Discesa della forcella del Sassolungo

Fabio

Member
Staff Forum
Una volta in seggiovia ho sentito un uomo parlare della discesa della forcella del Sassolungo. Diceva che una volta lasciavano salire con gli sci fino al rifugio Demetz e da li si scendeva fino alla città dei sassi. L'impianto a cabinovia funzionava anche in inverno.
Alcune foto dell'impianto si trovano qui:
http://www.skiforum.it/skiforum/viewtopic.php?t=136

Io la forcella l'ho fatta in estate e non mi sembra molto pendente. Una bella pista ci potrebbe benissimo stare. Solo che non so se ci sono problemi di valanghe, di sassi che cadono o di vincoli ambientali.
Magari si potrebbe lasciare il tracciato come un fuoripista... Fare come le discese del Sass Pordoi. Uno sale e poi può scendere come vuole.

Qui sotto alcune foto della possibile discesa.

forc_sasslong_03.jpg


forc_sasslong_02.jpg


Nessuno che l'abbia fatta? Qualcuno sa la "storia" di questa pista?

Ciao.
 

Fabio

Member
Staff Forum
Altra foto della (forse) vecchia pista della forcella del Sassolungo.
Ciao.
 

Allegati

  • pista_sassolungo.jpg
    pista_sassolungo.jpg
    89.1 KB · Visualizzazioni: 6,968

verbier61

New member
funzionava anche in inverno.... non ci crederai ma l'ho fatta nel ( :shock: ) 1975!
non riesco a capire perchè poi l'abbiano chiusa per l'inverno. Forse perchè non riuscivano a BATTERLA? :wall:
 

Giulietto

PECORELLA SMARRITA
...forse perchè su quella pista se ne ammazzava uno all'anno !
 

Zam

il Fù Zam il Bello
Piste cosi, secondo me è meglio non batterle, cosi ti trovi meno principianti in giro a spazzaneve che rischiano di farsi buttar sotto da qualcuno e soprattutto eviti che i soliti coglioni se la facciano tutta dritta ai 200 senza alcun controllo, e poi adoro le gobbe nelle piste cazzute difendiamole
 

Giulietto

PECORELLA SMARRITA
...bè ..io quando sono tornato ad arabba dopo 6 anni... e ho trovato la nera di portavescovo spianata e senza le gobbe..... mi è venuta un pò di nostalgia..

cmq il problema della forcella è che non ci sono protezioni e il canale è abbastanza stretto..per cui c'erano dei cosiddetti "temerari" che si credevano Tony Valeruz che andavano giù come pazzi...schiantandosi contro le roccie...
 

domen

New member
Giulietto ha detto:
...bè ..io quando sono tornato ad arabba dopo 6 anni... e ho trovato la nera di portavescovo spianata e senza le gobbe..... mi è venuta un pò di nostalgia..

cmq il problema della forcella è che non ci sono protezioni e il canale è abbastanza stretto..per cui c'erano dei cosiddetti "temerari" che si credevano Tony Valeruz che andavano giù come pazzi...schiantandosi contro le roccie...
Che storia è quella di Arabba, spiega spiega.
Il problema del canalone senza protezioni è lo stesso della forcella del Cristallo? Ma nessuno che sa bene "la storia" di questa pista (se così si può definire)? Potrebbero fare una cosa simile alla forcella del Pordoi in cui si può salire a proprio rischio e pericolo. Ma davvero ne sono morti su questa pista?
 

Giulietto

PECORELLA SMARRITA
bè io mi ricordo da piccino (10-12 anni) che mi portavano a fare la "nera di arabba" ed era una gobba unica (se recupero qualche foto ..) e li dovevi imparare per forza a far girare gli sci quando volevi tu..per aggirare quelle gobbe altissime..

poi ci siamo tornati dopo circa 6 anni.. e oltre a quei mega ovoni da 24 (bellissimi!) ho trovato la pista senza gobbe.. sono rimasti i 4 muri in sequenza.. ma senza gobbe !! ...non mi ricordo bene il nome esatto della pista dopo guardo sulla cartina..

...allora la forcella era un pò più complicata di quanto si possa vedere da lontano.. assolutamente fattibile ma non banale.. ho sentito raccontare che ai tempi si arrivava al rifugio si camminava un pò con gli sci e poi si arrivava praticamente su un balcone.. con le punte a penzoloni e la "pista" cominciava un pò più in basso.. il riskio cmq è che ci sono roccie , la pista è quindi abbastanza stretta non battuta con la neve che si sbriciola ...per cui se non hai un buon controllo degli sci riski di capottarti per evitare un sasso.. ruzzolando giu e pigliando magari qualche altro sassolino sulla capoccia...

..per farti un esempio.. Canalone di Madesimo usciamo dalla seggiovia ..vento forte.neve tirata.. facciamo i primi metri e mio papà (scia da 30anni) mentre si sistemava gli occhiali per il vento becca una lastra di ghiaccio.. schiacchia sulle lame.. tak ! si apre un attacco.. poco male capita.. peccato che sullo sci interno non riesce a fermarsi e casca..e la sua bella tuta nuova k-way2000 accelera sul ghiaccio ...in poche parole in pochi metri si ritrova seduto sulla neve cercando di frenare con gli scarponi (inutilmente) fuori controllo...verso le roccie.. per fortuna il suo amico si è accorto di lui e in due ci siamo buttati con gli sci davanti a lui per fermarlo... caduta abbastanza normale in qualsiasi altra pista ! (sul belvedere a canazei poteva farsela tutta col culo che tanto...!) ..molto spavento su quella pista.... abbiamo pensato poi che il modo migliore era girarsi a pancia sotto e puntare un bastoncino tenendolo a due mani nella neve come freno.... )

...anche il Pordoi ha fatto qualche vittima !

cmq qualche abitante della val di Fassa potrebbe raccontare meglio !
 

Silver1964

New member
Discesa Forcella

Io ho 43 anni e questa discesa l'ho fatta quando ne avevo 20.
Sono uno sciatore esperto e comunque posso garantire che era ripida da fare.
Per informazione, c'erano delle reti di protezione disposte lungo la pista orizzontalmente per fermare eventuali sciatori in caduta.

Ed è vero che ogni tanto se ne ammazzava qualcuno !!!

Se riesco a recuperare la foto del periodo l'ha metto online.
Ciao a tutti.
 

Oddo

New member
ciao
io l'ho fatta quando avevo 15 anni,ho 48 anni, con mio padre nel 1976 credo,è stata la mia prima discesa ripida e ghiacciata...mi ricordo solo che se sbagliavi i prini metri finivi sopra le rocce affioranti... :shock:

è una discesa che ha lasciato qualche vittima....
 

il generale

In pausa
X me non drovebbero chiudere nessuna pista!! Basterebbe mettere dei cartelli giganti che recitano:"Pericolo di morte, salite a vostro rischio e pericolo!" ...E poi in caso di incidente far pagare le spese di soccorso, compreso l'elicottero, al temerario di turno! ...in questo modo la selezione è naturale, chi è veramente in grado la può scendere e gli altri ci pensano 2 volte!!! :evil: :evil: :evil:
 

amen

Snowboarder
il generale ha detto:
X me non drovebbero chiudere nessuna pista!! Basterebbe mettere dei cartelli giganti che recitano:"Pericolo di morte, salite a vostro rischio e pericolo!" ...E poi in caso di incidente far pagare le spese di soccorso, compreso l'elicottero, al temerario di turno! ...in questo modo la selezione è naturale, chi è veramente in grado la può scendere e gli altri ci pensano 2 volte!!! :evil: :evil: :evil:

ma che discorsi sono.....

chi è veramente in grado vada a cercarsele con le pelli allora no in funivia...

il gestore deve garantire degli standard di sicurezza immagino....
 

Oddo

New member
amen

hai ragione io allora ero quasi un infante...dopo le mie curve me le sono sempre guadagnate...c'è più gusto :D
 

bomar

Active member
Quella pista lo fatta circa 25 anni fa.Non era una pista . Non la battevano. Ogni anno moriva quacuno specialmente tedeschi; anche se c'erane le reti metalliche di protezione.Esposta a sud-sudest era sempre ghiaccio puro.IO lo fatta con 30 di polvere e me la sono goduta. Adesso si fa solo in salita per poi entrare dentro il sasso lungo e ritornare per il monte Pana.
 

enrysno

Orco surfante
si mi ricordo anche io ero salito con gli ovetti da piccolo
era tipo staunies (sud)
peccato che papà non mi portò a fare la discesa a nord (erano anni con neve!)
sinceramente adesso penso che sia meglio lasciare che si salga a piedi...non è neanche tanta salita partendo da sotto
bello è il giro completo con le due forcelle demetz-dente
sempre che arrivi neve su questo gruppo montuoso che di solito ne ha meno di metà rispetto a posti vicini
 
Top