Per quanto riguarda i nostri due nomi (e aggettivi) va detto subito che oggi sono accettabili entrambe le pronunce, anche se la più corretta, a rigore, sarebbe quella in passato spesso ritenuta sbagliata, cioè quella con l’accento sulla i. Vari dizionari italiani hanno pensato che le due pronunce derivassero dalla diversa accentazione del nome a seconda che fosse pronunciato (con accento sulla i) in ucraino o (con accento sulla a) in russo, le due lingue più diffuse in quella regione. In realtà oggi si dice Ucraìna, ucraìno (Ukraìna, ukraìnskij) tanto in russo quanto in ucraino. Tuttavia anche in alcuni forum russi attuali si leggono interventi di lettori che chiedono chiarimenti sulla pronuncia, dato che qualche volta succede persino nei loro telegiornali di sentire l'accento sulla a. Il Dizionario degli accenti russi (Slovar' udarenii russkogo jazyka), che ammette come pronuncia corretta dell'aggettivo solo ukraìnskij, aggiunge questa precisazione: «l'accentazione ukràjnskij (dall'antiquato Ukràina), che si incontra non solo in poesia, ma anche nella conversazione comune, corrisponde alla prassi antica».
Dunque un’oscillazione non del tutto arbitraria in italiano (...)

La pronuncia Ukràina, ukràinskij, considerata sbagliata da tutti i dizionari russi a partire dagli anni Cinquanta del Novecento ma ritenuta corretta o unica da quelli più antichi, ha in effetti illustri precedenti letterari, in particolare in poesia: primo fra tutti quello di Puškin, che nel poema Poltava usa ripetutamente la grafia Украйна (Ukràjna), in cui l'uso della i breve (й) esclude di per sé l'accento sulla i e lo sposta sulla a. Il compositore Rodion Ščedrin, musicando all'inizio degli anni Cinquanta del Novecento alcuni versi proprio della Poltava ("Ticha ukràjnskaja noč"), seguì naturalmente l'accentazione voluta da Puškin, che quindi continua a essere presente nell'orecchio dei russi.Oltre a Puškin, (1936) anche Mandelštam, sempre in poesia, pone l'accento sulla a. Curioso il caso di Taràs Grigòrevič Šcevčenko, poeta del primo Ottocento, nato in Ucraina, ma vissuto poi in Russia, a San Pietroburgo (1814-1861), che usa, scrivendo in russo, la lezione con l'accento sulla a."
 

Kaliningrad

Kayakçı-ı ekrem
Da loro non credo esista il canone della dizione come la intendiamo noi, che spesso sarà noiosa da apprendere ma elimina molti dubbi.
Gli attori si tengono la loro inflessione e la modificano solo quando devono assumere le vesti di un personaggio storico o comunque geograficamente connotato.
Questo ovviamente lo dici tu. Esiste eccome la Bühnenaussprache in tedesco e le regole in essa contenute sono invero piuttosto inflessibili.
 

pierl

white week
Questo ovviamente lo dici tu. Esiste eccome la Bühnenaussprache in tedesco e le regole in essa contenute sono invero piuttosto inflessibili.
Grazie dell'informazione, non ne conoscevo l'esistenza. Avevo detto infatti "non credo"
A questo punto però dimmi se questo manuale di ortoepia è valido solo in Germania o anche in Austria e Svizzera, perché le pronunce che sento sono abbastanza differenti. E se è adottato anche dai giornalisti tv, perché, come sopra, mi pare di sentire pronunce diverse.
Dico "mi pare" perché conosco il tedesco superficialmente e non sono in grado di valutare a fondo.
 
Ultima modifica:

Kaliningrad

Kayakçı-ı ekrem
^ In teoria è ancora valido in tutto il mondo germanico. Bravi attori svizzeri o austriaci nascondono, quindi, sul palcoscenico o davanti alla macchina da presa, le proprie inflessioni regionali. Nonostante la sua, si può dire, vetustà, il manuale è tuttora in uso e non ha subito chissà che variazioni nel corso del tempo. L'unica, forse, riguarda la pronuncia della R. Pensa che fino agli anni '50 del secolo scorso l'unica R ammessa era quella articolata con la punta della lingua (Zungenspitzen-R), una pratica ancora, direi, standard nella musica lirica, mentre ora sono ammesse anche la R uvulare e la riduzione a vocale in fine di parola (es. mir pronunciato "mia" anziché mir con una bella erre rullata).
 

pierl

white week
^ In teoria è ancora valido in tutto il mondo germanico. Bravi attori svizzeri o austriaci nascondono, quindi, sul palcoscenico o davanti alla macchina da presa, le proprie inflessioni regionali. Nonostante la sua, si può dire, vetustà, il manuale è tuttora in uso e non ha subito chissà che variazioni nel corso del tempo. L'unica, forse, riguarda la pronuncia della R. Pensa che fino agli anni '50 del secolo scorso l'unica R ammessa era quella articolata con la punta della lingua (Zungenspitzen-R), una pratica ancora, direi, standard nella musica lirica, mentre ora sono ammesse anche la R uvulare e la riduzione a vocale in fine di parola (es. mir pronunciato "mia" anziché mir con una bella erre rullata).
Molto interessante, grazie. Mi informerò presso alcuni amici attori berlinesi quanto e come il Sieb "Deutsche Bühnenaussprache" del 1898 (che mi era sconosciuto) sia seguito nel mondo del teatro, tv, cinema, giornalismo e comunicazione in generale.
 

rebus

Active member
Io invece ho sempre sentito sia gli svizzeri in tedesco svizzero, che gli altri giornalisti tedescofoni della Germania e Austria pronunciare St. MORÌTZ.
Posto qui link ad un video della SRF (televisione Svizzera in l. Tedesca) in cui si sente come anche loro pronunciano St. Morítz.

Fammi sapere se anche tu lo senti... In caso ti posso postare anche altri video, fatti da professionisti svizzeri, che la pronunciano allo stesso modo.

Approfitto aggiungendo un piccolo OT, con questa stagione anche Federica Brignone e Sofia Goggia parlano tedesco nelle interviste, quantomeno dell'Orf.
Mi sono perso guardando gli occhi della giornalista, fa lo stesso?

Comunque anche noi italiani facciamo confusione per esempio su come si pronunci Como... 😀
 

robertoginesi

Well-known member
comunque Cattaneo che dice (più di una volta)di Alice Robinson: la neozelandese di Sydney
è vero che ci è nata a Sydney ma detto in cronaca parrebbe che Sydney sia in nuova zelanda
 
Top