Pagina 1 di 13 1234567891011 ... UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 187

Discussione: Skitest Ornello Sport- Passo Monte Croce 2018

  1. #1

    Predefinito Skitest Ornello Sport- Passo Monte Croce 2018

    Il 3 e 4 febbraio si è svolto sulle piste della Croda Rossa di Sesto Pusteria il consueto skitest organizzato da Ornello sport. Come per le scorse edizioni, segnalo che sulla pagina FB “marco ornello pistoni” è presente un’ampissima documentazione fotografica dell’evento e dei materiali testati mentre sul suo forum sono riportate queste note e le impressioni degli altri partecipanti al test su questi e sugli altri sci provati, alcune delle quali per altro, saranno riportate anche qui.

    Aziende presenti: Atomic, Fischer, Head, Rossignol – Dynastar, Salomon, Voelkl.

    Condizione delle piste: sabato 3 febbraio nevischio ma con le piste che hanno tenuto discretamente, domenica 4 variabile con condizioni della neve ottimali.

    Anche se molti di voi mi conoscono da tempo o perché abbiamo sciato insieme oppure perché hanno letto i miei post, riassumo brevemente le mie caratteristiche: età 62, 180 di altezza per 67 kg, sciatore esperto, dotato di una tecnica discreta, che risente della provenienza old style, e di una buona preparazione fisica per l'età; scio solo su pista un po’ con tutto, dai GS FIS, agli SL negozio, ad un allmountain che uso dopo qualche bella nevicata o su neve primaverile.

    Concedetemi ancora solo di ripetere la consueta raccomandazione: ognuno di noi ha le proprie caratteristiche fisiche e tecniche, ha le proprie preferenze ed i propri gusti, ha una preparazione atletica ed un’età diversa dagli altri, per cui è probabile che provando lo stesso sci si possano avere anche sensazioni differenti. Vi prego quindi di tenerne conto leggendo queste righe.

    Ma entriamo nello specifico

    Mi sembra di poter affermare che ormai da un paio di stagioni il campo di battaglia sui cui si stanno sfidando le principali case sia quello degli allround top, sci derivati dagli SL, ma allungati ed addolciti nel comportamento per essere proposti come valida alternativa ai GS negozio che prima la facevano da padroni assoluti nell’ambito dei modelli top da pista. In questo contesto sono nati per primi gli Atomic XT, poi l’XLab di Salomon ed a seguire l’i.race di Head. Sci che proponevano - e propongono - la stessa struttura dei modelli top, ma con sciancrature e raggi intermedi tra un SL ed un GS. Erano entrati sul mercato in punta di piedi, come dei prototipi, dei prodotti di nicchia, quasi per saggiarne le potenzialità e verificarne il successo. Ed il successo, soprattutto per l’XT è risultato strepitoso. Solo che, soprattutto i primi XT, essendo derivati da un SL FIS risultavano un po’ troppo impegnativi per un’utenza normale che vuole divertirsi sulla neve senza dover per forza di cose massacrarsi le gambe. Per cui oggi sul mercato sono arrivati sci più facili, più “turistici” se mi passate il termine, con cui farci anche la settimana bianca ed in grado di soddisfare una fascia di utenza molto più ampia. Uno sci “totale” per la pista, probabilmente lo sci del futuro. E per chi non si accontentasse e volesse ancora di più? Beh, basta prendere il modello standard, montargli una piastra gara ed il gioco è fatto…


    ATOMIC
    La scorsa stagione la casa austriaca aveva rinnovato radicalmente la propria gamma lanciando la serie 9, G, S ed X, tutti dotati del nuovo sistema di ammortizzazione servotec , che andavano a sostituire i precedenti GS, SL ed XT della serie doubledeck. Quest’anno ha rivisto la grafica degli X9, adesso proposti in un colore verde che può piacere o meno, ma non li fa passare certo inosservati, affiancando al modello “normale”, un modello che possiamo definire “master” che monta la piastra/attacco racing e che ne cambia totalmente il carattere.

    Atomic X9 175 racing
    Questo sci è stato in assoluto la star del test; in pratica, come dicevo sopra, è l’X9 dotato della piastra racing, ed è la dimostrazione pratica di come questa componente sia fondamentale negli sci moderni. Questo modello infatti, pur mantenendo l’estrema leggerezza del fratello “normale”, già dalle prime curve dimostra di essere sostanzialmente diverso nel carattere. Dell’X9 infatti ha la facilità e l’immediatezza, tanto che ti sembra di averlo sempre sciato, ma appena si accelera ci si rende conto di come sia decisamente più sostanzioso; reattivo il giusto, non è mai bizzoso o imprevedibile nelle risposte, anzi invita quasi ad aumentare la velocità; più si va forte più lo si sente piantato a terra, è rapido come un SL, ma ha una tenuta ed una precisione ad alta velocità tipica di un GS, e di quelli fatti bene per giunta. Il meglio di se lo dà soprattutto nei cambi di ritmo e di raggio dove diventa veramente una macchina da guerra: gira in un lampo e non ha mai un tentennamento, mai una sbavatura, mai una risposta imprevista, lo metti lì e lui sta lì, ti infonde una sicurezza che pochi altri sci riescono a dare.
    Quando lo scorso anno avevo provato l’X9 avevo concluso la mia recensione scrivendo “E’ l’attrezzo perfetto per chi vuole uno sci per fare di tutto e di più, per andare a spasso e farsi otto ore sulla neve in tutto relax, ma che quando premi il gas risponde immediatamente… però non ti dà mai quella scarica di adrenalina che ti dava il predecessore “cattivo” Xt.” ,
    beh, adesso posso scrivere tranquillamente: “bentornato XT” , anche se dell’XT questo X9 racing (passatemi il termine perché non so quale nome commerciale abbia) ripropone tutto il buono, ma perde quella scorbuticità che contraddistingueva il suo illustre predecessore delle primissime edizioni che lo rendeva parecchio impegnativo e non alla portata di tutti. Cosa aggiungere d’altro? Solo un consiglio, se ne avrete l’occasione, provatelo, sono sicuro che ve ne innamorerete, come se ne sono innamorati tutti quelli che ci sono saliti sopra in questi due giorni.
    PS: ma proprio verde dovevano farlo? Mah…

    Atomic X9 175
    A distanza di un anno ho voluto riprovare l’X9 in versione “standard”, che come dicevo rispetto al modello precedente presenta sostanzialmente solo una veste grafica diversa, verde appunto, ed un attacco dedicato sempre in tinta. Beh, cosa dire? Potrei fare copia e incolla di quello che avevo scritto lo scorso anno: sci sincero, intuitivo, mai impegnativo, perdona molto e resta sicuramente ai vertici della sua categoria, quella degli allround top, in grado di perdonare eventuali errori di impostazione e quindi accessibile ad un’ampissima fascia di potenziali utenti. Uno sci perfetto per chi si vuole divertire, senza avere ai piedi un attrezzo troppo impegnativo e stancante… certo che dopo aver provato la versione racing…


    FISCHER

    Dopo la rivoluzione The curv degli anni precedenti, questa stagione Fischer ha dedicato la propria attenzione prevalentemente al mondo scarponi, lasciando praticamente invariata la collezione sci. E’ stata quindi l’occasione per riprovare un grande classico della casa austriaca.

    Fischer RC4 WC SC 165
    Da qualche anno non salivo su questo modello, che a pari del fratello RC ha fatto la storia della casa austriaca. In questa versione è bellissima graficamente, a parte il buco tappato in punta che non mi è proprio mai piaciuto, e presenta la soletta giallo fluo che è ormai diventata un must per i modelli race di Fischer. L’ho provato sabato pomeriggio con la pista ormai molto sfasciata, che obbligava a continui cambi di ritmo e a girare costantemente su fondo durissimo per evitare i mucchi di neve che si erano ormai creati. Solo in alcuni tratti, quelli più pianeggianti ho potuto farlo correre impostando qualche bella curva da gigante. Forse perché in questi due giorni ho provato un paio di modelli da speciale che hanno un carattere ben più sostanzioso, devo ammettere che mi ha un pochino deluso. Per i miei gusti, infatti, è forse troppo SC e un po’ troppo poco SL, piuttosto diverso da come me lo ricordavo io. E’ facilissimo, tollera tutto, ma manca di mordente. Non lo puoi mettere piatto perché comincia a muoversi, se allarghi il raggio di curva e soprattutto se aumenti la velocità lo senti che diventa ballerino. Ok è pur sempre un derivato da un SL, ma rispetto ai prodotti top della concorrenza mi sembra di un gradino sotto. E’ anche vero che Fischer anche per il corto raggio punta ormai sul The curv in misura corta, ma un pochino di cattiveria in più da uno sci come questo me la sarei comunque aspettato. Lo consiglierei a chi vuole uno slalom carve facilissimo e poco impegnativo, che non sia però alla ricerca della verve tipica dei gara da pali stretti.


    HEAD

    Head da tempo ha adottato – e giustamente a mio parere – la filosofia del “cavallo che vince non si cambia”, per cui anche in questa stagione ha mantenuto praticamente invariate le sue serie top, world cup e supershape, aggiornandone solo la grafica della prima ed introducendo una nuova finitura nei supershape che ne aumentano notevolmente la resistenza ad eventuali graffi o urti superficiali. Però una novità c’è, e che novità…


    Head WC Rebels i.race pro 175
    Come l’i.race 2018 era stata la risposta di Head all’Atomic X9, questo i.race pro vuole essere il concorrente per il nuovo X9 racing e proprio come il suo rivale di Altenmarkt lo ha dotato della piastra gara che già da qualche stagione è presente sul modello da gigante. L’ho provato come primo sci domenica mattina su una pista ancora immacolata e devo confessare di essermi divertito un mondo. Se avevo definito l’i.race normale un supershape speed vitaminizzato, beh questo pro può a sua volta essere considerato un “super i.race”. Gira solo a pensarlo, ma come tutti gli Head, lo fa con naturalezza, non è particolarmente cattivo, però trasmette emozioni vere, è facile, ma mai banale, se lo fai correre va che è un piacere, e proprio come l’Atomic ed il nuovo Salomon race pro di cui parlerò in seguito, ti infonde estrema sicurezza non appena imposti la prima curva. Ti sembra di averlo sempre sciato e quasi ti inviti a spingere ed ad alzare sempre più l’asticella. Rispetto ai suoi due concorrenti mi è sembrato che questo Head giri ancora di più, malgrado abbia lo stesso raggio teorico, pur offrendo la stessa tenuta e precisione quando allarghi le curve e soprattutto aumenti la velocità. Sono convinto che anche il solo cercare i limiti di questa tipologia di sci sia praticamente impossibile per uno sciatore normale, perché nello stretto si comportano tutti come degli SL, anche se sono sempre più facili e perdonano di più dei modelli specializzati, e quando li fai andare vanno come e più di uno sci da gigante. Unica avvertenza, sono pur sempre degli sci con sciancrature aggressive, stretti al centro, per cui un pizzico di accortezza bisogna pur mettercela, perché non amano per niente le internate e nella fattispecie possono diventare pericolosi.


    ROSSIGNOL

    Grandi novità in casa Rossignol per la stagione 2018/19. La casa francese se ha solo aggiornato i master con una nuova piastra che ne accentua ancora di più il carattere sportivo, ha praticamente rifatto il suo modello di punta, l’HERO LT TI.

    Rossignol Master 18 175
    Tutti gli anni lo prendo e ci faccio un paio di giri, e tutti gli anni mi stupisco di quanto sia centrato questo sci. Non so se si può mettere a confronto con gli altri modelli di raggio intermedio “master”, come l’X9 racing e via dicendo, perché il 18, pur essendo più “slalomeggiante” dei suoi fratelli più lunghi, ha pur sempre un raggio superiore di tre metri rispetto ai suoi potenziali concorrenti, ma soprattutto mantiene una struttura più da FIS. E’ lo sci da archi per eccellenza, gira parecchio, ma richiede un discreto sforzo per farlo girare, devi caricare bene la spatola e schiacciare come si deve, e allora lui ti ripaga, come ha sempre fatto, con una risposta a dir poco entusiasmante. Non saprei dire se la nuova piastra ne ha modificato in modo significativo le prestazioni, per poterlo fare bisognerebbe scendere dal vecchio modello e salire sul nuovo, ma di sicuro posso dire che è rimasto un grandissimo sci, anche se comunque più impegnativo di un normale sci da pista “negozio”.


    Rossignol Master 21 180
    E’ un altro dei mei sci favoriti. Invece questa volta proprio non mi sono trovato a mio agio. Fin dalle prime curve non sono riuscito a farlo girare, le ho tentate tutte, ho provato a caricare la spatola, niente, ho provato ad alleggerire la pressione, niente, ho provato a pilotarlo con i piedi, un po’ meglio, ma di poco, proprio non riuscivo a farlo entrare in curva. Ho fatto una seconda pista, pensando che magari dovevo riprendere un po’ il feeling con un gigante vero dopo aver sciato per la maggior parte del test con sci di raggio inferiore (ero appena sceso dall’X9), ma non c’è stato verso… non sono proprio riuscito a farlo andare dove volevo, tant’è che sono sceso piano piano, non nascondo con una buona dose di paura, e l’ho restituito volentieri agli addetti Rossignol, facendomi consegnare il nuovo LT TI. Una preparazione troppo aggressiva per le condizioni della pista? Mah… anche Cesare, che mi aveva preceduto nella prova e che me lo aveva ceduto, non si è trovato a suo agio e come me ha avvertito una estrema difficoltà nel farlo girare… Di sicuro per questa volta non posso esprimere un giudizio, per cui mi riprometto di riprovarlo in altre circostanze.


    Rossignol Hero LT TI 177
    Avete letto bene, non è un errore, la misura è proprio 177 e non più 176 come nella versione precedente. Già perché del vecchio LT TI questo nuovo modello mantiene ben poco, il rosso della serigrafia, la grafica che richiama il vecchio modello e poco altro. Come in passato anche il nuovo sci viene proposto in due versioni, con piastra normale e con piastra racing. Io mi sono fatto dare volutamente il modello standard, che ritengo dovrebbe essere quello maggiormente venduto. Scendendo dal master, che pesa una tonnellata, lo senti piacevolmente leggero, ma non eccessivamente da insospettirti sulla tenuta; inizi a sciarlo e ti rendi conto di quanto sia facile da far entrare in curva, fai una serpentina e lui la fa con dolcezza, aumenti la velocità e risponde bene, cominci a spingere e non fa una piega, sempre prevedibile, mai impegnativo, anche se dà l’impressione di avere ancora tanto a disposizione.
    Quando si va a sostituire un vero e proprio best seller com’è stato per anni l’Hero LT TI, si rischia sempre parecchio, ma in questa occasione mi sembra di poter dire che l’obiettivo sia stato pienamente raggiunto. Questo nuovo LT è un gran bel race carve gigante, che sono convinto come il predecessore avrà un enorme successo, perché è sincero nelle risposte, mai difficile, adatto sia a chi deve ancora migliorare il proprio bagaglio tecnico, sia a chi, pur essendo dotato di un’ottima tecnica, ma magari non di una preparazione atletica adeguata, vuole un attrezzo non eccessivamente impegnativo, ma comunque appagante e divertente. E per chi vuole qualcosa di più? Beh, come in passato può sempre sceglierlo in versione con piastra racing.
    Unico appunto che posso fare: io proprio non riesco a trovarmi a mio agio con gli attacchi Rossignol, che faccio sempre fatica a chiudere e soprattutto ad aprire, pur tarandoli a 8 din che non è certo una misura estrema. Sarà magari l’abitudine, ma li trovo decisamente macchinosi e mi chiedo sempre se dovessi trovarmi per terra su un muro di una nera, come riuscirei a cavarmela.


    SALOMON

    Salomon ha rivisto completamente tutte le sue linee top. Spariscono gli XLab, che vengono sostituiti dai nuovi Race pro ed entra in catalogo anche un SL 165 che affianca i consueti 175 e 182, gli XRace lasciano il campo ai Race Rush, che finalmente presentano modelli specifici da SL e da GS, ed infine la serie XMax, allmountain 100% pista, viene soppiantata dai Blast.

    Salomon Race Pro 175
    Sostituisce l’XLab, ma ne mantiene tutte le caratteristiche che hanno fatto la fortuna di questo sci: immediatezza, velocità nei cambi da urlo, risposte sincere e mai troppo nervose, tenuta sulle curve a lungo raggio da sballo. Se poi sia stato rifatto totalmente, come ci hanno garantito gli uomini Salomon, oppure sia una semplice rivisitazione del vecchio XLab non lo saprei dire, ma sicuramente stiamo parlando del degnissimo concorrente dell’X9, anche se forse un pelo sotto alla nuova versione racing del gemello austriaco. In ogni caso, uno sci da riferimento assoluto in questa categoria.

    Salomon Race Pro 165
    E’ la versione SL top di gamma negozio, che va ad affiancarsi ai più classici 175 e 182. Bell’attrezzo sicuramente, ma forse un po’ troppo cattivo per essere pienamente godibile in campo libero. Declinato in questa misura, a mio parere naturalmente, risulta un po’ troppo duro e reattivo per essere un “negozio”, anche se proprio per queste caratteristiche permette di darci dentro anche nel dritto e raggiungere anche velocità inavvicinabili per altri SL commerciali. Meno equilibrato dei fratelli più lunghi, risulta molto simile un SL FIS, e questa cattiveria la paghi, perché richiede sicuramente un impegno superiore, per cui mi dà l’impressione che tenerlo ai piedi per tutta la giornata, sciandolo come merita, può risultare parecchio faticoso. Proprio per questo motivo, al contrario di altri slalom più giocosi e tranquilli (io sto sciando praticamente da inizio stagione con un Head i.sl) non credo possa essere lo “sci unico” da tenere in rastrelliera, a meno di avere una preparazione fisica adeguata, ma sarebbe da alternato ad un bel race carve GS per quando si vuole andare a spasso o semplicemente farsi una bella giornata rilassata.

    Salomon Race Rush GS 175
    Non ho mai fatto mistero che il precedente XRace non mi è mai piaciuto più di tanto. La filosofia di avere un unico modello in varie misure senza differenziarne in modo netto le specificità tra slalom e gigante non mi ha mai convinto, perché a mio parere questo sci non era né carne né pesce e non mi dava alcuna sensazione particolare in nessuna misura. Ora finalmente Salomon è tornata sui propri passi e propone due linee differenti, un SC ed un GS negozio. In pratica questa nuova linea si rivolge agli appassionati che vogliono qualcosa di derivazione race, ma non troppo esasperato, un concorrente diretto quindi ai vari Supershape speed, Hero LT TI e simili, uno sci per divertirsi su qualunque pista ed in qualsiasi condizione di neve, senza risultare mai eccessivamente stancante. E sicuramente i progettisti ci sono riusciti, perché questo bel RC risulta piacevolissimo da sciare. Rispetto al fratello cattivo Race Pro ha una sciancratura meno aggressiva ed un centro di 5 mm superiore ed un raggio 17 nel 175, che se non gli conferiscono l’oscar nella categoria “velocità nei cambi” o in quella della “brillantezza”, gli garantiscono però una fluidità di comportamento notevolissima. In fatto di performance non è il numero uno sul mercato, ed ammetto che continua a non essere il mio race carve preferito, ma devo riconoscergli che mette sul tavolo un comportamento estremamente equilibrato, tant’è che su alcuni tratti di pista abbastanza deserti, considerando che l’ho sciato durante l’ora di pranzo, mi sono quasi stupito di come possa andare forte senza quasi darlo a vedere e soprattutto senza incutere mai soggezione in chi ci sta sopra.
    Ps: qualcuno si stupirà, conoscendomi, che non abbia provato il 175 e non il 180. Ho optato per questa misura semplicemente perché il 180 non era presente al test, considerando che il 175 è la misura di punta, che viene ritenuta adatta ad un pubblico molto più ampio di sciatori rispetto al 180.

    Salomon Race Blast 175
    E’ il nuovo “XMax”, uno sci allround, o allmountain 100% pista come si dice adesso, che ha tutte le carte in regola per giocarsi il ruolo di numero uno in questo settore, che se in Italia è un po’ snobbato, nel resto d’Europa è quello che fa i maggiori fatturati e traina tutto il settore. La prima cosa che noti prendendolo in mano è la soletta bicolore nero-blu che lo contraddistingue. C’è un motivo per questa differenziazione che non è puramente estetica, ma strutturale, però sinceramente non ricordo quali siano in vantaggi rispetto ad una soletta tradizionale. Altra cosa che sorprende, che rispetto al precedente XMax, è che è sicuramente più pesante. Ha misure abbastanza standard per un allround, 121-72-106 r17, che lo avvicinano molto a quelle di un race carve gigante della stessa misura; ad esempio il fratello Race Rush ha 117-70-99 r17, , mentre il magnum 177, uno dei suoi principali concorrenti diretti è 132-73-111 r14,2. Misure quindi non troppo esasperate e non particolarmente aggressive che hanno il pregio di renderlo accessibile veramente a tutti. E sulla neve questa prima impressione viene immediatamente confermata: facile ed intuitivo come pochi altri sci riescono ad essere, gira molto bene, ma in modo dolce e mai aggressivo, lo metti sullo spigolo e lui va che è un piacere, se schiacci senti che risponde immediatamente agli impulsi che gli trasmetti e lo fa in modo equilibrato e corretto. Non pensiate però che sia un mollaccione capace solo di andare a spasso, perché se ci dai dentro lui è lì pronto a scattare e va che è un piacere. Ci ho fatto una discesa a tutta (per le mie capacità ovviamente) e non mi sono assolutamente mai sentito in difficoltà, anche quando lo sci prendeva velocità era sempre bello piantato e non dava mai il minimo segno che potessi essere nemmeno vicino ai suoi limiti. Se dovessi fare uno dei paragoni automobilistici che amo tanto, lo definirei una berlina di lusso, che fa del confort il suo punto di forza, ma che quando apri il gas risponde con prestazioni inaspettate. Lo sci perfetto da argento in su, proprio perché è in grado di abbinare facilità e buone doti di temperamento. Sentiremo parlare parecchio di questo francesino. Promosso a pieni voti.


    VOELKL

    I tedeschi, come dice la famosa pubblicità, non scherzano mai… ed anche in questo caso hanno fatto sul serio, mettendo le mani al loro modello di punta, il Racetiger che ha un UVO ancora più evoluto e lanciando la nuova serie Deacon che sostituisce la precedente Code.

    Voelkl Racetiger GS UVO 180
    Lo scorso anno non mi aveva pienamente soddisfatto perché a bassa velocità, malgrado fosse l’unico GS presente al test dotato ancora di un discreto rocker, mi era sembrato piuttosto lento ad entrare in curva, mentre aumentando l’andatura la presa di spigolo risultava istantanea. Non so se fosse una situazione dovuta alla preparazione del modello che avevo provato io, ma devo dire che in versione 2019 questo problema è del tutto superato. Lo sci è il solito gran bel puledro, degno del nome che porta. Mi è piaciuto sia per il cambio immediato nello stretto, sia per la tenuta in velocità dove fa dimenticare la leggerezza che lo contraddistingue ed offre una tenuta perfetta. Rispetto al modello dello scorso anno, che mi dava l’impressione lavorasse prevalentemente sulla coda, questo nuovo GS UVO non ti fa sentire minimamente il rocker, risultando più omogeneo nel comportamento. Gran bello sci, mai nevrotico, ma comunque con prestazioni top nella sua categoria. Se posso fare un appunto, la nuova grafica mi sembra ancora più brutta di quella precedente, così come l’UVO è veramente brutto da vedere… ma si sa, de gustibus…

    Voelkl Racetiger SL UVO 165
    Non ho mai nascosto che è uno dei miei sci preferiti. Non sarà il più specialistico, non sarà il più fun, non sarà il più cattivo, ma sicuramente è da sempre il più completo SL negozio in circolazione. Ed anche in questa nuova versione le aspettative non sono andate deluse perché anche questo nuovo Racetiger è ancora lui, uno sci con cui puoi sciare otto ore senza che ti deluda mai, che ti affatichi eccessivamente o che ti possa annoiare. Come sempre è velocissimo nell’entrata in curva (anche se ad esempio il Salomon Race Pro lo è di più) e come prende lo spigolo ti porta dentro e ti spinge con naturalezza ad impostare immediatamente la curva successiva, però lo fa sempre in modo graduale e prevedibile, ti proietta da una curva all’altra in modo quasi naturale, senza trasmetterti quell’effetto fionda che altri SL danno, me che a lungo andare li fanno diventare eccessivamente stancanti. Lui no, lui fa dell’equilibrio la sua forza, e da sempre puoi allargare le traiettorie ed impostare delle belle curve ampie senza avvertire il minimo tentennamento o la minima sbavatura, tanto da renderlo probabilmente uno degli SL più polivalenti in assoluto… si è capito che mi piace, vero? Unico difetto che gli ho trovato è che quando la punta sobbalza su un’asperità l’UVO fa un “tec tec” che proprio non mi piace. Non so se sia una cosa voluta o come spero un difetto dell’esemplare che avevo in prova.


    Come al solito, un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno avuto la pazienza di leggere fino a qui.
    Ultima modifica di renntiger; 05-02-2018 alle 08:26 PM.


  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  3. #2

  4. #3

    Predefinito

    Grande Renn . . .
    Ma il (nuovo) Lab 175 é diverso dal vecchio ? ? ?
    A vederlo dal vero (e in fotografia) mi sembra molto diversa la spatola . . .

    Ps. forse hai scritto male la lunghezza del Volk da “speciale” . . . 180 mi sembra un po troppo . . .

  5. #4

    Predefinito

    I rappresentanti Salomon ci hanno garantito che si tratta di uno sci tutto nuovo, anche se come comportamento è rimasto molto molto simile all'XLab. Sai, in questi casi bisognerebbe poter scendere dal vecchio modello e mettersi ai piedi il nuovo per capire effettivamente quali siano le differenze, ma purtroppo non è possibile.

  6. Lo skifoso renntiger ha 3 Skife:


  7. #5

    Predefinito

    Voelkl Racetiger SL UVO 180
    Belle e attese recensioni Renn, ma come mai hai provato questa misura insolita per un SL?

  8. #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da blizzy Vedi messaggio
    Belle e attese recensioni Renn, ma come mai hai provato questa misura insolita per un SL?
    ok. correggo, grazie

  9. Skife per renntiger:


  10. #7
    Senior Member Skifoso
    Attrezzatura
    Rossignol Master M18 2017, Nordica GS Fis WC plate 184 cm 2017, Atomic Automatic 117 e Nordica WC edt 130

    Predefinito

    Solo una curiosità renn pesi solo 67 kg e tari gli attacchi a 8 din. Ci dai dentro con decisione. Non è forse troppo??
    Grazie x interessantissima recensione

  11. Skife per Gian Maria:


  12. #8

    Predefinito

    Grazie a te. Taro da sempre gli attacchi a 8 din, anche se prima ero sui 75 kg (ho perso una decina di kg negli ultimi mesi a causa di una frattura ad una spalla) e mi sono sempre trovato bene: si sono sempre aperti quando dovevano aprirsi e mi danno sicurezza in condizioni difficili, tipo forti sollecitazioni sul ghiaccio. Non mi vorrei trovare con uno sci che mi si stacca per colpa di qualche colpo.

  13. Skife per renntiger:


  14. #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Gian Maria Vedi messaggio
    Solo una curiosità renn pesi solo 67 kg e tari gli attacchi a 8 din. Ci dai dentro con decisione. Non è forse troppo??
    Grazie x interessantissima recensione
    Qual è il problema ? Io sono 66 e metto a 8.5. Il peso è da vestiti. Fatti un giro qui (lascia stare la categoria dell'età, per tutto il resto è affidabile, opinione non solo mia ma di gente che ne sa):

    http://www.mechanicsofsport.com/skii...alculator.html

  15. Lo skifoso apo ha 2 Skife:


  16. #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da renntiger Vedi messaggio
    I rappresentanti Salomon ci hanno garantito che si tratta di uno sci tutto nuovo, anche se come comportamento è rimasto molto molto simile all'XLab. Sai, in questi casi bisognerebbe poter scendere dal vecchio modello e mettersi ai piedi il nuovo per capire effettivamente quali siano le differenze, ma purtroppo non è possibile.
    Mi complimento per le tue sempre serie ed esaustive recensioni, che per i materiali che ho posseduto condivido pienamente, sarà che siamo abbastanza vicino di età......
    A proposito di Salomon X Race Lab e Atomic X9, io li possiedo entrambi rispettivamente nelle misure 175 e 181, e devo dire che I Salomon hanno una struttura più tosta, sono più grintosi in fase di inversione, mentre gli X9 mi hanno stupito per l'equilibrio generale, se vai piano e vuoi fare un arco stretto lo fai e senza fatica se vuoi correre no problem, sono piantati per terra, io di sci ne possiedo anche diversi altri, ma gli X9 di quest'anno mi hanno stregato, praticamente li ho usati quasi sempre, unico piccolo appunto in fase di inversione hanno un rebound un po' scarso, ma è una cosa marginale.
    Adesso scoprire che ne hanno fatto una versione più tosta mi solletica non poco, ho posseduto anche gli XT prima serie, ma quelli per me erano esagerati per sciarci un'intera giornata.
    Ho guardato qua e la sul web ed ho visto un po' di foto i gli X9 Race sono quelli verdi, senza parapunta e con gli attacchi rossi? ...... il colore è osceno, ma penso che li prenderò lo stesso!
    Ciao e grazie!
    Simone

  17. Skife per simbrend:


  18. #11

    Predefinito

    Grazie Renn è sempre un piacere leggerti, mi mancavano le tue recensioni ora studio tutto

  19. Skife per Manawa:


  20. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da simbrend Vedi messaggio
    ...
    Ho guardato qua e la sul web ed ho visto un po' di foto i gli X9 Race sono quelli verdi, senza parapunta e con gli attacchi rossi? ...... il colore è osceno, ma penso che li prenderò lo stesso!
    Ciao e grazie!
    Simone
    Sono questi:


  21. Skife per renntiger:


  22. #13

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da renntiger Vedi messaggio
    Sono questi:

    Ma chi é il “designer” di Atomic ? ? ?

    Osceno abbinamento . . .

  23. #14

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da wow Vedi messaggio
    Ma chi é il “designer” di Atomic ? ? ?

    Osceno abbinamento . . .
    Un daltonico probabilmente

  24. #15

    Predefinito

    Grazie per la bellissima recensione Renn, sto per acquistare l’attuale rossignol Lt-ti in 176 anche se l’ho trovato uno sci senza troppa verve (come quella del racetiger ad esempio) ma molto centrato sulle mie attuali capacità tecniche...in ottica di avere uno sci che mi diverta di più senza diventare troppo impegnativo pensi che mi convenga aspettare di provare il nuovo Lt con piastra racing?
    Sarebbe il mio unico sci...
    Grazie!

Pagina 1 di 13 1234567891011 ... UltimoUltimo





Tags per questo thread

Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •