Passo dello Stelvio - Situazione neve, piste, impianti e strade

Sembra che la strada sia pulita a giudicare da quei due ciclisti
stelviolive_04.jpg
 
Il versante occidentale è libero, salvo le ultime spruzzate. Quello di Trafoi, prim'ancora che pulire la strada, ha bisogno di bonifiche: ha accumuli importanti in zone pericolose
 
La quantità di neve presente allo Stelvio, infatti, se da una parte ci ha creato non poche difficoltà, dall’altra, almeno nella prima parte dell’estate, consentirà di raggiungere il passo con gli sci. Stiamo lavorando sodo per mettere in sicurezza il tracciato che da tanti anni non è possibile sfruttare. Un’ottima soluzione per le prove veloci.
....
L’unica possibilità è adottare il sistema messo in atto alla fine della scorsa stagione. Gli sciatori saranno trasportati coi gatti delle nevi verso il Cristallo e il Payer, ma ci organizzeremo anche per consentire a squadre e club di sciare sul Geister.
...
Gli sciatori potranno iniziare la loro attività di allenamento a partire dalle 5 del mattino,
...
Questo è indubbio, ma se è vero che si scierà sempre più in alto, le piste del Passo potrebbero essere sfruttate in inverno. I nostri investimenti considerano anche questa eventualità. Per rimanere sul tema sottolineo alcune considerazioni che ripeto da alcune stagioni: c’è un mercato di sciatori che ha la necessità di sciare in estate. È una nicchia, ma esiste.
Se non possono sfruttare i ghiacciai europei volano in Sud America o in Nuova Zelanda, generando più Co2 rispetto a qualche pulmino che raggiunge il passo. Sul piano scientifico è inoltre provato che i ghiacciai non antropizzati si ritirano più rapidamente.

Il tracciato da mettere in sicurezza sarebbe la pista che scende al Passo? Sono confuso.
 
Con Plateau Rosa chiuso alle nazionali e lo Stelvio a mezzo servizio la veda dura per i turisti trovare spazio per lo sci estivo su quest' ultimo ghiacciaio.......all' opposto forse meno complicato sul primo
 
La gestione dello Stelvio degli ultimi anni e qualcosa di imbarazzante, credevo di aver visto di tutto ma questa e la cosiddetta ciliegina sulla torta , roba da dilettanti allo sbaraglio .
 
Ah pensavo l'avessero aperta anche negli scorsi anni perlomeno a inizio giugno, visto che nell'articolo dice che sono anni che non apre.
 
Ah pensavo l'avessero aperta anche negli scorsi anni perlomeno a inizio giugno, visto che nell'articolo dice che sono anni che non apre.

Magari apriva ma per pochi giorni, adesso invece sperano in una apertura sistrmatica più lunga, data la quantità di neve che c'è.
O forse si riferivano a un modo per rendere più agevole la risalita già da 3000m per chi percorre la pista Trincerone, quella che passa sotto il funifor; l'ultima volta che l'ho percorsa non era possibile scendere fino al passo, ma non era neanche possibile scendere fino alla fine della stessa pista perchè il ghiacciaio si è abbassato così tanto a quota 3000 che per prendere gli impianti dal punto finale della pista dovresti risalire parecchio sul suo fianco; oppure, come feci io, si doveva abbandonare la pista dopo un terzo del suo sviluppo per prendere una stradina orizzontale che rimane a quota 3000 e porta blandamente alla partenza del funifor... ma sulla stradina avevano messo un cancellone chiuso con una catena! Lotte interne, dicevano... C'era chi girava sotto, c'era chi tentava di girare sopra... io sono stato fortunato perchè dopo un paio di minuti che ero lì, cercando di capire cosa fare, è arrivato uno con la motoslitta e ha aperto il cancello per passare, e ha fatto passare anche me. Non so se ci sia ancora quel cancellone, spero di no.
 
Di male in peggio direi. Ma perchè ci sono tutte ste polemiche, sotterfugi e complicazioni dietro lo Stelvio?
Su facebook a ogni foto di ogni ciclista che arriva in cima, nonostante la chiusura della strada, ci sono fiumi di polemiche e insulti, solite menate sui soccorsi che paghiamo tutti ecc... Poi sulle pagine valdostante postano le foto dei ciclisti che salgono al grande e piccolo san bernardo (ancora chiusi pure loro) ed è tutto un fiorire di faccine allegre e nessuna polemica. Bah.
 
Ah pensavo l'avessero aperta anche negli scorsi anni perlomeno a inizio giugno, visto che nell'articolo dice che sono anni che non apre.
la pista che scende al passo resiste come neve in annate normali fino al 15-20 giugno...io l'ho percorsa mi pare in prima decade di giugno anni fa
Dato che è l'unica pista che regala dislivello per l'esperienza che ho fatto se è chiusa non andrei allo stelvio,abbinando la parte alta alla discesa ( percorribile fino alle 11 prima che si squagli) invece lo stelvio è divertente
Oltretutto l'apertura della pista consente di fare su e giu nel frettempo se ci sono piste occupate da atleti,poi quando le liberano ti sposti
La fai nelle prime ore ( io sono salito con la funivia prima delle 8) e dopo dalle 10,30 scii piu in alto fino alle 13-14 con tutte le piste libere
 
Ultima modifica:
  • Like
Reactions: pat
Di male in peggio direi. Ma perchè ci sono tutte ste polemiche, sotterfugi e complicazioni dietro lo Stelvio?
Su facebook a ogni foto di ogni ciclista che arriva in cima, nonostante la chiusura della strada, ci sono fiumi di polemiche e insulti, solite menate sui soccorsi che paghiamo tutti ecc... Poi sulle pagine valdostante postano le foto dei ciclisti che salgono al grande e piccolo san bernardo (ancora chiusi pure loro) ed è tutto un fiorire di faccine allegre e nessuna polemica. Bah.
Io credo che la strada da Bormio sia ancora chiusa ufficialmente , anche se completamante sgombra , per il solo fatto che il lato BZ non e' ancora assolutamente transitabile.
Lasciar salire un mare di moto e auto ( e' quello che succede appena c'e' il via libera ) che poi per forza devono rifare il percorso all' inverso creerebbe non pochi problemi di sicurezza stradale...... e non per colpa della neve a bordo strada
 
Top