Monte Passeggio (Pizzo Deta) sui Monti Ernici - 29 gen 2023

fla5

(Super) Skifoso!
Dopo una giornata di total powder nei boschetti appenninici si torna a bomba con una bella scialpinistica (alla fine chiusa con 1200 m D+) sulle montagne del frosinate, vicino Pizzo Deta.

Si parte dal Prato di Campoli a 1150 metri, rispetto alle zone dei Simbruini o Abruzzo qui alle quote basse c'era meno neve ma si partiva già dalla macchina sci ai piedi, sopra i 1300 metri neve in abbondanza con possibilità di sciare più o meno ovunque senza toccare il fondo. Neve che negli strati più bassi è più pesante e sopra più leggera, ottima per il fondo e la coesione degli strati.

Saliamo per la forestale e poi una traccia già aperta che fa il giro largo verso il Monte Passeggio (2063 metri)
20230129_100602.jpg


Si prosegue nella faggeta, a nord neve ancora sugli alberi e polvere a terra, a sud neve che aveva già parzialmente trasformato e rigelato nella notte con crosta (ma confidavamo sul sole)
20230129_104232.jpg


WhatsApp Image 2023-01-30 at 15.42.48.jpeg


Ambiente magico e selvaggio
20230129_105304.jpg


Appena si esce dal bosco si entra in un vallone e si prosegue nel fosso della neve puntando ai monti Fragara (dx) e Passeggio (sx).
Neve tutta di qualità e pendii molto molto invitanti
20230129_112011.jpg


20230129_113142.jpg


Arrivati in quota con croce e galaverna si apre un panorama spettacolare su tutte le principali catene montuose dell'appennino centrale da una parte e il mare (che purtroppo in foto non si vedeva bene) e le isole (Ventotene e Ponza)
20230129_121724.jpg


Veloce panoramica, da sx si vede: La Monna (Campo Catino), Terminillo, Velino, Gran Sasso e Laga, Sirente, Majella, Mainarde.
La cresta è il confine tra Lazio e Abruzzo.
20230129_121826.jpg


Primo piano su Pizzo Deta e relativa discesa sul lato sud, e sullo sfondo Majella e Mainarde (PNALM)
20230129_122154.jpg


Gran Sasso e Sirente lato sud (che mi dicono in gran forma)
20230129_122255.jpg


Decidiamo di scendere lato N-E (verso Pizzo Deta e tornare diretti alla partenza) prima di fare ciò non potevamo non sfruttare almeno una parte del pendio a S-O che aveva neve in parte trasformata ma godibilissima per tirare curvoni a piena velocità
20230129_124832.jpg


Monte Ginepro in primo piano
20230129_132623.jpg


Per scendere dall'altro lato decidiamo di andare a prendere la parte più a nord del pendio, quindi seguiamo la cresta verso Monte Fragara
20230129_132625.jpg


Il ben di dio che ci aspetta con ben 2 tracce :eek:
20230129_132628.jpg


Quindi ci impegniamo al massimo per firmare tutto il firmabile (polvere a nord-est, trasformata con mezzo firn al sole)
20230129_140714.jpg
20230129_140721.jpg
20230129_141028.jpg


Si prosegue con altri pendii in campo aperto fino quasi in fondo dove inizia un boschetto aperto sciabile, neve sempre buona (in fondo trasformata), ultimi 150 metri di dislivello da fare attenzione al fondo ma comunque sciabile.

In conclusione una bella uscita godibile già dalla macchina che regala grandi discese, ambiente selvaggio e panorami notevoli. Bisogna approfittarne quando nevica a basse quote perché chiaramente la neve in basso dura poco.
 

Allegati

  • 20230129_121728.jpg
    20230129_121728.jpg
    208.5 KB · Visualizzazioni: 18
  • WhatsApp Image 2023-01-30 at 15.45.00.jpeg
    WhatsApp Image 2023-01-30 at 15.45.00.jpeg
    141.8 KB · Visualizzazioni: 18

AskY

Sci_cane
Che spettacolo di giornata, e pendii che sembrano fatti apposta per essere sciati!
 

ste1258

Well-known member
Bentornato!
 
Top