Colere Ski Area - Info e News

scais

Active member
C'è un vulnus nel suo ragionamento: l'investitore principale, che usa soldi SUOI (ed è a capo di Banca Farmafactoring, una realtà poco conosciuta ai non addetti ai lavori ma con una estensione europea e la quotazione a Milano), ha radici proprio a Colere, quindi c'è anche un valore affettivo oltre che un'opportunità di mercato e immagino che la sua famiglia sia ben conosciuta a Colere. Passare come il benefattore della propria valle, per uno che coi propri soldi potrebbe già vivere una vita agiatissima e spensierata, potrebbe essere una gratificazione non quantificabile materialmente, una aspirazione per cui valga la pena "lottare contro il sistema".

Non è, tanto per dire, una situazione in cui una società tipo Compagnie del Alpes deve decidere se investire in Italia a Bardonecchia, Via Lattea, Courmayeur o Prali... e la scelta dipende solo da conti, costi e soldi a prestito o cmq degli azionisti.

Lui nella scelta se procedere o no nonostante le "avversità burocratiche", deve render conto solo a se stesso. E per arrivare dove è già arrivato, sicuramente è una persona che non si fa abbattere dalle prime difficoltà, ne avrà affrontate tante e superate tante.

Spero tanto che l’investitore non si faccia abbattere di fronte alle prime avversità

Rilevo solo che le tante difficilta Superate da te citate sono state affrontate all’estero ove la burocrazia italiana non esiste

Per carità essendo italiano voglio sperare che ben conosca la
Situazione e sia comunque preparato a ciò che accade e soprattutto a ciò che ancora dovrà affrontare (i problemi più grandi devono ancora presentarsi)

le difficoltà sino ad ora affrontate sono solo agli albori. Le difficoltà vere devono ancora avvenire. Spero abbia tanta pazienza

Altra nota: quando parli del sistema citandolo come punto per cui l’investitore andrebbe contro corrente mi vengono dei dubbi in senso buono e rispettoso.
È risaputo che chi ha tante risorse proprie oppure affidate/raccolte da altri fa parte del sistema quello stesso sistema che seleziona accuratamente i propri adepti
Il criterio discretivo si chiama profittabilità in tempi brevissimi o comunque i più brevi possibili mettendo in competizione i territori in tutto il globo
il sistema finanziario espelle chi non persegue la sua logica poiché colui che osa discostarsi dalle sue logiche viene percepito come chi gli rema contro e mette a rischio la sua sopravvivenza
Chiunque provi a remare contro per interessi propri avversi al sistema è tagliato fuori

Unica speranza a mio avviso è che questo investitore disponga di risorse proprie e non di captali raccolti da altri investitori
Insomma
Che rischi in proprio consapevole di perdere Tutto
Sarebbe davvero una rarità se non l’eccezione

In questo caso se le risorse sono proprie ed ha tanta tanta pazienza allora si sì può sperare che persegua il suo interesse da te individuato nel passare alla storia come benefattore

Speriamo anche se io personalmente credo poco ai benefattori
Spero comunque che questa persona abbia la perseveranza e la dedizione necessaria per non abbattersi perché la navigazione è solo all’inizio è il mare aperto non si vede ancora all’orizzonte
Le vere onde, quelle dell’oceano sono ancora ben al di là da venire
 
Ultima modifica:

pat

Well-known member
Il suo "core business" è il factoring, praticamente rileva i crediti che le aziende han verso lo Stato (o gli Stati) e si assume il rischio di riscuoterli in ritardo o altri rischi legati al credito; intanto, quando la società cliente cede il credito, ottiene da Banca Farmafactoring i soldi (un po' meno rispetto al valore totale del credito) e li ottiene subito e certi, il che è un vantaggio nella gestione dei crediti sociali. Questa differenza è la remunerazione di Banca Farmafactoring. BFF fa anche una attività di "depositaria", da cui guadagna altri soldi e p.es. ha fatto recentemente un accordo con la Borsa del Lussemburgo.
Quel business è ben dentro "il sistema" e continua ad operare normalmente, la vicenda "COLERE" non ha nessuna attinenza con l'attività di Banca Farmafactoring, quindi non "perde tutto"... il suo stipendio lo prende tutti gli anni, così come i dividendi dalle azioni della sua stessa società.
Come se tu andassi a scegliere una macchina, dai la caparra, e il concessionario ti dice "te la consegneremo tra 8 mesi invece che tra 6".... mica perdi tutto. Aspetti, se è proprio quella che vuoi e con quelle personalizzazioni.
 

Asline24

Member
Il suo "core business" è il factoring, praticamente rileva i crediti che le aziende han verso lo Stato (o gli Stati) e si assume il rischio di riscuoterli in ritardo o altri rischi legati al credito; intanto, quando la società cliente cede il credito, ottiene da Banca Farmafactoring i soldi (un po' meno rispetto al valore totale del credito) e li ottiene subito e certi, il che è un vantaggio nella gestione dei crediti sociali. Questa differenza è la remunerazione di Banca Farmafactoring. BFF fa anche una attività di "depositaria", da cui guadagna altri soldi e p.es. ha fatto recentemente un accordo con la Borsa del Lussemburgo.
Quel business è ben dentro "il sistema" e continua ad operare normalmente, la vicenda "COLERE" non ha nessuna attinenza con l'attività di Banca Farmafactoring, quindi non "perde tutto"... il suo stipendio lo prende tutti gli anni, così come i dividendi dalle azioni della sua stessa società.
Come se tu andassi a scegliere una macchina, dai la caparra, e il concessionario ti dice "te la consegneremo tra 8 mesi invece che tra 6".... mica perdi tutto. Aspetti, se è proprio quella che vuoi e con quelle personalizzazioni.
Mi sembra una ottima analisi.
Ma ingenuamente parlando, lui
o chi per lui
un breve riepilogo dello stato attuale potrebbe farlo.
Sarebbe a tutela per le diverse realta' esistenti e indotti vari, penso a costruttori, commercianti, immobiliaristi, proprietari di seconde case, ecc.
 

pat

Well-known member
"A megghiu parola iè chidda ca nu zi dice"
 

Andrea197

Active member
Mi sembra un'ottima analisi.
Ma ingenuamente parlando, lui
o chi per lui
un breve riepilogo dello stato attuale potrebbe farlo.
Sarebbe una tutela per le diverse realta' esistenti e indotti vari, penso a costruttori, commercianti, immobiliaristi, proprietari di seconde case, ecc.
Si ma lui giustamente deve pensare per la propria azienda....quando potranno partire lo diranno
 

Asline24

Member
Nel frattempo viste le condizioni meteo da Polzone si sarebbe gia' potuti "partire".....e sfruttare il ponte dell'Immacolata!
 

Andrea197

Active member
Forse da polzone no guardando la web cam,ma sopra sicuramente....sarebbe comunque bastato un po di artificiale
 

Andrea197

Active member
Partito ieri il bando per il direttore lavori e chiusura il 20 dicembre....
 
  • Like
Reactions: pat

Asline24

Member
Partito ieri il bando per il direttore lavori e chiusura il 20 dicembre....
Ecco il tanto atteso 6 Dicembre!
 

Petrus

Apprendista Skiatore
Il via libera da tutti gli enti era arrivato gia' da un po' di giorni.
Il fatto che la gara sia uscita il 6 credo sia solo una coincidenza.

Tra l'altro e' positivo che il tutto si chiuda il 20. Avevo sentito che questa gara doveva durare 35 giorni.

Restiamo in attesa della prossima sorpresa :ROFLMAO:
 

Andrea197

Active member
io aspetterei l ufficialità,perché ho sentito anche io che avevano già l ok ma......
 

Andrea197

Active member
IMG-20221207-WA0003.jpg
 

Petrus

Apprendista Skiatore
La pista piu' lunga della Lombardia? :unsure:
E da Bormio3000 fino giu' al paese (per dire la prima che mi viene in mente)

Forse intendevano la piu' lunga di BG.
 

pat

Well-known member
O forse come unica pista e non raccordo di varie piste? Cmq anche così avrei dubbi...
 

sigigno7

Well-known member
La pista piu' lunga della Lombardia? :unsure:
E da Bormio3000 fino giu' al paese (per dire la prima che mi viene in mente)

Forse intendevano la piu' lunga di BG.

Agli orobici valligiani piace autocelebrarsi

E poi scusa, in Lombrardia si scia solo in val Brembana e Seriana (val di Scalve quest'anno no), in val Camonica montecampione ha chiuso, Borno sono cattivoni che sopravvivono solo grazie ai soldi delle olimpiadi, Ponte di Legno non conta....e` gia` Trentino.
Quella localita` da te citata non la conoscono, troppo lontana praticamente e` Svizzera
 
Top