Italia segreta: TORGNON, il "cuore bianco" della Valle d'Aosta.

SOLONEVE

Well-known member
La mia mini vacanza natalizia di tre giorni termina il 27 dicembre 2011: dopo il Natale a Courmayeur, il Santo Stefano a Pila, il giorno del rientro ho la possibilità di sciare fino a mezzogiorno prima di rimettermi in viaggio ed affrontare le dieci ore di viaggio in macchina da solo che mi consentono di riguadagnare casa mia! Ho l'imbarazzo della scelta ma per cercare di sciare il più possibile e per stare a pochi passi dall'autostrada, decido di avviarmi verso la pianura. Evitando di prendere l'autostrada, considerato che uscendo da Aosta non c'è traffico, arrivo a Chatillon e decido di salire nella valle di Cervinia. Ma arrivato ad Antey St. André, invece di seguire tutto il flusso dei turisti che punta verso la "perla" valdostana, prendo una deviazione sulla sinistra che in 10 minuti mi conduce verso uno dei "balconi" naturali dell'incantevole Valle d'Aosta, un balcone tutto esposto a sud, illuminato dal sole come non mai in questa terza giornata di vacanza senza neanche una nuvola in giro!!!
Torgnon, la località di cui Vi parlo, per me è una novità assoluta nella mia personale storia sciistica ed è stata una vera e propria piacevole sorpresa.
La mia sceltà è ricaduta su Torgnon in quanto vicina al casello autostradale di Chatillon ma soprattutto perchè tutta al sole fin dalle prime luci del giorno, cosa che si è rivelata vincente per questa mia mattinata "alternativa" alle località più blasonate.
Una località dove il tempo sembra fermo, una località "slow-ski" come direbbero tanti, una località dove sciare rilassati e sereni ma senza tralasciare la tecnica ed il divertimento, dove si trovano piste interessanti. E, cosa fondamentale, tutte completamente ben innevate!
Arrivare presto al mattino ha i suoi vantaggi: ho parcheggiato la macchina proprio di fronte alla biglietteria (22 euro il mattiniero festivo), cosa molto importante anche per il fatto che a mezzogiorno dovevo smettere e ripartire subito.
La giornata si preannuncia spettacolare, l'alba in montagna ha sempre un suo fascino particolare, e Torgnon ha il pregio di essere una delle prime località della Valle d'Aosta a ricevere i raggi di sole. Fatto lo skipass mi avvio subito verso la partenza della cabinovia. Un impianto molto moderno e capiente, cosa quasi incredula in una località non blasonata, da far gola a tante altre località più importanti dell'arco alpino, un fatto importante perchè ti evita di trovare code e di poter così tranquillamente percorrere più volte la discesa che riporta a valle, una bella pista con l'ultimo tratto molto tecnico che scende tra le case del borgo di Torgnon.
In totale Torgnon conta 4 impianti, la cabinovia più 3 seggiovie più un tapis roulant per i bambini. La quota di partenza è 1.515 metri della base della cabinovia, il punto più alto del comprensorio raggiunge i 2.246 metri della seggiovia Collet. In totale sono più di 700 metri di dislivello, più che ottimi per una piccola località. Ed il fatto di essere a pochi passi da Cervinia ha il vantaggio (o svantaggio, dipende dai punti di vista) di non trovare assolutamente fila alla partenza degli impianti. Tre ore di sci per concludere una stupenda vacanza natalizia :D

Ora cominciamo a scoprire questa località insieme, fornendovi l'indirizzo del sito della società degli impianti dove trovare la cartina del comprensorio: Torgnon - (it)

Torgnon, un "balcone" al sole
70907-torgnon001.jpg



Il centro del paese visto dalle piste
70908-torgnon002.jpg



Torgnon, il nome del comune, in realtà è un insieme di più frazioni e la cabinovia parte dalla località più importante, con tutte le strutture ricettive: Mongnod.
Cabinovia Mongnod - Chantorné
70909-torgnon003.jpg



Salendo con la cabinovia
70910-torgnon004.jpg



La telecabina non è molto lunga ed in pochi minuti si giunge in località Chantorné da dove si apre alla vista un vero è proprio "paradiso terrestre" in piccolo!

Il vasto alpeggio innevato del Chantorné
70911-torgnon005.jpg



Prima di parlarvi delle piste, io mi soffermo un attimino nel contemplare gli splendidi scorci naturali che si possono ammirare in questo ambiante d'alta montagna ancora "relativamente" poco urbanizzato! Panorami che servono a far "respirare" anche l'anima, che servono a ricaricare le batterie dello "spirito interiore" prima di ritornare alla solita vita quotidiana.

La chiesetta
70912-torgnon006.jpg



Il rifugio in pietra
70913-torgnon007.jpg



Pendii innevati
70914-torgnon008.jpg



Montagna incantata
70915-torgnon009.jpg


Rivolgendo lo sguardo verso sud si può ammirare la parte terminale della vallata valdostana che volge verso la pianura padana. Pianura che ritroverò più tardi sulla strada del ritorno completamente senza nebbia.

La vallata assolata
70916-torgnon010.jpg



Il reportage prosegue il prima possibile con il riassunto della parte impiantistica e delle piste!

Roberto :D
 
come al solito un ottimo reportage!

Soloneve una domanda, io a febbraio porto un principiante due giorni a Cervinia, secondo te si potrebbe trovare bene anche a Torgnon o meglio le blu più facili di Cervinia?

ne approfitto per mettere il link alla cartina, che a me quella del sito di Torgnon non funziona:

 
Bravo ! Non vedo l'ora: è una località che mi incuriosisce molto perchè mi sembra sia molto adatta per portarci i bimbi in un week end lungo, anche se penso sia una di quelle "da prendere al volo" quando ci son le condizioni giuste, perchè ho sentito dire che , proprio la sua esposizione continua al sole, ne fa una di quelle in cui la neve cede di più ( o si ghiaccia di notte, sciogliendosi di giorno, o si trasforma in primaverile o... semplicemente sparisce). Tu, evidentemente, hai trovato le condizioni perfette. Io ci son stato in estate e, appena fuori il paese, mi ha molto colpito una "frazione" in cui esistono VERE case Walser con la struttura tipo "palafitte" su "funghi" di legno e pietra che delimitavano la parte abitativa (sopra) dalla parte granaio/animali (sotto) ed eran fatti in modo che i topi non potessero passare alla parte superiore in nessun modo. Una riportava una data incisa molto vicina a quella della scoperta dell'America !
 
come al solito un ottimo reportage!

Soloneve una domanda, io a febbraio porto un principiante due giorni a Cervinia, secondo te si potrebbe trovare bene anche a Torgnon o meglio le blu più facili di Cervinia?

Torgnon è l'ideale per i principianti, ma se sei a Cervinia vanno benissimo anche le blu del Plan Maison ( e si scia sotto il Cervino, vuoi mettere??? :D ).
 

.

... una "frazione" in cui esistono VERE case Walser con la struttura tipo "palafitte" su "funghi" di legno e pietra che delimitavano la parte abitativa (sopra) dalla parte granaio/animali (sotto) ed eran fatti in modo che i topi non potessero passare alla parte superiore in nessun modo. Una riportava una data incisa molto vicina a quella della scoperta dell'America !

Infatti il rascard più vecchio, attuale sede di un museo, è del 1462.

In quanto alla neve, beh, devo dire che sono stato molto fortunato: ho proprio trovato le condizioni ideali :D
 
attendo con impazienza le foto della nuova seggiovia quadriposto...quando ci sciai 3 anni fa ancora c'era lo skilift...per me torgnon è un posto ideale con la lunga quadriposto che è praticamente un enorme camposcuola...per me soprattutto se a cervinia fa molto freddo o c'è vento torgnon è veramente carina e ha anche qualche pista non molto lunga ma impegnativa
 
Torgnon è rinomata più per il vasto altipiano tutto esposto al sole, regno incontrastato dei bambini, dei principianti e delle famiglie che amano sciare sempre sotto al sole, che per le piste tecniche! Pur essendo piccolo il comprensorio è molto vario e soddisfa tutti, proprio tutti (forse meno i fuoripistaioli), e nelle condizioni che ho trovato io penso proprio che nessuno rimarrebbe deluso se decidesse di trascorrere una giornata di sci lontano dai posti più rinomati!
Il vasto facile pendio del Chantorné è la mecca dello sci "facile" e rilassante: servito da una comoda seggiovia quadriposto fissa, l'omonima Chantorné, con un dislivello di 134 metri offre tante facili e lunghe piste dove divertirsi e sbizzarrirsi e dove i bambini possono dare sfogo alla loro imprevedibilità sotto gli occhi attenti dei genitori che dal rifugio posto all'arrivo della cabinovia osservano tutto lo spazio sottostante tranquilli e sereni! Uno splendido Winter Park, salendo è posizionato sulla destra della seggiovia, è la principale attrattiva per i più piccoli ma non solo: inoltre l'area giochi conta due piccoli tapis roulant, il campo scuola, i ciambelloni, gli scivoli confiabili, tappeti elastici e chi più ne ha più ne metta. Per chi ha i bambini penso che sia veramente un posto ottimo dove portare la propria prole sulla neve, per giunta tutto esposto al sole e quindi senza soffrire eccessivamente il freddo.

Ecco una carrellata di foto del settore più "facile" di Torgnon:

71014-torgnon011.jpg


71015-torgnon012.jpg


71016-torgnon013.jpg


La seggiovia Chantorné
71017-torgnon014.jpg


La pista azzurra Chantorné
71018-torgnon015.jpg


71019-torgnon016.jpg


71020-torgnon017.jpg


71021-torgnon018.jpg


71022-torgnon019.jpg



Prosegue...
 
Cominciamo a salire più in alto con la seggiovia biposto Col Fenetre (1.750 - 2.087), una lunga seggiovia abbastanza lenta e vecchiotta ma piacevole prenderla in belle giornate assolate come questa, che ti permette di godere dei panorami della località.
71062-torgnon021.jpg


Una risalita che permette di rifiatare e riposare le gambe e di respirare aria limpida e piacevole, ovviamente tutto ciò non avviene in caso di bufere di neve e tempo inclemente.
71064-torgnon022.jpg


All'arrivo della seggiovia il panorama è ampio e la scelta per la discesa verso valle è ampia.
71066-torgnon023.jpg


La pista più divertente ed interessante è la n.7, la P.Grange, una rossa varia e tecnica tracciata nel bosco nella prima metà del suo percorso.
71068-torgnon024.jpg


Prima del suo tratto più facile, la rossa P.Grange offre un bel "muretto" dove mettere in mostra la propria tecnica.
71072-torgnon025.jpg


Un'altra rossa è la n. 6, la Fontin, con il suo primo tratto più semplice e tranquillo.
71073-torgnon026.jpg


La pista n.6 offre una variante più difficile, classificata nera. Ed in effetti è un bel "muro" molto ripido e difficile, il più tosto di tutto il comprensorio di Torgnon.
71076-torgnon027.jpg


Alla fine della variante ci si immette nuovamente sulla Fontin per proseguire in un tratto piacevole prima del pianoro.
71079-torgnon028.jpg


L'ultima pista servita dalla seggiovia Col Fenetre è la n.8, denominata La Vieille, una pista che ha la caratteristica di essere completamente a vista da quasi tutte le zone del comprensorio, una rossa tutta al sole dalla mattina alla sera, piacevole da sciare nel pieno della stagione invernale, un po' meno a stagione inoltrata...!
71082-torgnon029.jpg


Un tratto molto suggestivo attraversato dalla pista Fontin.
71085-torgnon030.jpg


Prosegue...
 
attendo con impazienza le foto della nuova seggiovia quadriposto...quando ci sciai 3 anni fa ancora c'era lo skilift...

La nuova seggiovia quadriposto Collet (1.850 - 2.246) sostituisce il vecchio skilift ma su un tracciato tutto nuovo e arrivando più in alto, aprendo così nuovi tratti interessanti, giungendo su un punto molto panoramico che in seguito Vi mostrerò.
Seggiovia veloce ed abbastanza lunga, che si percorre interamente illuminati dal sole, con circa 400 metri di dislivello è la parte di comprensorio preferita dal turista che frequenta Torgnon. Come già detto in precedenza, l'esposizione a sud in pieno inverno non crea nessun problema sulla tenuta della neve e delle piste ma certamente con il sopraggiungere delle giornate più lunghe e meno fredde è anche la zona che più delle altre soffre l'irraggiamento continuo del sole trasformando la neve fino a renderla difficilmente sciabile.
In ogni caso a me è piaciuta molto questa parte del comprensorio, anche perchè le piste sono belle, varie e tecniche, tranne gli ultimi metri che sono quasi pianeggianti.

La stazione di valle della seggiovia Collet
71206-torgnon031.jpg



La prima tratta della seggiovia sul falsopiano
71207-torgnon032.jpg



Salendo verso il punto più alto
71208-torgnon033.jpg



La stazione di monte posta a 2.246 mt. ai piedi del Mont Meabé
71209-torgnon034.jpg



La pista nera 4bis denominata Variante
71210-torgnon035.jpg



Veduta verso il fondovalle dalla pista Collet
71211-torgnon036.jpg



La parte iniziale della pista n. 4, la rossa Collet.
71212-torgnon037.jpg



Questo tratto di pista mi ha fatto ricordare alcuni tratti di piste dolomitiche :D
Il tratto centrale della bella pista rossa Collet.
71213-torgnon038.jpg



Il tratto terminale della pista Collet appena fuori dal bosco.
71214-torgnon039.jpg



Il bel tratto finale della Collet vista dalla seggiovia
71215-torgnon040.jpg



Incrocio tra la rossa Collet (a destra) e la nera Larici (a sinistra)
71216-torgnon041.jpg



Sempre sulla Collet in una giornata splendida per sciare
71217-torgnon042.jpg



Panorama verso la pianura padana dalla zona Collet
71218-torgnon043.jpg



prosegue...



Roberto
 
veramente completo :D
per me una giornata se si sta nella Valtournenche Torgnon la merita sicuramente, come chamois...l'unica pecca è che dovrebbero fare uno skipass di valle unico e attrezzare una forma di skibus di valle in maniera da incentivare anche chi sta in quota a provare altri comprensori
 
IMG_0150.jpgIMG_0151.jpgIMG_0152.jpgIMG_0153.jpgIMG_0172.jpgIMG_0173.jpgIMG_0176.jpgIMG_0177.jpgIMG_0204.jpgIMG_0213.jpgIMG_0240.jpgIMG_0243.jpgIMG_0245.jpgIMG_0249.jpg

Qui vi ho postato alcune foto che ho fatto a Torgnon...c'è un po di tutto... alcune foto sono spettacolari!!!!
 

Allegati

  • 2012-01-15 12.01.12.jpg
    2012-01-15 12.01.12.jpg
    53 KB · Visualizzazioni: 441
Top