Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Mostra risultati da 1 a 15 di 24

Discussione: Report - Un 3000 quasi per caso

  1. #1

    Predefinito Report - Un 3000 quasi per caso

    Dato che Fabio (giustamente) lamenta la scarsità di reportage dalle Alpi Occidentali, do il mio piccolo contributo.
    Avete notato che è pieno di monti da 29** m? Di quelli che dopo tanta faticaccia ti viene voglia di rimproverare, perché già che sono arrivati a così poco dalla fatidica quota, potevano anche toccarla. Invece no! Sembra un vero dispetto delle montagne agli escursionisti.
    Ogni regola ha le sue eccezioni, così il Mont Fallère, sopra il comune di Saint Pierre, vicino ad Aosta, probabilmente per sbaglio, magari per un colpo di tosse o per un bernoccolo preso in giovane età, raggiunge la quota di 3061 m s.l.m. La cima è relativamente isolata, posta sopra il solco principale della Valle d'Aosta, il che ne fa un vero balcone panoramico sui giganti della zona. Sono infatti ben visibili la Grivola, il Mont Avic, il Gran Paradiso, il Rutor, il Monte Bianco, il Grand Combin, il Monte Rosa e il Cervino. La salita prende avvio nella frazione di Vetan a 1770 m. Si parte su facile sentiero che porta al Rifugio Mont Fallère, a quota 2385 m, dove abbiamo pernottato. Il sentiero fino al rifugio è disseminato di statue di legno fatte dal rifugista stesso, che le ha chiamate "Museo a cielo aperto". Raffigurano per lo più animali, anche se non manca, sulla cima del monte, una Madonnina.
    Dal rifugio alla vetta, il sentiero tira per bene, rendendo i 650 metri di dislivello positivo piuttosto faticosi. La parte finale del sentiero è sulla cresta ovest, dove si trova qualche facile passaggio su roccette di I grado, e una placca di roccia attrezzata con tre staffe e una catena. La discesa si è svolta sulla cresta est che offre qualche sali e scendi su roccette interamente attrezzato con catene (tutte recenti e ben piantate, a differenza di certe catene orobiche marce), che si conclude su sentiero che scendendo a zig zag e puntando di nuovo verso ovest riporta al rifugio.

    Prima di iniziare l'escursione vera e propria ci siamo fermati sul fondovalle, a Saint Pierre, per ammirare il piccolo e antico castello Sarriod de la Tour, costruito a picco sulla Dora Baltea, che conserva gli affreschi più antichi della Valle d'Aosta, risalenti al XII secolo.

    Iniziamo con il Castello di Saint Pierre, che non era visitabile a causa di restauri.


    Il Castello Sarriod de la Tour


    Vista da fondovalle: Penso il Rutor


    Portale


    Visioni valdostane (Grivola dal basso)


    A picco sulla Dora Baltea


    Esterni


    Affreschi del XII secolo: Sirene. Da notare il mostriciattolo, che scaccia gli spiriti maligni.
    Nel Medioevo valdostano superstizione precristiana e cristianesimo si fondono




    Ed ora finalemente si va per monti!!

    Casetta valdostana di montagna


    Prime aperture: la Grivola e il suo ghiacciaio


    Esempi di sculture lungo il percorso






    Da orobico, sono rimasto quasi scioccato notando che i pascoli, puri e semplici prati, erano disseminati di irrigatori fissi, neanche fossero campi di grano turco.


    Uno dei miei fiori preferiti è la Rosa Canina, rispetto alle rose da giardino è estremamente semplice, ma trovo che ci sia qualcosa di commovente e prezioso nella sua semplice, delicata fragilità color pastello....

    Rosa Canina






    La meta


    Prime aperture significative verso la valle


    Si vedono le piste di Pila


    Il rifugio si avvicina!


    Sembra quasi uno chalet, sovrastato dalla nostra vetta


    Il giorno seguente si parte alla volta del monte

    Ci lasciamo il rifugio dietro alle spalle


    Vaste praterie di alta quota


    La meta si avvicina


    Il Lac mort, che a dispetto del suo nome, è ricco di fascino


    In cresta, passaggio attrezzato




    Sempre più vicini: passaggi facili su roccette


    Vetta!!!




    Il Grand Combin


    Verso M. Rosa e Cervino, indecorosamente celati da nubi


    Anche al M. Bianco, tocca la stessa sorte...


    Il ghiacciaio del Rutor


    Verso il solco profondo della Valle d'Aosta


    La Grivola, con dietro il Gran Paradiso


    Colpo d'occhio sulle principali valli sulla destra orografica della Dora Baltea


    Verso il Mont Avic e la lontanissima pianura




    Inizio della discesa lungo la cresta est. Dovrebbe vedersi l'attacco della prima catena. Purtroppo la velocità del gruppo non mi ha consentito di fare altre foto lungo il tratto attrezzato


    Alla fine del tratto attrezzato si scende su un sentiero stabile a zigzag lungo una pietraia


    Il Grand Combin si sta pure ammantando di nubi


    Lungo la discesa pianori erbosi


    Laghetto vicino al rifugio






    Fine
    Ultima modifica di Ema93; 14-07-2017 alle 11:31 PM.


  2. #1.5 ADS
    ADV SkiBot
    SkiBanner avatar promo
    Data registrazione
    Da Sempre

    Il forum degli sciatori

    Benvenuti nello Skiforum
    la community degli sciatori italiani sciatori e montagna


    Benvenuti nella community degli amanti degli sport invernali e della montagna. Nello skiforum si discute di:
     » sport invernali: tutti;
     » montagna estiva: escursionismo, alpinismo, mountain bike;
     » turismo: commenti su località e recensioni di hotel ed alloggi;
     » sociale: trova nuovi amici per le tue sciate.


    iscriviti sportivo R E G I S T R A T I allo skiforum


    Registrandoti avrai accesso a tutte le funzioni dello Skiforum e la navigazione sarà più veloce (non apparirà più questo messaggio di benvenuto). Per comunicazioni, commenti o altro: info@skiforum.it

        Buono skiforuming!


  3. #2

    Predefinito

    Un terrazzo in mezzo alla VDA praticamente..bellissima vetta, complimenti Ema.
    Stica che rifugio..

    Quella non è la Grivola, è l'Antelao

  4. Lo skifoso |DOM| ha 2 Skife:


  5. #3

    Predefinito

    Eh beh, vediamo se pur essendo dal Far West, sarà guardato come i report dolomitici! Me lo auguro. Io amo le Alpi tutte!

  6. Lo skifoso Ema93 ha 2 Skife:


  7. #4

    Predefinito

    No no, sorry non era malizia..assomiglia vagamente all'Antelao e te l'ho buttata lì con faccina
    Ma in effetti scrivono molti dell'ovest che abitano sotto posti da favola...sarebbe bello vederne di più come il tuo.

  8. Lo skifoso |DOM| ha 2 Skife:


  9. #5

    Predefinito

    Lo so, ho notato!
    Comunque contemplare tutta la Valle d'Aosta come una carta geografica sotto ai miei occhi, mi ha fatto innamorare di quelle valli e montagne!

  10. Skife per Ema93:

    pat

  11. #6

    Predefinito

    Ehhh anch'io devo recuperare a queste mancanze e vedere molte zone lì. Ne conosco solo un paio.

  12. Lo skifoso |DOM| ha 2 Skife:


  13. #7

    Predefinito

    E' stata la mia prima vera gita valdostana, e non poteva essere scelta migliore, perché da lì si contemplava davvero tutta la Valle!!

  14. Skife per Ema93:


  15. #8

    Predefinito

    Bellissimo il posto e stupende le foto, quelle panoramiche sopprattutto! Anche l'escursione in sè pare molto appagante, grazie di aver condiviso! :)

  16. Skife per Crespeina:


  17. #9

  18. Skife per Il Pordenonese:


  19. #10

    Predefinito

    Secondo il meteo non ci dovevano essere. Che delusione. Il Cervino si è intravisto qualche istante. Il Rosa mai nella sua interezza, e purtroppo nemmeno la vetta del Bianco. Uno sconforto comune a tutto il gruppo. Anche perché consultando i vari siti meteo la sera prima (al rifugio c'è una buona copertura di rete), le aspettative si erano molto alzate. Invece le cime più famose erano tutte coperte. Un dispetto!

  20. Skife per Ema93:


  21. #11

    Predefinito

    che bel giro e che stupenda la grivola
    ha anche un dislivello umano la salita

  22. Skife per cocojambo:


  23. #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente scritto da Ema93 Vedi messaggio
    ...rimontato il primo tratto ripido dopo le baite di Mezzeno, proseguiamo in direzione del passo omonimo, porta d'accesso alla conca dei Laghi Gemelli...

    Certo che anche tu... prima gita valdostana e sei andato a prenderti l'unico angolo simil-orobico della Regione

    PS: Il ghiacciaio del Rutor da lì non si vede perchè scende dall'altro lato, quello che hai fotografato è il versante NE della Testa del Rutor con un ghiacciaio molto più piccolo del Rutor vero e proprio. Nella stessa foto però è interessante segnalare la Grande Casse che spunta da dietro, cima francese di 3855 m del massiccio della Vanoise.

  24. Lo skifoso ste1258 ha 2 Skife:


  25. #13

    Predefinito

    Eh, purtroppo in questi casi si sente la mancanza del Maestro delle cime!
    Comunque certo. Le Orobie sono il paradigma! Le montagne si misurano su base orobica!

  26. #14

    Predefinito

    Molto bella fotocronaca! Complimenti per la splendida gita!

  27. Skife per Kaliningrad:


  28. #15

    Predefinito

    fatto anche io qualche anno fa con lo skiforumista Alexorstag, saliti e scesi per lo zigzag a est ma ci siamo fermati prima della cresta attrezzata perchè stava arrivando una sonora grandinata che ci siamo beccati in discesa.....


    toccata e fuga in VDA o hai in programma altre gite? posso consigliarne qualcuna nel caso

  29. Skife per pierr:


Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo



Regole di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •